Esperimenti in laboratorio, esplosione di nanotubi per distruggere radicalmente tutti i tumori

Sempre più raffinate le armi per distruggere il cancro

nanotubi carbonio

La chirurgia è il principale trattamento per curare il cancro, però, vi sono casi in cui l’intervento chirurgico non può aiutare, vale a dire quando i tumori sono ampiamente diffusi in tutto il corpo, o quando sono difficili da identificare. Per questi casi i medici utilizzano la chemioradioterapia, in grado di distruggere i tumori, ma allo stesso tempo, causare gravi effetti collaterali.
Uno scienziato dell’Università di Delaware, Newark, offre un nuovo metodo di trattamento del cancro con l’aiuto dell’esplosione dei nanotubi.
Balaji Panchapakesan, assistente professore d’Ingegneria Elettrica, spiega il funzionamento della nuova tecnica:
"Dopo aver riempito d’acqua i nanotubi di carbonio, li iniettiamo nel corpo del paziente. In seguito, con un fascio di luce laser, surriscaldiamo l’acqua contenuta nei nanotubi, fino a far aumentare la pressione, al punto di farli esplodere per distruggere le cellule circostanti.
È necessario utilizzare la giusta lunghezza d’onda e l’intensità della luce laser, al fine d’essere sicuri di far esplodere i nanotubi prima di danneggiare altri tessuti".
Il ricercatore, è già riuscito a far esplodere i nanotubi per distruggere le cellule BT474, quelle collegate al tumore al seno.
Gli scienziati saranno in grado di sviluppare esplosioni mirate di nanotubi per individuare e distruggere i tumori etichettati con un anticorpo collegato a particolari recettori delle cellule del cancro.
Balaji Panchapakesan, ha aggiunto che la chemioterapia tradizionale, combinata con la sua tecnica è in grado di distruggere tutte le cellule tumorali che riescono a sopravvivere.
Il ricercatore ritiene che questo tipo di trattamento sia meno invasivo per il malato, il che significa un rapido recupero e pochi effetti collaterali per la persona sottoposta al trattamento.

Fonte: Infoniac

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento