Facebook costretta a spiegare come tiene traccia degli utenti non consenzienti

I legislatori americani hanno nuovamente criticato il comportamento di Facebook, dopo che l’azienda ha spiegato come continua a seguire gli utenti, anche se l’hanno esplicitamente proibito.
In precedenza, due senatori avevano inviato una lettera a Facebook in merito al rilevamento della localizzazione dell’utente, chiedendo al colosso dei social media di spiegare come raccoglie questi dati e come continua a monitorare gli utenti anche quando hanno chiesto, di non essere tracciati.
Rob Sherman, vice capo responsabile della privacy di Facebook, come risposta al democratico Christopher Coons e al repubblicano Josh Hawley, ha ammesso che Facebook ha adottato misure per continuare a tracciare gli utenti anche dopo che ha disattivato i servizi di localizzazione (GPS) sul proprio cellulare. Ha spiegato che Facebook deduce la posizione dagli indirizzi IP degli utenti e dalle loro interazioni con Facebook: ad esempio, se confermano costantemente la loro partecipazione a eventi con una posizione, specifica attraverso un evento su Facebook, quando fanno il ‘check-in’ in un ristorante o in un negozio o applicano un tag di posizione a una foto, oppure essere taggati da un loro amico in un post di check-in.
Ha evidenziato che questi metodi consentono un tracciamento meno preciso di quello che è possibile fare quando gli utenti acconsentono esplicitamente al tracciamento tramite GPS, in genere è limitato all’area della città o del codice postale. Facebook ha un team dedicato d’ingegneri responsabili della gestione e dell’analisi dei dati, potrebbero informare l’azienda della posizione approssimativa dell’utente tramite un’API interna.
Rob Sherman ha anche osservato che Facebook pubblica sempre annunci in base alle informazioni sulla posizione, anche dopo che un utente ha scelto di disattivare il rilevamento della posizione dal proprio cellulare. Ha scritto:
«Per necessità, praticamente tutti gli annunci su Facebook sono mirati in base alla posizione, anche se più comunemente gli annunci sono indirizzati a persone all’interno di una determinata città o di una regione più grande».
Christopher Coons e Josh Hawley, hanno criticato la risposta di Facebook alla loro lettera, richiamandola per aver continuato a fare soldi con le informazioni personali che gli utenti hanno dichiarato esplicitamente di non voler condividere su Facebook.
Christopher Coons ha detto:
«Facebook afferma che gli utenti hanno il controllo della propria privacy, ma in realtà non hanno nemmeno la possibilità di impedire a Facebook di raccogliere e monetizzare le informazioni sulla loro posizione. Il popolo americano merita di sapere come le aziende tecnologiche utilizzano i propri dati, continuerò a lavorare per trovare soluzioni per proteggere le informazioni sensibili degli americani».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →