Gli scienziati del reggiseno, dopo 70 anni, trovano la formula matematica per quello perfetto

Gli stilisti per più di 70 anni si sono orientati su una formula inventata in America nel 1935, per ricavare i vari formati del reggiseno, prendendo le misure al di sotto ed incrociando sul petto. I ricercatori e scienziati di Hong Kong, dopo tanti anni hanno rivisitato la vecchia formula per ricavare un’equazione matematica differente che permette di  produrre reggiseni con profili più armoniosi e maggiormente comodi per le donne cinesi. Sperano di far adottare il nuovo modello argonomico a tutte le donne del globo.
Gli scienziati che hanno lavorato al progetto, spiegano che esistono più di 100 misure chiave necessarie per produrre la misura perfetta. I formati del reggiseno, da ora in poi, dovrebbero basarsi su un nuovo rapporto profondità/larghezza, denominato DWR.
Il team della Politecnica Università di Hong Kong, ha riportato nel Giornale internazionale dell’ergonomia industriale, alcune note indicative sul nuovo studio:
"La geometria tridimensionale del seno della donna è molto complessa, il sistema attuale di misurazione può essere inadeguato nella categorizzazione dei formati del seno per la produzione dei reggiseni. La conseguenza – precisa il rapporto – è che il 70% delle donne inglesi e non solo, utilizzano reggiseni con misure errate.
I tradizionali formati del reggiseno si sono basati sulle indicazioni di una formula inventata in America nel 1935. Le varie grandezze dei reggiseni , per una più semplice individuazione, sono state contraddistinte da lettere dell’alfabeto:
– Cup A (giovanile);
– Cup B (medio);
– Cup C (grande);
– Cup D (pesante).
Il nuovo  sistema di misura del team dei ricercatori di Hong Kong ha preso in esame l’immagine tridimensionale del seno di 456 donne cinesi.  Le 100 misure chiavi ricavate dai ricercatori, sono state calibrate su otto fattori per descrivere in particolare:
– la forma del seno;
– la forma complessiva;
– il volume del seno;
– la forma interna del seno;
– la forma esterna più bassa;
– l’altezza;
– la pendenza;
–  l’orientamento interno, esterno più bassi.
I ricercatori sottolineano che attualmente, per esempio, il formato ed il volume di un seno "Cup B" (medio), su una piccola cassa toracica è differente da quello su una gran cassa toracica perché potrebbe corrispondere non solo ad una taglia 34B, ma a volte ad una taglia 32C o ad una taglia 36A.
L’uso del metodo DWR, mira ad aumentare il numero di formati attuali del reggiseno, ampliando le misure da otto a 16 combinazioni, per offrire più  scelte alle donne.
E’ la prima volta che un protocollo di misura del reggiseno è proposto sulla base delle caratteristiche tridimensionali virtuali di un seno nudo.
Il nuovo sistema di misurazione, oltre le industrie d’abbigliamento intimo, troverà applicazione anche nel campo medico per identificare con precisione le misure del formato del seno per gli interventi di chirurgia plastica.
Liberamente tradotto da  Telegraph

, , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

6 thoughts on “Gli scienziati del reggiseno, dopo 70 anni, trovano la formula matematica per quello perfetto

  1. Immagino sappiate che prima del reggiseno le donne “tenevano su” il seno attraverso il corsetto.

    Forse non tutti sanno però che un grosso aiuto alla fine dei corsetti, e a vantaggio dei primi reggiseni, fu data durante la Prima Guerra Mondiale dall’associazione delle industrie militari. Esse, allarmate dalle enorme quantità di metallo che andava sprecato per realizzare le stecche per irrigidire i corsetti, cominciarono a spingere a favore del neonato reggiseno.

    Le industrie belliche affermarono di avere salvato, con questa campagna, ben 28.000 tonnellate di metallo, “abbastanza per costruire due navi da battaglia”.

    Insomma: col reggiseno le donne hanno favorito i guerrafondai. 😉

  2. A quando le ricerche per stabilire la giusta dimensione della mutanda da uomo?

    Anche in quel caso le variabili sono tante…

  3. se i modelli di reggiseno cinesi seguono le taglie dei pantaloni e dei vestiti che si trovano al mercato allora c’è uno “sfalsamento” di taglie! : )

Lascia un commento