Ecco Multistim, la macchina che crea orgasmi su misura

Le donne che soffrono di anorgasmia non sono in grado di raggiungere l’orgasmo. Mai. Nemmeno con un vibratore, una bottiglia di vino, e un DVD del notebook. Fortunatamente, il gruppo di ricerca scientifica di Praga Alternative, dopo sette anni di studio, sembra aver risolto questo problema con Multistim, un dispositivo in grado di scongelare anche il più gelido dei lombi.
Multistim, sembra complicato e vagamente minaccioso, ma se al suo terminale si collega il vibratore, lo trasforma in un super-vibratore che ha il potenziale di dare l’orgasmo alla più incallita, frigida donna del mondo.
Tomas Suchan, una delle menti dietro il Multistim, spiega come funziona l’invenzione:
«E’ possibile collegare al Multistim, diversi dispositivi, compreso il vibratore standard, la macchina creerà vibrazioni appositamente personalizzate per il vostro corpo. Sulla base dei nostri calcoli ed esperimenti abbiamo determinato le vibrazioni ideali che riguardano ogni persona. Così si può impostare l’unità, ad esempio, in modo da poter portare una donna al limite dei tre orgasmi, spegnere la  sua stimolazione, e poi farla  godere cinque volte di fila.
Una donna può creare il proprio profilo e registrare i progressi dei suoi stimoli, diciamo che può registrare cinque parti della stimolazione che più gradisce, in modo che Multistim, dopo aver memorizzato i suoi dati, può generare un sesto orgasmo su misura.
Multistim, supporta il Bluetooth, in pratica è possibile controllare l’unità su Internet, per stimolare a distanza il partner. Multistim, la macchina che crea orgasmi su misura, può essere utilizzato anche all’aperto, ha una durata della batteria di circa quaranta ore. E’ possibile caricare la batteria attraverso un pannello solare. 
Multistim, sarà venduto al prezzo di mille euro. Dai profitti vogliamo ottenere più fondi per migliorare la ricerca sull’anorgasmia».

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento