Faccia a faccia con la moderna schiavitù

Con 50 dollari e un biglietto aereo per Haiti, si può acquistare una piccola schiava … questa è la difficile realtà della vita appresa dallo scrittore Benjamin Skinner, mentre faceva ricerche per la stesura del suo libro “A Crime So Monstrous: Face-to-Face with Modern-Day Slavery” (Un crimine mostruoso: faccia a faccia con la moderna schiavitù).
Skinner, ha viaggiato in dodici differenti paesi, tra questi Haiti, il Sudan, l’India, l’Europa dell’Est, per incontrare i trafficanti di schiavi e, toccare con mano una sorprendente realtà: nel pianeta, esistono più schiavi oggi che in qualsiasi momento della storia umana.
La schiavitù, anche se ora è considerata illegale in tutto il mondo, è più o meno quella di centinaia d’anni fa con persone rese schiave, costrette a lavorare sotto la minaccia della violenza, per non dover pagare, anche con la vita, il proprio sostentamento.
Skinner, fornisce un dato inquietante:
«E’ cambiato il prezzo di una “bestia” umana: nel 1850, uno schiavo costava tra i 30.000 e 40.000 dollari, quanto la somma attuale necessaria per comprare una Mercedes base.
Oggi con appena 50 dollari, si può andare a Haiti per comprare una bambina di 9 anni per usarla come schiava domestica e sessuale.
Il deprezzamento del valore della vita umana è incredibilmente marcato».
Liberamente tradotto da Media Npr.
, , , , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

4 thoughts on “Faccia a faccia con la moderna schiavitù

  1. Mentre si discetta allegramente di cose a volte simpatiche ma vuote, altre interessanti ma comunque solo se prese nel contesto della nostra vita di “occidentali” più o meno benestanti, succedono (spessimo) cose incredibili, che passano (troppo in fretta…) sotto i nostri occhi…

    Dai prigionieri cinesi uccisi a cui vengono prelevati gli organi, al traffico d’organi che succede spesso anche sotto i nostri occhi e che comunque è pratica comune nei paesi del terzo mondo.

    Alla tratta delle schiave vendute e comprate.

    Un “bel” mondo, a cui è indispensabile dare voce. perchè non possiamo pensare solo alle sciocchezze.

    Grazie del post.

    Un sorriso con grande stima.

    Carlo

  2. Beh, so che la schiavitù esiste ma ammetto che un po’ sono sorpreso nell’apprendere che “esistono più schiavi oggi che in qualsiasi momento della storia umana” 🙁

    Ciao

    Giuseppe

  3. concordo con il commento n.1,e mi unisco ai ringraziamenti per le tue segnalazioni.ciao

Lascia un commento