Giappone, scarica la ragazza, pesantemente multato, per fine rapporto non autorizzato

Un uomo accusato di aver scaricato illegalmente in una discarica la sua compagna siliconata, è stato punito con una forte ammenda

giapponeseIl 21 agosto, un uomo di 60 anni, disoccupato, residente ad Izu (prefettura di Shizuoka), ha avvolto in un sacco a pelo, la sua ragazza siliconata (un metro e settanta d’altezza per cinquanta chili di peso), l’ha portata in una zona boscosa, lontano dalla città per scaricarla …. in una discarica.
Il 1° settembre, dopo quasi due settimane, una coppia a passeggio con il cane, chiamava la polizia, dopo aver scoperto quello che sembrava essere un cadavere: un corpo avvolto in un sacco, con all’estremità, una testa coperta da capelli neri, fuoriuscire dal sacco.
La polizia, trasferito il corpo all’istituto di medicina legale, iniziava immediatamente ad indagare. Alcune ore dopo, i patologi forensi del laboratorio di medicina legale, nel momento in cui iniziavano ad incidere il "cadavere", per eseguire l’autopsia, realizzavano che il corpo era quello siliconato di una sofisticata bambola sessuale, probabilmente utilizzata per organizzare uno scherzo di cattivo gusto, per prendere in giro le autorità. un affronto inaccettabile, per la polizia, l’autore del macabro scherzo doveva essere rintracciato a tutti i costi, per punirlo con una dura condanna.
Il 6 settembre, dopo aver seguito telegiornali e giornali radio, l’uomo più ricercato del Giappone, ha contattato la polizia:
"Non immaginavo di scatenare tutto questo putiferio per aver scaricato la mia compagna".
Un portavoce della polizia ha spiegato:
"L’uomo, dopo la separazione dalla moglie, aveva vissuto per molti anni con la bambola sofisticata. Il giorno in cui ha deciso di troncare i rapporti con la sua "bambola sessuale", era confuso, non se la sentiva di tagliarla a pezzi per buttarla in un cassonetto dei rifiuti, per questo ha scelto di gettarla illegalmente in una discarica".
Le ultime notizie, riportano che l’uomo, protagonista di questa storia, si è rammaricato del fatto che la sua bambola realistica è stata scambiata per un cadavere.
Ora deve pagare una pesante multa per aver violato la bambola sessuale e la ferrea legge giapponese sulla gestione dei rifiuti.
, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

10 thoughts on “Giappone, scarica la ragazza, pesantemente multato, per fine rapporto non autorizzato

  1. Cica felice serata, baciotto*
    lateresa le discariche giapponesi, sono sacre, guai a scaricare, bambole e affini :-), ciao*

  2. Caro Pattinando,questi giapponesi mi sembran davvero troppo seriosi…….figurarsi che qui da noi non proteggono neppure le donne in carne ed ossa,purtroppo!!!!!!!!!

    Saluti saccheggiati!!!!!!!!!!!

  3. Photobucket

    Compagne con quelle misure non si buttano…

    ****

    che volto avrà avuto la bambola? lineamenti asiatici o occidentali?

    Ciao, pattinando!

  4. Saamaya Purtroppo, anche in questo campo, ci “differenziamo” dal resto d’Europa, non abbiamo ben afferrato l’importanza di fare la raccolta differenziata. ciao*
    tumbergia , hai fatto bene, la gif è simpatica.

    Il volto della bambola, tipicamente giapponese, con gli occhi occidentali :-). ciao*

Lascia un commento