Errata comunicazione di alcuni media, ecco perché non va bene bere 25 tazzine di caffè il giorno

La stampa inglese in queste ultime ore con titoli a effetto ha dato risalto alla notizia che 25 tazzine di caffè il giorno non sono dannose al cuore. Lo studio, in effetti, non ha trovato alcun legame tra bere il caffè e avere arterie più rigide, ma questo non significa che il caffè senza limiti non abbia alcun effetto sulla nostra salute cardiovascolare.
Guardiamo oltre i titoli dei giornali. Lo studio parzialmente finanziato dalla British Heart Foundation, ha evidenziato che le persone che bevono più di tre tazzine di caffè il giorno avevano misure di rigidità arteriosa simile a quelle di chi beve una tazza o meno.
La ricerca erroneamente è stata ampiamente riportata come “25 tazzine di caffè il giorno non danneggia il cuore”, ma questo, come spiegato in seguito, non è stato dimostrato in questa ricerca.

La ricerca
I ricercatori hanno diviso i partecipanti allo studio in tre categorie in base alla quantità di caffè che bevono ogni giorno: una tazza o meno, più di una tazza fino a tre (moderata) e più di tre tazzine (pesante). Sono state escluse le persone con malattie cardiache e circolatorie, o coloro (due persone) che hanno affermato di bere più di 25 tazzine di caffè il giorno.
I ricercatori dopo aver preso in considerazione altri fattori che potrebbero influenzare la rigidità arteriosa, tra cui età, sesso, origine etnica, altezza, peso, pressione sanguigna, dieta, consumo di alcol e fumo, non ha trovato tra i tre gruppi alcuna differenza nella pressione sanguigna, frequenza cardiaca e rigidità arteriosa.
Lo studio Imaging di Biobank nel Regno Unito (mira a condurre scansioni d’imaging MRI dettagliate degli organi vitali di oltre 100.000 partecipanti), parzialmente finanziato dalla British Heart Foundation, ha analizzato le informazioni raccolte da 8.412 uomini e donne, con un’età media di 61 anni: per misurare la rigidità delle loro arterie sono stati utilizzati scansioni MRI e test a onde d’impulso infrarosse.
Le arterie più rigide possono esercitare una pressione supplementare sul cuore e aumentare il rischio di avere un attacco cardiaco o un ictus.
La ricerca è stata condotta da scienziati della Queen Mary University of London, è stata presentata alla British Cardiovascular Society (BCS) Conference di Manchester.

Ecco come alcuni media hanno riportato la ricerca
I giornali erano ansiosi di dichiarare che il caffè non ha effetti dannosi sul cuore, il che non rifletteva che lo studio ha misurato solo la rigidità arteriosa, un aspetto della salute cardiovascolare, non ha preso in considerazione altri rischi come i ritmi cardiaci anomali o i livelli di colesterolo (in passato sono stati entrambi legati all’elevato consumo di caffè).
La maggior parte della copertura mediatica si è concentrata erroneamente sulle persone che bevono fino a 25 tazzine di caffè il giorno:
– il Times ha riferito “Allegro, la venticinquesima tazza di caffè non danneggia il tuo cuore”;
– il titolo del Guardian “Lo studio crede che fino a 25 tazzine di caffè il giorno sia sicuro per la salute del cuore”;
– il Sun ha sostenuto “Gli scienziati affermano che bere 25 tazzine di caffè il giorno è come bere una tazza, non può danneggiare il cuore”.
Le affermazioni dei giornali sono fuorviante considerando che i ricercatori hanno escluso i partecipanti che hanno bevuto più di 25 tazzine il giorno, in effetti, solo due persone nello studio hanno affermato di aver bevuto 25 tazzine di caffè il giorno, queste persone sono state incluse nella categoria di quelle che bevevano più di tre tazzine il giorno.
I ricercatori hanno evidenziato che le persone di questo gruppo hanno bevuto in media cinque tazzine il giorno. Non è dato sapere se un’analisi separata delle persone che bevono 25 tazzine di caffè avrebbe manifestato un aumento della rigidità arteriosa, in effetti, due persone non sarebbero certamente sufficienti per trarre conclusioni.
Il Times nonostante abbia celebrato che bere 25 tazzine di caffè il giorno non fa male al cuore, ha pubblicato un secondo articolo intitolato “Perché non va bene bere 25 tazzine di caffè il giorno”. Ha evidenziato che l’Autorità europea per la sicurezza alimentare raccomanda di limitare il consumo di caffeina a 400mg (circa quattro o cinque tazzine di caffè il giorno); il Servizio Sanitario Nazionale consiglia alle donne incinte di non consumare più di 200mg, perché quantità eccessive sono legate ad aborti.
Sam Wollaston giornalista del The Guardian in un articolo di approfondimento ha documentato il suo tentativo di bere 25 tazzine di caffè in una mattinata. Ha detto di averlo fatto perché “la scienza oggi dice che è sicuro bere 25 tazzine di caffè”.
Ha evidenziato che potrebbe essere pericoloso consumare una quantità così elevata di caffeina, per fortuna ha interrotto il suo esperimento dopo sette tazzine e mezzo, a causa della sensazione di nausea, nervosismo e tremolio.

In che misura è stata efficace la ricerca?
Il punto di forza della ricerca è che ha studiato molte persone, il che riduce la probabilità che i risultati siano dovuti al caso. Precedenti studi sugli effetti del caffè sulla salute cardiovascolare hanno prodotto risultati contrastanti, in parte dovuto al fatto che lo studio è stato condotto su gruppi limitati di persone. E’ importante notare che ciascuna delle tre categorie comprendeva un gran numero di consumatori di caffè, distintamente: 3.892 accreditate al consumo di una tazza o meno; 2.978 più di una tazza fino a tre tazzine; 1.542 più di tre tazzine.
Lo svantaggio dello studio è che il gruppo con il più basso consumo di caffè comprendeva anche persone che bevevano una tazza di caffè il giorno, quindi non è stato valutato se le persone che non bevono caffè hanno una rigidità arteriosa inferiore a quella dei bevitori di caffè.
Infine, questo è stato uno studio osservazionale (gli studi osservazionali cercano di capire le relazioni causa-effetto. Tuttavia, a differenza degli esperimenti, il ricercatore non è in grado di controllare come i soggetti sono assegnati ai gruppi e / o quali trattamenti riceve ciascun gruppo. Pertanto, un sondaggio campione è un esempio di uno studio osservazionale), quindi, mentre potrebbe aver rivelato un’associazione tra il consumo di caffè e, l’eventuale rigidità arteriosa, non avrebbe potuto stabilire un rapporto di “causa ed effetto”.

Punto di vista della British Heart Foundation
Metin Avkiran, direttore medico associato per la ricerca presso la British Heart Foundation, ha detto:
«I ricercatori e i media da qualche tempo cercano di capire l’impatto che il caffè ha sul nostro cuore e sul nostro sistema circolatorio.
Ci sono studi contrastanti che dicono cose diverse sul caffè, è difficile filtrare ciò che dovremmo credere e ciò che non dovremmo credere.
Si spera che su alcune affermazioni dei media questa ricerca possa fornire un’idea più chiara e accurata, poiché esclude uno dei potenziali effetti negativi del caffè sulle nostre arterie solo quando è bevuto con moderazione».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →