Gli integratori di semi di lino migliorano la salute, riducono l’obesità

La ricerca sui topi suggerisce che la fermentazione delle fibre di semi di lino nell’intestino cambia il microbiota, migliora la salute metabolica, proteggere contro l’obesità indotta dalla dieta. Lo studio è stato pubblicato in anteprima su American Journal of PhysiologyEndocrinology and Metabolism.
Gli organismi che vivono nel tratto digestivo (microbiota intestinale) svolgono un ruolo nella regolazione del peso e nel modo in cui il corpo elabora lo zucchero (tolleranza al glucosio). La scomposizione delle fibre alimentari nell’intestino – un processo chiamato fermentazione può produrre cambiamenti favorevoli nel sistema digestivo, come l’aumento degli acidi grassi benefici, ridurre la produzione di tessuto adiposo nel corpo e migliorare la funzione immunitaria.
I semi di lino (prodotti dalla pianta del Linum usitatissimum), ricchi di fibre, migliorano i livelli di colesterolo e l’infiammazione del colon. Tuttavia, ci sono poche ricerche sulla fermentabilità dei semi di lino e su come la fibra di semi di lino influisce sulla flora intestinale.
I ricercatori hanno studiato i topi associati a quattro diverse diete:

– una dieta standard che conteneva il 4,6% di fibra di soia (“controllo”);
– una dieta ad alto contenuto di grassi che non conteneva fibre (“ad alto contenuto di grassi”);
– una dieta ad alto contenuto di grassi che conteneva il 10% di fibre di cellulosa indigeribile (“cellulosa”);
– una dieta ricca di grassi che conteneva il 10% di fibre di semi di lino (“semi di lino”).

Il team di ricerca ha misurato la quantità di ossigeno utilizzato dai topi, l’anidride carbonica prodotta, il cibo e l’acqua consumati, e l’energia consumata; al termine dello studio ha misurato anche la tolleranza al glucosio.
I ricercatori alla conclusione delle 12 settimane, ha esaminato il contenuto cecale degli animali, batteri e altri materiali biologici nel tratto che costituisce l’inizio dell’intestino cieco.
Rispetto agli altri gruppi è emerso che il gruppo ad alto contenuto di grassi aveva meno batteri associati a una migliore salute metabolica, livelli più bassi di acidi grassi benefici e più di un batterio legato all’obesità.
I livelli di batteri sia nella cellulosa sia nei gruppi della cellulosa e dei semi di lino sono tornati a livelli più sani rispetto al gruppo ad alto contenuto di grassi.
Il gruppo dei semi di lino era fisicamente più attivo e aveva un aumento di peso inferiore a quello degli altri gruppi dietetici ad alto contenuto di grassi.
I topi che hanno ricevuto integratori di semi di lino avevano anche un migliore controllo del glucosio e livelli di acidi grassi benefici paragonabili al gruppo di controllo sano.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →