Ecco cinque modi con cui Facebook potrebbe insidiare Google nei prossimi cinque anni

Facebook oggi è una delle più grandi aziende di tecnologia perché nonostante la sua funzione primaria come una piattaforma di social media, la sua presenza a livello tech è aumentata, la pone a rivaleggiare con aziende onnipresenti come Google, Apple e Microsoft.
Google, con il suo motore di ricerca senza rivali e innovazioni in diversi settori, probabilmente è l’obiettivo che Facebook seguendo una via rigorosa all’insegna dell’innovazione e sviluppo vuole battere nel campo tecnologico. Mentre molte delle sue funzioni più lungimiranti sono ancora allo stadio iniziale, è realistico che Facebook, anche in tempi brevi possa crescere per diventare la forza dominante sulla scena. Prendiamo, per esempio, questi cinque modi con cui Facebook potrebbe scalzare  la posizione di Google, sono tutti interamente realizzabili entro il 2020.

1. Lo sviluppo di un proprio motore di ricerca. Il debutto è avvenuto a maggio, Facebook ha introdotto una nuova funzionalità di ricerca in app. Fino alla fine dell’anno scorso, gli utenti utilizzavano una funzione di Bing. Recentemente Facebook dopo aver rotto la partnership con Bing ha presentato una più potente funzione di ricerca, gli utenti possono cercare un link da includere nel corpo del post, piuttosto che fare affidamento su una separata app di ricerca di Google o qualcosa di simile. Attualmente, la funzione di ricerca limitata in capacità è visualizzata solo agli utenti, nei prossimi anni Facebook potrebbe implementare una versione più potente per ampliare la sua diffusione.
2. Offrire le proprie News. Facebook recentemente in cambio di visibilità e introiti pubblicitari, tra gli altri ha preso accordi con The New York Times, National Geographic, BuzzFeed, NBC, The Atlantic, The Guardian, Bbc News, Spiegel e Bild per veicolare direttamente i loro contenuti (per ora solo su iPhone), senza rimandare al sito d’informazione con il sistema dei link.
Gli editori ora possono caratterizzare il loro lavoro direttamente e interamente su Facebook, ciò pone una seria minaccia a Google News e i tipici risultati di ricerca di Google. Perché gli utenti in base alle loro preferenze dovrebbero andare in cerca di notizie quando automaticamente le possono trovare nel loro newsfeed di Facebook?
3. Comprendere la sua popolazione. Facebook parlando di preferenze degli utenti, ha sempre avuto un’arma segreta nella sua competizione contro Google,  la conoscenza profonda dell’utente: mentre Google probabilmente può tracciare la cronologia delle ricerche e speculare sulle intenzioni degli utenti con determinate query, Facebook sa tutto della gente, conosce tutti gli amici, i loro gusti musicali, i gruppi e film preferiti. La sua applicazione in modo efficace può aggregare queste informazioni.
4. Pubblicità, offerta migliore e più economica. Gli annunci di Facebook hanno già una brillante interfaccia con approfonditi strumenti di analisi metrica ed eccellenti risorse per pianificare la campagna pubblicitaria. Combinato con il fatto che l’immissione di questi annunci è generalmente meno costosa di mettere un annuncio simile tramite Google AdWords, non c’è da meravigliarsi perché la spesa pubblicitaria su Facebook è in crescita: il social mentre continua a saperne di più sulla sua popolazione, può offrire più strumenti per i potenziali inserzionisti, farsi conoscere come autorità di pubblicità digitale, diventare un serio ostacolo per Google. Oggi, Google e Facebook a livello pubblicitario sono abbastanza confrontabili, nel prossimo futuro, Facebook può essere oggettivamente superiore, con una migliore portata, intuizioni e meno spese.
5. Internet universale. Google e Facebook anche se non è rilevante per il consumatore medio, già sono in competizione per la connessione internet gratuita in tutto il mondo. Tra il Progetto Loon di Google e Internet.org di Facebook, entrambe sono in corsa per ottenere il vantaggio sulla prossima grande rivoluzione della connettività.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento