Ecco come fanno i fuochi d’artificio a Glasgow (lasciatemi passare il francesismo) … a cazzo! (video)

I pirotecnici maghi scozzesi ora si ergono fieri dopo aver fatto spruzzare nel cielo notturno giganteschi razzi che hanno deliziato il pubblico. Ci piacerebbe dare più di un centesimo per chi ha creato questo vivace spettacolo di fuochi d’artificio che sta andando virale su YouTube.
Le scintillanti scie luminose a Glasgow alla loro “routine del razzo”, hanno optato per un finale a luci rosse: dopo le usuali girandole e petardi, gli impertinenti fuochisti scozzesi hanno preferito una conclusione a lieto fine da far ricordare al pubblico.

I cospiratori della polvere nera hanno sparato un mucchio di razzi nel cielo, alcuni si sono uniti per formare una sorprendente fontana fallica con due ciondolanti bombe a crociera di “sfere” (dette anche pallettoni).
Falso, vero? Sicuramente è un video divertente, anche se per me è uno straordinario pirotecnico falso.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

2 thoughts on “Ecco come fanno i fuochi d’artificio a Glasgow (lasciatemi passare il francesismo) … a cazzo! (video)

  1. Assente da troppo..perdonami..è rassicurante sapere che ci sei..tu come altri amici siete casa…FB ..twitter ..sono veloci ma sembrano piazze chiassose…ciao..abbraccio ^^
    ps..belli i fuochi..anche se manipolati..l’effetto è divertente

  2. Ciao, Cica. Facebook e twitter non riesco a apprezzarli più di tanto, su twitter spesso leggo vere stupidaggini di chi le spara più grosse per creare le cosiddette “tendenze” tipo: #l’asino vola … e tutti a far volare l’asino.
    Facebook è finalizzato a chi paga per far pubblicità alla sua attività: lavora, spinge amicizie, ecc. solo per convogliare migliaia di utenti sulle pagine di chi ha pagato. Pubblicità che ti ritrovi spammata su tutta la pagina, anche sotto il “letto”.
    Splinder si fa veramente rimpiangere. Baciotto*

Lascia un commento