Eventi climatici: il Regno Unito subirà le peggiori inondazioni in Europa

La ricerca ha evidenziato che a causa dei cambiamenti climatici le inondazioni stanno diventando più gravi in alcune parti dell’Inghilterra settentrionale e della Scozia meridionale, con il Regno Unito destinato a subire alcune delle peggiori inondazioni dei fiumi in Europa nei prossimi anni.
L’entità dei cambiamenti climatici sulla gravità delle alluvioni in precedenza è stata poco chiara a causa della mancanza di dati. Tuttavia, con istituti di ricerca di altri 24 paesi europei tra cui l’Università di Bath e l’Università di Liverpool, i ricercatori dell’Università di Tecnologia di Vienna hanno compilato un database completo sulle inondazioni europee.
I ricercatori hanno analizzato i dati di 3.738 stazioni di misurazione delle inondazioni fluviali in Europa in un periodo di 50 anni. I dati raccolti hanno mostrato chiare variazioni regionali delle inondazioni: nell’Europa nord-occidentale stanno diventando sempre più gravi, mentre stanno diminuendo di gravità nel sud e nell’est del continente.
L’Inghilterra settentrionale e la Scozia meridionale saranno le aree più colpite in Europa se le condizioni per decennio rimarranno le stesse, con un aumento dell’11% dei livelli di alluvione fluviale. I dati hanno mostrato anche una diminuzione del 23% dei livelli di alluvione fluviale in Russia.
Lo studio – pubblicato sulla rivista Nature – è stato condotto dall’Università della Tecnologia di Vienna, ha coinvolto istituti di ricerca in 24 paesi europei, tra cui il Center for Ecology & Hydrology (CEH); l’Università di Bath; e l’Università di Liverpool, suggerisce che un aumento delle precipitazioni autunnali e invernali causato dai cambiamenti climatici ha portato a questi aumenti. L’aumento dei livelli di precipitazione in queste aree, sta rendendo i suoli più bagnati, il che significa che non sono in grado di assorbire l’acqua in eccesso.
Il rischio d’inondazioni nell’Europa meridionale sta diminuendo poiché i cambiamenti climatici hanno ridotto le precipitazioni mentre temperature più elevate stanno asciugando i suoli, significa che possono assorbire più acqua; alcune aree vedranno un declino del 23% dell’entità degli eventi alluvionali per decennio. Lo studio ha anche scoperto che nel Mediterraneo, a causa di temporali e deforestazione più frequenti, le piccole alluvioni dei fiumi possono diventare più grandi.
Günter Blöschl responsabile della ricerca presso l’Istituto d’ingegneria idraulica e gestione delle risorse idriche dell’Università di Tecnologia di Vienna, ha detto:
«Si è ipotizzato per molto tempo che i cambiamenti climatici abbiano un impatto sull’entità delle acque d’inondazione perché un’atmosfera più calda può immagazzinare più acqua. Tuttavia, questo non è l’unico effetto: la situazione è più complicata».
Lo studio ha concluso che i dati dimostrano la necessità di considerare gli impatti dei cambiamenti climatici nella progettazione delle strategie di gestione delle alluvioni. Günter Blöschl ha aggiunto:
«Sapevamo già che i cambiamenti climatici stanno modificando i tempi delle alluvioni di anno in anno, ma la domanda chiave che ci siamo posti e se i cambiamenti climatici possono interessare anche l’entità degli eventi alluvionali.
Il nostro studio, infatti, ha scoperto che esistono modelli coerenti di cambiamento delle inondazioni in Europa, sono in linea con gli impatti previsti sul cambiamento climatico, come un contrasto tra la crescente gravità delle inondazioni nel nord e le diminuzioni nel sud. I processi differiscono in Europa ma tutti i modelli regionali corrispondono agli impatti previsti sul cambiamento climatico. Ciò dimostra che siamo già nel mezzo del cambiamento climatico».
Il danno causato dalle inondazioni ogni anno costa circa 100 miliardi di dollari, potrebbe aumentare a causa dell’aumento della crescita economica e dell’urbanizzazione.
James Bevan, amministratore delegato dell’Agenzia per l’ambiente del Regno Unito, ha dichiarato:
«Il cambiamento climatico significa che la minaccia d’inondazioni e il tasso di cambiamento costiero aumenteranno in modo rilevante; per prepararci a questo rischio, come nazione dobbiamo passare da una strategia di protezione e costruzione di maggiori difese contro le alluvioni al miglioramento della resilienza delle nostre comunità e delle nostre infrastrutture, rafforzando la nostra capacità di far fronte alle inondazioni e ai cambiamenti costieri quando ciò accade.
La nostra nuova strategia di alluvione stabilisce un intervento a lungo termine per affrontare gli effetti dell’emergenza climatica, e le azioni che possiamo intraprendere a breve termine. Ciò include un investimento record di 2,6 miliardi di sterline che stiamo facendo ora per proteggere 300.000 case dalle inondazioni e dall’erosione costiera».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →