Gli annunci che promuovono siti sessualmente espliciti non sono più ammessi sulla rete pubblicitaria di Google AdWords

I siti porno in cerca di pubblicità con Google dovranno trovare altri posti, dove andare. Il gigante della ricerca dal 1° luglio 2014 ha messo in atto una nuova politica che vieta sulla sua rete pubblicitaria la promozione di siti sessualmente spinti. Il cambiamento annunciato a marzo riguarda i siti che pubblicizzano hardcore o “rappresentazioni grafiche di atti sessuali“, tra cui la masturbazione e il sesso orale.
Il network, chiamato Google AdWords è un servizio online di advertising che permette di inserire spazi pubblicitari all’interno delle pagine di ricerca di Google. Questi annunci sono visualizzati solitamente in alto, a destra e sotto i risultati di ricerca e sono selezionati da un algoritmo che, tra le tante variabili, tiene conto delle keyword ricercate dall’utente. Così facendo saranno mostrati annunci pertinenti agli scopi dell’utente, migliorando così anche l’investimento da parte delle aziende che pubblicano tramite questo servizio. AdWords è la principale fonte di remunerazione per il gruppo Google che nel 2013 ha permesso di guadagnare più di 50 miliardi di dollari. Google nel trimestre più recente ha reso 13,8 miliardi dollari in entrate pubblicitarie, pari al 90 per cento del fatturato totale della società.
Un portavoce di Google ha rifiutato di suddividere la percentuale di quanti siti sessualmente espliciti fanno pubblicità su AdWords. Alla domanda su cosa ha spinto il cambiamento, ha affermato che l’azienda periodicamente aggiorna la sua politica, da molto tempo ha linee guida rigorose quando si tratta di contenuto sessualmente esplicito.
Alcuni imprenditori nel settore del porno hanno detto di essere stati colti di sorpresa. Theo Sapoutzis, presidente e CEO di AVN Media Network alla CNBC ha detto:
«Nel 2002 sono stato uno dei primi inserzionisti di AdWords, questa storia sul porno va avanti da dodici anni, non aspettatevi il cambiamento a breve».
Google non è la prima volta che è intervenuta per frenare i contenuti per adulti sulle sue proprietà come Blogger, lo scorso giugno ha vietato ai blog porno di fare soldi con annunci per i siti web per adulti. Mentre ora gli annunci porno sono banditi su Google AdWords, la politica di aggiornamento consente ancora di promuovere strip club e siti d’incontri per adulti.
La notifica del cambiamento è stata inviata con un’e-mail alle aziende che prima del mese di giugno erano state individuate in una posizione di violazione della nuova politica, Google ha scritto:
«Dalle prossime settimane, non accettiamo più annunci che promuovono rappresentazioni grafiche di atti sessuali pornografici, compresi gli atti sessuali come la masturbazione e il sesso orale. Chiediamo che si apportino modifiche necessarie ai vostri annunci e siti per conformarsi in modo che le campagne pubblicitarie possano continuare a funzionare».
Il cambiamento arriva mentre Google continua a investire in altre forme di pubblicità online, soprattutto il video. Google il mese scorso ha annunciato di aver acquisito mDialog, una società specializzata nella tecnologia di pubblicità video, permette di gestire e distribuire video advertising su più schermi, inclusi Android il sistema operativo di Google per dispositivi mobili e Apple (iOS) il sistema operativo per dispositivi mobili disponibile su iPhone, iPod Touch e iPad.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento