Ecco i pesci che quando si accoppiano possono creare una nuova specie

Gli umani quando scelgono il compagno sbagliato, possono finire con il divorzio, i ciclidi (specie di pesci d’acqua dolce) quando scelgono il compagno sbagliato, possono creare una specie completamente nuova, eccezionalmente diversificata in una vasta gamma di motivi luminosi, forme e dimensioni.
Lo studio decennale sul lago Mweru in Congo, ha scoperto che i ciclidi trovati nei laghi d’acqua dolce dell’Africa, hanno l’abitudine di andare a letto con il partner sbagliato: le femmine quando le acque sono torbide e i dettagli sfocati, accidentalmente possono introdurre nuovi geni nella loro popolazione.
Joana Meier biologa evoluzionista dell’Università di Cambridge ha detto:
«Ciò poteva accadere quando il lago si è formato, l’acqua era molto torbida e le femmine non potevano vedere correttamente i colori, quindi non erano così esigenti nel selezionare un compagno nel loro nuovo ambiente. L’accoppiamento tra ciclidi di diversi sistemi di drenaggio ha prodotto progenie molto diverse, combinando le caratteristiche genetiche di entrambe le specie parentali».
I ricercatori hanno detto che per un periodo relativamente breve, gli accoppiamenti sbagliati hanno innescato un’esplosione di nuovi pesci. Oggi, infatti, i ciclidi sono uno dei gruppi di pesci più diversi sulla Terra, in questo momento si conoscono circa 2.000 specie, anche se gli scienziati sospettano che ce ne siano molte di più.
Il nuovo studio nel lago Mweru pubblicato su Nature Communications, ha evidenziato che ha creato 40 nuove specie, quando il lago si formò per la prima volta, circa un milione di anni fa, questo corpo d’acqua conteneva solo ciclidi discendenti da antenati comuni provenienti dai fiumi Congo e Zambesi.
Joana Meier ha aggiunto:
«La successiva analisi del DNA ha rivelato che questi nuovi pesci provenivano da un mix di antenati. Abbiamo trovato una straordinaria varietà di nuove specie ecologicamente diverse, denominate “radiazioni”, che in precedenza erano sconosciute. Le nuove specie di ciclidi si sono adattate per utilizzare tutte le risorse alimentari disponibili nel lago, alcuni si nutrono di larve d’insetti, altri di zooplancton o di alghe. Ci sono anche alcuni pesci appena scoperti, sono predatori con denti grandi, li abbiamo chiamati serranchromines a denti grandi».
Molti ciclidi odierni si sono evoluti solo di recente, il che significa circa milioni di anni fa, ad esempio, nel lago Malawi, più di 800 specie sono discese dai ciclidi originari che vivevano lì fino a 2 milioni di anni fa; nel lago Vittoria ci sono più di 700 diverse specie di ciclidi che si sono evolute negli ultimi 150.000 anni.
Il rapido caso di evoluzione ha prodotto molte specie distinte che sono geneticamente compatibili, significa che possono produrre discendenti ibridi vitali e fertili, alcuni ricercatori di conseguenza sostengono che l’ibridazione è ciò che ha portato a una così grande diversità di ciclidi.
Joana Meier in conclusione ha detto:
«Le nostre ricerche mostrano che l’ibridazione può alimentare l’evoluzione di nuove specie, una scoperta davvero nuova. Il melting pot del lago Mweru ci ha dato una rara opportunità di studiare le interazioni tra nuove specie in evoluzione, ci ha mostrato che l’ibridazione in un nuovo ambiente con molte opportunità ecologiche può essere un bene, in realtà aumenta la biodiversità».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →