Facebook citato in giudizio da una moderatrice, esposta durante il suo lavoro a contenuti altamente tossici, non sicuri e nocivi

Selena Scola nel periodo giugno 2017, marzo 2018, è stata moderatrice dei contenuti presso il Menlo Park di Facebook in California. Ha lavorato per un appaltatore chiamato Pro Unlimited, Inc., aiuta Facebook a eliminare contenuti che violano i suoi standard comunitari. Facebook in tutto il mondo ha circa 7.500 moderatori, hanno il compito di cancellare l’incitamento all’odio, immagini e video di violenza grafica e autolesionismo, nudità e contenuti sessuali, bullismo e una miriade di altri contenuti che violano le sue politiche.
Gli avvocati di Selena Scola hanno affermato:
– la ragazza ha sviluppato Disturbo Post Traumatico da Stress (PTSD) causato da esposizione costante e non mitigata a immagini molto tossiche ed estremamente disturbanti sul posto di lavoro;
– Facebook non ha adeguato servizi di salute mentale e di monitoraggio per i moderatori dei contenuti;
– il caso è stato presentato come un’azione legale collettiva, ma al momento solo Selena Scola è l’unica querelante di una potenziale class action di “migliaia” di moderatori attuali ed ex.
La causa al momento non include dettagli specifici sul lavoro di Selena Scola, riporta indagini di notizie su come funziona la moderazione dei contenuti. I suoi avvocati hanno detto che Selena Scola li descriverà dettagliatamente nel processo legale, in questo momento teme che Facebook possa vendicarsi contro di lei usando un presunto accordo di non divulgazione.

Moderazione dei contenuti
La moderazione dei contenuti è un lavoro difficile: come già documentato, indagini a lungo termine e articoli di legge hanno evidenziato che i moderatori lavorano per molte ore, sono esposti a contenuti inquietanti e grafici, hanno il difficile compito di determinare se uno specifico contenuto viola le regole di Facebook in continua evoluzione.
Facebook è orgoglioso dell’accuratezza del servizio, con più di 2 miliardi di utenti, la sua forza lavoro moderatori è invitata a riesaminare ogni giorno milioni di post potenzialmente illeciti.
Tra i moderatori una fonte anonima ha detto:
«Esternamente il nostro lavoro potrebbe non essere compreso appieno, non siamo solo esposti ai video grafici, è necessario guardarli attentamente, spesso ripetutamente, per specifici significati politici. In altre situazioni un video grafico qualcuno può essere stato picchiato, dobbiamo guardare una dozzina di volte, anche con il supporto di altri per decidere se le azioni della vittima contano come autodifesa o meno, o se l’aggressore è la stessa persona che ha postato il videoNon siamo per niente sorpresi sul fatto che Facebook sta affrontando una causa, l’argomento è discusso da alcuni colleghi ed ex colleghi».

Contenuti della denuncia
La denuncia sostiene:
«Facebook non fornisce ai suoi moderatori di contenuti una formazione sufficiente, non ha implementato gli standard di sicurezza che ha contribuito a sviluppare. I sintomi PTSD di Selena Scola possono essere scatenati quando tocca un mouse di un computer, guarda la violenza in televisione, sente forti rumori o è spaventata. I suoi sintomi si scatenano anche quando ricorda o descrive immagini grafiche cui è stata esposta come moderatrice di contenuti».
Jason Koebler e Joseph Cox di Motherboard hanno scritto:
«Facebook sulle specifiche della denuncia non ha immediatamente fornito un commento per quest’articolo. Tuttavia, all’inizio di quest’anno, quando abbiamo visitato la sede centrale di Facebook, diversi dipendenti di alto livello ci hanno detto che l’azienda sta lavorando per rendere il lavoro dei suoi moderatori meno stressante e traumatico. L’azienda ha protocolli di formazione specifici per i moderatori di contenuti, anche se la denuncia afferma che sono insufficienti.
Lo scorso giugno abbiamo intervistato Brian Doegan, direttore della formazione globale di Facebook, ha detto:
“Lo riconosciamo, questo lavoro non è per tutti, i nuovi assunti sono gradualmente esposti a contenuti grafici, abbiamo un colloquio iniziale su cosa rappresenta il loro lavoro e cosa vedranno.
In ogni ufficio ci sono stanze progettate per aiutare i dipendenti a ridurre lo stress. Ciò che apprezzo è che in qualsiasi momento chi svolge questo lavoro ricevere il supporto dei consulenti, può conversare con altre persone. Ci sono ambienti fisici reali in cui si può entrare per rilassarsi, giocare con i videogiochi, restare da soli. Il sistema di supporto è abbastanza robusto, è coerente su tutta la linea».
Carolyn Glanville, portavoce di Facebook, sempre lo scorso giugno ha detto:
«Ogni ufficio e appaltatore che fanno moderazione dei contenuti hanno servizi di salute mentale, variano da paese a paese secondo ciò che l’azienda ritiene siano le migliori procedure determinate dalla propria cultura: in alcuni paesi va bene attraversare la sala per parlare con un consulente, altri lo farebbero solo fuori orario. E’ probabile che alcuni possano non sapere che è possibile scambiare pareri con un consulente.
La denuncia di Selena Scola chiede alla Corte di giustizia di creare un “programma di monitoraggio medico finanziato da Facebook per facilitare per la querelante e i suoi colleghi la diagnosi e l’acquisizione di cure per i traumi psicologici, incluso ma non limitato al PTSD».
Il giudice in California in seguito deciderà se il caso ha abbastanza merito da andare avanti.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →