Ecco la migliore foto di Nettuno ottenuta con la nuova ottica adattiva del Very Large Telescope

La nuova immagine di Nettuno ottenuta dal Very Large Telescope (VLT) dell’Osservatorio Europeo Australe (ESO) mostra fino a che punto è arrivata la nostra capacità di osservare le stelle.
L’immagine è stata scattata utilizzando una nuova modalità ottica adattiva chiamata tomografia laser, una tecnica che ha dimostrato la sua validità sia in astronomia sia nella ricerca medica.
La tecnologia è stata resa possibile da Multi Unit Spectroscopic Explorer (MUSE), lavora con un’unità ottica adattiva GALACSI, è in grado di correggere gli effetti delle turbolenze atmosferiche fino a un chilometro sopra il telescopio. MUSE utilizzando la tomografia laser, è in grado di compensare quasi tutte le turbolenze atmosferiche (piegano la luce in ingresso, quindi distorcono le immagini) sopra il telescopio per creare immagini molto più nitide, con l’avvertenza che lo fa a campo stretto su una regione del cielo più piccola osservata da telescopi comparabili.
Gli astronomi con questo metodo sono stati in grado di aggirare il più grande svantaggio dell‘imaging basato sulla Terra, ossia quello di gestire i disturbi atmosferici e il rumore. E’ questa la ragione principale per cui inviamo nello spazio telescopi come Hubble. Tuttavia, se riusciamo a farlo altrettanto bene (o quasi) dalla Terra, potrebbe essere un sistema rivoluzionario per le osservazioni future. Rispetto alle immagini scattate dallo stesso telescopio senza la tecnica dell’ottica adattiva, la differenza è ancora più evidente (vedi immagine).

Nettuno immagine Very Large Telescope (VLT)
La combinazione della nitidezza dell’immagine e delle capacità spettroscopiche del MUSE permetterà agli astronomi di studiare le proprietà degli oggetti astronomici in modo molto più dettagliato, mai fatto prima. Naturalmente, avere immagini nitide degli oggetti permette di studiarli nei minimi dettagli, dà agli astronomi una migliore possibilità di capire come si presentano e come si sono formati.
ESO ha detto:
«Permetterà agli astronomi di studiare in dettagli mai visti oggetti affascinanti come i buchi neri supermassicci ai centri di galassie lontane, getti di materia da giovani stelle, ammassi globulari, supernove, pianeti e i loro satelliti nel sistema solare e molto altro ancora».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →