Gli astronauti per missioni prolungate nello spazio dovranno indossare occhialini da nuoto

I risultati di una nuova ricerca suggeriscono che nelle future missioni spaziali gli astronauti per proteggere i loro occhi e la vista dovranno indossare occhialini da nuoto, perché la ridotta pressione nello spazio, minaccia la salute dei loro occhi.
Gli astronauti nel lungo volo spaziale possono sperimentare cambiamenti nei loro occhi e nella vista a causa della ridotta pressione. Astronauti in missione prolungata a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, ad esempio, hanno manifestato cambiamenti avversi agli occhi.
Jessica Scott, dell’University Space Research Association di Houston, Texas, e colleghi lo scorso 18 aprile hanno pubblicato il loro studio su Jama Ophthalmology, afferma che fino al 75% degli astronauti sviluppa cambiamenti neuro-oculari durante o dopo missioni ISS che durano più di tre mesi.
I ricercatori hanno detto che questi cambiamenti indesiderati possono protrarsi per anni anche dopo che gli astronauti sono tornati sulla Terra. Jessica Scott e colleghi volevano scoprire se l’esercizio fisico e l’uso di occhialini da nuoto possono aiutare a ovviare a questo problema, così hanno chiesto a 20 uomini di simulare gli effetti dell’esercizio fisico nello spazio.
Gli uomini hanno trascorso tre giorni presso il Centro Spaziale della NASA a Houston, dove hanno completato gli esercizi mentre erano sulla schiena e inclinati a testa in avanti: in queste attività, dieci dei partecipanti indossavano occhialini da nuoto.

Indossare occhialini da nuoto può aiutare a ridurre la pressione negli occhi
Jessica Scott e colleghi hanno scoperto che l’esercizio fisico era associato a una pressione ridotta nell’occhio. L’uso di occhialini da nuoto, tuttavia, è stato associato a un modesto aumento della pressione oculare, ciò nei voli spaziali di lunga durata può aiutare a ridurre alcuni degli effetti indesiderati sugli occhi.
I ricercatori hanno detto che lo studio deve essere replicato in volo spaziale per scoprire se l’aumento della pressione oculare con gli occhialini da nuoto è sicuro ed efficace. I risultati possono essere cruciali per gli astronauti che hanno bisogno di rimanere nello spazio per molto tempo, specialmente quelli che saranno coinvolti nella prevista missione su Marte.

Inclinazione testa in giù, simulazione di microgravità
Inclinazione testa in giù (HDT) è la posizione in cui il letto inclinabile è spostato dalla posizione orizzontale in modo che la testa si trovi a un livello inferiore rispetto ai piedi, può essere ad angoli diversi, ma l’angolo più comunemente usato è un HDT di 6 gradi. La posizione HDT può essere utilizzata come una forma di simulazione di microgravità per diversi periodi di tempo, varia da pochi minuti a pochi mesi, secondo il protocollo di studio. E’ usato per simulare alcuni degli effetti che la microgravità può avere sulla fisiologia umana. Alcune tavole inclinabili combinano anche la possibilità di avere una posizione d’inclinazione in cui il volontario è inclinato dalla posizione orizzontale in modo che la testa si trovi a un livello più alto dei piedi.
I ricercatori nel loro studio hanno scritto:
«I nostri risultati suggeriscono che in uomini sani i cambiamenti nell’emodinamica cerebrale, durante e dopo l’inclinazione testa in giù (HDT) e maggior attività fisica, sono associati a un’emodinamica cerebro-oculare alterata e a pressioni, ma questi cambiamenti possono essere parzialmente mitigati indossando occhialini da nuoto.
La successiva valutazione in volo spaziale può essere giustificata per determinare se un modesto aumento della IOP (pressione intraoculare, riferita alla pressione del fluido all’interno dell’occhio), sia una contromisura sicura ed efficace durante le missioni di lunga durata e le future missioni di esplorazione».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →