Entra con Amnesty International dentro la cella di Guantanamo, occupata da David Hicks, il talebano australiano

Nella sala delle torture di Guantanamo
i prigionieri sono stati vittime di “esperimenti” [clicca per entrare dentro la cella]

Dopo le terribili rivelazioni dell’australiano David Hicks sulle torture sofferte nel campo di concentramento di Guantanamo, includendo le misteriose iniezioni di prodotti di  natura sconosciuta, l’avvocato di Nizar Sassi e Maourad Benechellali, due dei detenuti di nazionalità francese liberati in luglio, ha appena rivelato che i suoi clienti sospettano di essere stati vittime di “esperimenti”  in uno dei sinistri centri per gli interrogatori della base navale nordamericana.
Jacques Debray, letterato, ha denunciato nell’ultima edizione della rivista francese Le Nouvel Observateur che Sassi e Benechellali  sono stati forzati a inghiottire medicinali sospetti e si stanno chiedendo se sono stati le vittime di “esperimenti” da parte dei loro boia.
Sino adesso i suoi clienti accettano di raccontare solo frammenti di quello che è accaduto a Guantanamo, dice Debray. La DST, i servizi interni dei servizi segreti francesi hanno fatto capire che era preferibile tacere fino a che altri francesi sono detenuti là.
Ma loro hanno descritto scene simili a quelle accadute a Abu Ghraib, ha affermato, precisando che i due ex detenuti arrestati in Pakistan e consegnati agli Stati Uniti dopo l’invasione non hanno saputo nemmeno che c’era una guerra in Iraq,  sino alla loro liberazione.
A Guantanamo furono accolti dai militari nordamericani che, quando scesero dall’aereo gli orinarono addosso. Non hanno mai saputo perché erano stai mandati là.
Continua qui

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

3 thoughts on “Entra con Amnesty International dentro la cella di Guantanamo, occupata da David Hicks, il talebano australiano

  1. non riesco a vedere il video, non si carica. forse è meglio così…”the road to guantanamo” il film di winterbottom ha denunciato questo e altro. se ti capita, se non l’avessi ancora visto, te lo consiglio!

Lascia un commento