Ecco tre rimedi per eliminare il grasso della pancia

Tutti sanno che il sovrappeso può aumentare il nostro rischio di gravi problemi di salute. Tuttavia, la maggior parte delle persone non si rende conto che la distribuzione del grasso non è uguale per tutti. Accumulare il grasso sotto le braccia e cosce, per esempio, è più una preoccupazione estetica che un notevole motivo di allarme medico. E’ vero, stiamo meglio senza, dovremmo cercare di rimuoverlo, anche se il grasso in queste zone del corpo è più propenso a farci sentire gonfi, piuttosto che a mandarci al pronto soccorso nell’immediato futuro. In realtà, i problemi più gravi associati al sovrappeso, come le malattie cardiache e il diabete di tipo 2, prevalentemente sono causati da un accumulo di grasso addominale. Il grasso addominale, che è anche chiamato “grasso della pancia” o “grasso viscerale”, è il grasso che si deposita contro i nostri principali organi e compromette la loro capacità di funzionare correttamente – uno stato di cose che, se non controllate, può portare a una morte precoce. Fortunatamente, le seguenti modifiche dello stile di vita sono note per aiutare a rimuovere il grasso addominale in modo naturale.

1 – Ridurre l’assunzione di carboidrati
Studi hanno dimostrato che il taglio di carboidrati è un modo veramente efficace per ridurre il grasso addominale. Ad esempio, uno studio pubblicato su The American Journal of Clinical Nutrition ha scoperto che i partecipanti al test che hanno limitato la loro assunzione di carboidrati per un periodo sperimentale di due settimane hanno significativamente diminuito i trigliceridi nel fegato rispetto al gruppo di controllo.
Un altro studio, pubblicato sulla rivista Nutrition & Metabolism, ha scoperto che a breve termine per il peso corporeo e la perdita di grasso, soprattutto negli uomini, c’era un “chiaro vantaggio di una dieta chetogenica (povera di carboidrati e molto ricca in proteine)”. Significativamente, la dieta a basso contenuto di carboidrati ha dimostrato una perdita preferenziale di grasso nella regione del tronco (torace, l’addome e il bacino).
Anche se ci sono numerose ragioni per cui una riduzione dei carboidrati contribuisce alla perdita di grasso, forse la più grande è che la maggior parte di carboidrati (cereali soprattutto integrali) ha un elevato indice glicemico: secondo il cardiologo dott. William Davis, il grano moderno è particolarmente noto in questo senso, mangiarne troppo può causare un rilevante accumulo di grasso addominale – la temuta “pancia grano”.

2 – Evitare lo zucchero raffinato
Lo zucchero raffinato è uno degli ingredienti più distruttivi nella dieta americana standard, innumerevoli studi collegano il consumo di zucchero all’aumento di peso complessivo. Tuttavia, uno studio pubblicato su The Journal of Clinical Investigation ha anche dimostrato che un consumo di zucchero (in particolare, le bevande dolcificate con fruttosio) è responsabile per l’aumento del grasso addominale in adulti in sovrappeso e obesi, un risultato che non dovrebbe davvero sorprendere, poiché il nostro fegato quando è invaso da zucchero raffinato è costretto a trasformare il fruttosio in grasso.
In pratica per eliminare il grasso dalla pancia, basterebbe evitare gli alimenti trasformati ricchi di zuccheri a favore di cibi integrali.

3 – Impegnarsi in più esercizio aerobico
L’esercizio fisico mentre può potenzialmente nel lungo periodo eliminare il grasso della pancia, l’esercizio aerobico (come la corsa e il nuoto) sembra essere particolarmente efficace in questo senso. La ricerca pubblicata sulla rivista International Journal of Obesity, per esempio, ha dimostrato un chiaro legame tra esercizio aerobico e la riduzione del grasso viscerale. L’ulteriore ricerca pubblicata in Obesity Reviews, ha raggiunto una simile conclusione, sottolineando che “l’esercizio aerobico è centrale per i programmi finalizzati a ridurre il grasso adiposo viscerale“.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento