Emergenza su un aereo: chirurgo ha sifonato con la bocca la vescica bloccata di un uomo (Video)

Zhang Hong, chirurgo cinese del Primo ospedale affiliato dell’Università di Jinan a Guangzhou, secondo quanto riferito da South China Morning Post, ha salvato la vita di un uomo anziano sifonando l’urina dalla vescica bloccata del viaggiatore durante un’emergenza medica.
Il medico, in viaggio da Guangzhou a New York sul volo China Southern Airlines 399, è entrato in azione a sei ore di volo dalla sua destinazione. Zhang Hong ha detto che il passeggero malato stava sudando e aveva la pancia gonfia, sospettando un blocco causato da un problema alla prostata. La famiglia dell’uomo aveva informato l’equipaggio di cabina che in Cina il loro congiunto era stato diagnosticato in precedenza per un ingrossamento della prostata.
Zhang Hong, ha detto: «Stava andando in stato di shock, un rischio per la sua vita se non lo avessimo trattato con urgenza».
Gli assistenti di volo per il passeggero hanno sistemato coperte sul pavimento in un’area verso il retro dell’aereo, nel frattempo, Zhang Hong, insieme a Xiao Zhanxiang un altro medico a bordo, hanno riferito di aver creato un catetere di fortuna da un tubo di plastica prelevato da una maschera d’ossigeno, cannucce dalle scatole di latte, nastro adesivo e una siringa dal kit medico dell’aeromobile.
L’ago sul dispositivo di fortuna era troppo piccolo per drenare l’urina. Il chirurgo dopo aver avuto difficoltà ad allentare la pressione della vescica dell’uomo, intervenne e aspirò lui stesso l’urina. Ha trascorso 37 minuti a sifonare con la bocca circa 800 ml di urina dalla vescica dell’uomo.
Il filmato dell’atto salvavita, che ora è diventato virale sui social media, ha mostrato Zhang Hong sputare letteralmente in una bottiglia di vino vuota mentre aspirava l’urina con la bocca, meritando sicuramente tutti gli elogi per aver salvato la vita a quest’uomo.
Attenzione: il video sottostante contiene una procedura medica di emergenza.

Zhang Hong ha detto: «L’ho fatto perché era una situazione di emergenza, non avevo altra soluzione».
Il paziente dopo la procedura è stato lasciato sdraiato per un’altra mezz’ora; dopo l’atterraggio è stato assistito da un altro medico per controllare che stesse bene.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →