Ecco come collaborare online per trascrivere e catalogare antichi frammenti di papiri greci (video)

Gli archeologi Bernard Grenfell e Arthur Hunt nel gennaio del 1897 stavano procedendo allo scavo in quella che pensavano fosse una semplice duna di sabbia sul sito dell’antica città egiziana di Ossirinco, a circa 200 km a sud del Cairo. Ben presto si resero conto che avevano scoperto un’antica discarica, con più di 500.000 frammenti di papiro, importanti documenti che hanno recuperato.
Gli accademici tra il 1898 e il 2012 sono riusciti a trascrivere poco più di 5.000 dei 500.000 documenti che ora sono ospitati dalla Biblioteca Sackler di Oxford di proprietà della Egypt Exploration Society di Londra. Ciò significa che è stato necessario più di un secolo per trascrivere l’1% di ciò che è scritto su singoli frammenti risalenti principalmente dal I secolo aC al VII secolo dC, quando l’Egitto fu occupato dai Greci e dai Romani.
Dirk Obbink e il suo team presso l’Università di Oxford nel Regno Unito rendendosi conto di aver bisogno di un serio aiuto, hanno reclutato più di 250.000 volontari, ora dopo aver imparato l’antico alfabeto greco, stanno aiutando a decifrare i testi online.
Il professor Dirk Obbink, dell’Università di Oxford, direttore del progetto Acient Lives, a The Independent ha detto:
«Permettendo l’accesso del pubblico a uno dei più grandi progetti archeologici in tutto il mondo, siamo stati in grado di muoverci oltre l’apporto di uno studioso che con una lente d’ingrandimento osserva un papiro, per trascrivere tra 100.000 e 200.000 nuovi testi, alcuni dei quali sembrava che fossero stati parzialmente mangiati dai vermi, o utilizzati per avvolgere il pesce, o peggio».

Ecco come diventare un volontario per decifrare online gli antichi testi greci
Il progetto Ancient Lives lanciato nel 2014, presenta immagini online di frammenti di papiri greci, chiede ai volontari di partecipare ai lavori. Molti di questi papiri da quando sono stati scoperti da più di un secolo, non sono stati studiati. Si può contribuire ad accelerare il processo di trascrizione e catalogazione.
L’obiettivo è di aumentare la quantità di materiale con la quale gli studiosi tradizionalmente identificano dal greco-romano in Egitto, testi letterari sconosciuti e noti, lettere e documenti privati. Nessun paio di occhi può vedere e leggere tutto, per questo chiunque abbia una conoscenza di base dell’antico alfabeto greco (anche i bambini che a scuola possono imparare le lettere dell’alfabeto greco) ha la possibilità di accedere online e provare a decifrare il testo dei papiri.

Ecco come è possibile partecipare
1 – Fare login sul sito di Acient Lives. E’ necessario registrarsi come utente e ottenere un login e una password prima di poter inviare qualsiasi lavoro. E’ possibile contribuire ai risultati, impegnarsi in una discussione, lasciare un feedback sotto la sezione “Talk“;
2 – cliccare su “Transcribe” per ottenere i frammenti di papiri da trascrivere, questi sono forniti dopo la registrazione e il login. Se non si desidera trascrivere il papiro proposto, cliccare su “Next” e passare a quello successivo, e così via. Per trascrivere, cliccare sulla lettera greca che si vede nel papiro, quindi fare clic su quella lettera sulla tastiera. Il sistema salva il lavoro ogni 20 secondi. Quando si fa clic su “Next“, il sistema presenta la vostra trascrizione, sposta l’immagine al vostro “Lightbox“.
3 – Aiutaci a misurare la grandezza dei papiri. Utilizza Measure il righello estensibile online con le funzoni:
margine superiore per misurare verticalmente tra il punto più alto del bordo del frammento e l’inizio della prima riga di testo;
margine inferiore per misurare verticalmente tra il punto più basso del bordo del frammento e l’ultima riga di testo;
margine sinistro per misurare orizzontalmente tra il bordo più a sinistra del frammento e l’inizio più vicino alla colonna di testo;
margine destro per misurare orizzontalmente tra il bordo destro del frammento e l’ultimo carattere di fine linea;
spazio colonna per misurare lo spazio orizzontale tra colonne di testo. Aggiungere uno spazio per colonna.
Per vedere l’esempio clicca su Play example).

In conclusione l’accuratezza del lavoro è valutata con algoritmi ideati da astrofisici dell’Università di Oxford, per verificare le traduzioni, le trascrizioni dei singoli volontari sono sottoposte a un controllo incrociato con un software che attinge ai dati da testi e trascrizioni esistenti.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →