Gaza mentre la crisi peggiora, costretta a riversare i liquami direttamente in mare

I Comuni di Gaza hanno annunciato che dall’enclave costiera palestinese pomperanno le acque reflue direttamente in mare a causa della carenza di carburante e della disperata situazione umanitaria nella Striscia.
Nizar Hejazi, capo del comune di Gaza City ha detto:
«Le spiagge della Striscia di Gaza saranno completamente chiuse, le acque reflue saranno pompate in mare perché i comuni non sono in grado di fornire carburante per gli impianti di trattamento».
Nizar Hejazi in una dichiarazione che rappresenta le municipalità di tutta la zona ha evidenziato:
«La politica di punizione collettiva continua a essere imposta alla popolazione. Annunciamo uno stato di emergenza nelle città e nei comuni della Striscia di Gaza, i servizi saranno ridotti del 50%».
L’unica centrale elettrica a Gaza ha smesso di funzionare la scorsa settimana a causa della mancanza di carburante, lasciando la Striscia totalmente dipendente dalle importazioni.
Israele per oltre un decennio ha imposto un paralizzante blocco a Gaza, mentre l’Egitto negli ultimi anni per misure di sicurezza in gran parte ha sigillato il suo confine.
I residenti nella Striscia di Gaza in questo periodo durante il giorno ricevono solo un paio d’ore di energia. Il valico di Rafah con l’Egitto per casi umanitari da oggi è stato aperto per quattro giorni, è la seconda apertura di quest’anno.
Il mese scorso l’inviato delle Nazioni Unite ha avvertito che l’enclave era sull’orlo del “collasso totale”.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento