FaithLeaks il “Wikileaks per la Religione” ha pubbicato documenti su presunti abusi sessuali all’interno di una congregazione di Testimoni di Geova

FaithLeaks, una giovane organizzazione per la trasparenza incentrata su comunità religiose, questa settimana ha pubblicato il suo primo grande scoop: una raccolta di 33 lettere e documenti collegati a un’indagine interna su presunti abusi sessuali di una congregazione di Testimoni di Geova.
FaithLeaks come altre organizzazioni che denunciano irregolarità, fornisce alle fonti la possibilità di inviare documenti sensibili in forma anonima, che poi il sito pubblica. FaithLeaks utilizza SecureDrop, un sistema open-source crittografato adoperato anche dai media più diffusi, tra cui il New York Times e ProPublica. SecureDrop utilizza la rete anonima di Tor per facilitare l’invio di contributi senza lasciare traccia online.
Fondata a novembre da due ex mormoni, FaithLeaks ritiene che “una maggiore trasparenza all’interno delle organizzazioni religiose si traduca in meno falsità, meno corruzione e meno abusi“.
I documenti pubblicati questa settimana vanno dal 1999 al 2012, sono devastanti, includono dettagli sulle accuse di tre donne contro un membro di una chiesa. Il primo caso riguarda le denunce fatte dalla figlia adulta dell’uomo, l’ha accusato di abusi sessuali iniziati quando aveva 5 anni (i nomi sono stati redatti in tutti i documenti di FaithLeaks.) Un’altra figlia e una donna estranea si sono poi fatte avanti per muovere accuse di abuso contro lo stesso uomo; la seconda figlia ha detto che suo padre aveva iniziato a “accarezzarla e toccarla” all’età di 3 anni, e ha iniziato a violentarla a 8 anni.
Il primo documento, un rapporto dettagliato della congregazione locale alla sede centrale dei Testimoni di Geova a Brooklyn, mette in chiaro che la chiesa ha trovato credibile il primo accusatore: “Sembra certamente che si trattasse di eventi reali“, conclude la lettera. “E’ nostra opinione che queste accuse abbia sostanza”.
I documenti che seguono riportano le azioni dei leader dei Testimoni di Geova per molti anni impegnati a trattare le accuse internamente, senza andare alla polizia. Uno dei documenti descrive un incidente in cui l’imputato ha apparentemente violato un ordine restrittivo nei confronti di una delle presunte vittime; i dirigenti della chiesa lo criticarono per aver chiamato la polizia, accusandolo di “aggirare l’organizzazione teocratica a causa dei suoi sentimenti personali”. I dirigenti della chiesa revocarono alcuni privilegi all’imputato e lo scomunicarono, ma fu reintegrato dopo solo un anno.
I fondatori di FaithLeaks in futuro sperano di far luce sulla corruzione e le occultazioni all’interno di altre comunità religiose. Ryan McKnight a Religion News Service ha detto:
«Il nostro obiettivo è ridurre la quantità d’inganni, menzogne e comportamenti non etici che esistono in alcuni membri della religione. Se qualcuno ha documenti che meritano di essere resi pubblici, siamo qui per aiutare».
Ryan McKnight e il suo co-fondatore Ethan Dodge, affermano di essere particolarmente interessati ai documenti che si riferiscono alle finanze, alle politiche e procedure della congregazione e alle informazioni sugli abusi sessuali.
Ryan McKnight nel 2015 è stato coinvolto per la prima volta nel facilitare il “whistleblower” (identifica un individuo che denuncia pubblicamente o riferisca alle autorità attività illecite o fraudolente) che ha rivelato le nuove politiche della “Chiesa di Gesù Cristo degli Ultimi Giorni” relative ai mormoni nelle relazioni tra persone dello stesso sesso. Il rilascio dei documenti ha causato un forte contraccolpo all’interno della chiesa.
Ryan McKnight e Ethan Dodge hanno fondato MormonLeaks, un gruppo di trasparenza che da allora ha rilasciato decine di documenti interni della chiesa dei Mormoni, tra cui paghe, budget e documenti di pubbliche relazioni. Ben presto divenne chiaro che c’era un interesse più ampio. Ethan Dodge in occasione di una conferenza dell’estate scorsa, ha parlato di MormonLeaks, ha detto di essere stato immediatamente contattato da persone che volevano creare sistemi simili per “un’ampia gamma di religioni e culti“. La coppia ha fondato la Truth and Transparency Foundation a novembre, funge da organizzazione di riferimento sia per FaithLeaks sia per MormonLeaks.
E’ facile immaginare che FaithLeaks sia usato da informatori in un’ampia gamma di comunità religiose, è da notare che finora il più grande interesse ed entusiasmo è arrivato dagli ex della Chiesa di Scientology, Testimoni di Geova e dai mormoni. Si tratta di organizzazioni notoriamente segrete e affiatate che possono essere difficili da criticare pubblicamente per i loro iscritti; anche le singole chiese protestanti possono essere autoritarie e segrete, ma di solito ci sono dozzine di altre comunità locali, il che rende relativamente facile per i membri scontenti di andarsene.
Gizmodo riferisce che nelle prossime settimane FaithLeaks rilascerà altri documenti riguardanti gli abusi sessuali all’interno della comunità dei Testimoni di Geova.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →