Gli esperti pensano di aver finalmente risolto il mistero del maledetto volo MH370 di Malaysia Airlines (Video)

Tutte le 239 persone tranne una del condannato Malaysia Airlines Flight 370 probabilmente erano rimaste incoscienti, rese inabili dall’improvvisa depressurizzazione del Boeing 777, non avevano modo di sapere che stavano percorrendo un lungo e tortuoso cammino verso la loro morte.
La giuria di esperti ha detto che quel percorso è stato una deviazione breve ma rilevante vicino a Penang, in Malesia, la città natale del pilota, capitano Zaharie Ahmad Shah: in due occasioni (probabilmente era l’unico sveglio) inclinò il velivolo a sinistra. Gli esperti ritengono che Zaharie Ahmad Shah, il pilota dell’aereo, stesse dando un’ultima occhiata all’esterno.
E’ questa la teoria agghiacciante sulle ore finali del volo MH370 che il team di analisti riunito in Australia ha spiegato a 60 Minutes (vedi video registrazione) il programma televisivo americano di newsmagazine trasmesso dalla televisione CBS. Sospettano che la sparizione dell’aereo nel 2014 e l’apparente schianto siano stati causati dal suicidio del 53enne Zaharie Ahmad Shah, un atto premeditato di omicidio di massa.

Gli esperti credono che Zaharie Ahmad Shah abbia prima depressurizzato l’aereo, per far perdere conoscenza a chiunque a bordo non avesse indossato una maschera di ossigeno. Ciò spiegherebbe il silenzio dall’aereo mentre virava selvaggiamente fuori rotta: nessun Mayday per indicare un’immediata necessità d’aiuto lanciato dalla radio del velivolo, nessun messaggio di addio dei passeggeri, nessun tentativo di chiamate d’emergenza, questo spiegherebbe anche come chi aveva il controllo, ha avuto il tempo di manovrare l’aereo fino alla posizione finale.
Il relitto non è stato trovato, anche se centinaia di milioni di dollari sono stati investiti in quattro anni di ricerca. Il segreto di quello che è successo nei momenti finali del volo sfortunato e il motivo alla base di tutto, probabilmente è svanito con la morte dei passeggeri e il pilota.
I partecipanti al programma “60 Minutes” comprendeva specialisti dell’aviazione, l’ex capo del Dipartimento della sicurezza dei trasporti australiano incaricato di indagare sull’incidente di MH370 e un esperto oceanografo, hanno proposto quella che secondo loro è la teoria più probabile.
Larry Vance, canadese, esperto investigatore di aeromobili ha detto:
«La questione più discussa è il momento in cui il pilota dopo aver spento il transponder, ha depressurizzato l’aereo, rendendo incoscienti i passeggeri. Si stava uccidendo, ammazzando tutti quelli che erano a bordo. E l’ha fatto deliberatamente».
Simon Hardy, pilota e istruttore Boeing 777 ha detto:
«Il sospetto suicidio di Zaharie Ahmad Shah potrebbe spiegare una stranezza sulla traiettoria finale dell’aereo: quella svolta inaspettata a sinistra. Il capitano Zaharie ha inclinato in basso la sua ala per vedere Penang, la sua città natale. Guardando con attenzione si può notare che in realtà è una svolta a sinistra, quindi ha iniziato una lunga svolta a destra. E poi ha fatto un’altra svolta a sinistra. Ho passato molto tempo a pensare cosa significasse, quale fosse la ragione tecnica per questo, e, dopo tre mesi ho finalmente ottenuto la risposta: qualcuno, probabilmente il pilota, stava guardando fuori dal finestrino. Potrebbe essere stato un lungo, commovente addio emotivo, o un breve, commovente addio alla sua città natale».
Il volo 370 è scomparso l’8 marzo 2014, poco dopo aver lasciato Kuala Lumpur, diretto a Pechino. Si pensa che si sia schiantato nell’estremo oceano indiano meridionale. I governi della Malesia, della Cina e dell’Australia ufficialmente hanno terminato la ricerca nel gennaio 2017. Il rapporto finale dell’Australian Transport Safety Bureau ha detto che le autorità non erano più in grado di conoscere le ragioni della scomparsa dell’aereo o la posizione esatta del suo relitto.
Gli esperti nel programma “60 Minutes” hanno cercato di rispondere a una delle più grandi domande sul volo: come potrebbe scomparire un aereo moderno tracciato da radar e satelliti?
Hanno risposto che Zaharie Ahmad Shah, voleva farlo. Pilota esperto, con quasi 20.000 ore di esperienza di volo, nella sua casa aveva costruito un simulatore di volo, sapeva esattamente come sparire. Simon Hardy ha detto:
«A un certo punto, ha volato vicino al confine tra la Malesia e la Thailandia, attraversando lo spazio aereo di entrambi, per questo nessuno dei due paesi considerava l’aereo come una minaccia perché si trovava ai margini del proprio spazio aereo. Entrambi i controllori non si erano preoccupati di questo misterioso aereo perché non era più nel loro spazio aereo. Io per provare a fare sparire un 777 avrei fatto la stessa cosa. Per quanto mi riguarda, è un volo molto preciso, ha fatto il suo lavoro».
News.com.au ha scritto che le ipotesi degli esperti sono solo teorie e non completamente nuove. Zaharie Ahmad Shah e il co-pilota Fariq Abdul Hamid fin dall’inizio sono stati i primi a essere sospettati per la scomparsa dell’aereo. Correva voce che il matrimonio di Zaharie Ahmad Shah stesse finendo e che avesse buttato giù l’aereo dopo aver appreso che sua moglie stava per lasciarlo.
Un’altra teoria era che dirottò l’aereo per protestare contro l’incarcerazione di Anwar Ibrahim, allora leader dell’opposizione in Malesia.
Un gruppo chiamato Brigata dei Martiri Cinesi rivendicò la responsabilità per l’abbattimento dell’aereo, i funzionari l’ha definita una bufala.
E’ stato appurato che due uomini sull’aereo avevano passaporti falsi, uno era apparentemente un richiedente asilo, nessuno dei due aveva collegamenti con il terrorismo.
Associated Press ha detto che il rottame dell’aereo, potrebbe fornire alcune informazioni su ciò che ha causato l’incidente dell’aereo. L’ultimo tentativo di scoprirlo è stato finanziato con 70 milioni di dollari da parte di una società texana chiamata Ocean Infinity. La missione ha scannerizzato 500 miglia quadrate il giorno durante una ricerca di tre mesi.
Oliver Plunkett il CEO di Ocean Infinity, ha dichiarato che la tecnologia della società si è rivelata “eccezionalmente valida” e ha raccolto “quantità significative di dati di alta qualità”.
Resta il fatto che al momento non è stata trovata traccia del Malaysia Airlines Flight 370.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento