È pericoloso lanciare gas lacrimogeni durante la pandemia: danneggia i polmoni, filtra nelle case, contamina il cibo

Lo scorso lunedì quando Amira Chowdhury si è unita a una protesta a Philadelphia contro la violenza della polizia, indossava una mascherina per proteggere se stessa e gli altri dal coronavirus Covid-19, ma quando gli agenti lanciarono i gas lacrimogeni tra la folla, Amira Chowdhury si tolse la mascherina mentre ansimava in cerca d’aria. Ha detto: «Non riuscivo a respirare, mi sentivo come se stessi soffocando a morte».
Amira Chowdhury studentessa dell’Università della Pennsylvania si trovava nella parte sottostante della Vine Street Expressway. Tutti furono presi dal panico mentre il fumo dei gas lacrimogeni si spostava negli spazi bui e semi chiusi. La gente la travolse mentre si allontanava. Contusa scavalcò una recinzione per scappare. La stessa sera il  fumo dei gas lacrimogeni penetrò nella sua casa dopo che la polizia aveva fronteggiato i manifestanti nel suo quartiere prevalentemente nero di West Philadelphia. Ha detto:
«Non posso nemmeno stare in casa mia senza sfuggire alla violenza dello Stato. Oggi è mercoledì, la mia gola è ancora secca, come se fosse ostruita dalla cenere».
La protesta di Philadelphia è stata uno dei tanti casi degli ultimi giorni in cui la polizia contro la folla ha lanciato i gas lacrimogeni, una sostanza tossica che può causare danni ai polmoni.
Danielle Outlaw ricopre il ruolo di commissario per il dipartimento di polizia di Filadelfia, in una dichiarazione ha detto:
«Gli agenti non hanno avuto altra scelta se non quella di utilizzare i gas lacrimogeni dopo che i manifestanti hanno lanciato sassi e si sono rifiutati di disperdersi. Hanno usato anche fumo bianco non chimico per ridurre al minimo la quantità dell’irritante mantenendo un visivo effetto deterrente. È un mezzo per disinnescare in modo sicuro una situazione volatile e pericolosa».
Gli esperti intervistati da ProPublica hanno detto che i gas lacrimogeni non sono sicuri, provocano conseguenze a lungo termine sulla salute, possono danneggiare anche coloro che non sono i bersagli previsti, comprese le persone all’interno delle loro case; in tempi normali questo sarebbe già un problema ma ora, l’uso diffuso, a volte indiscriminato di gas lacrimogeni sui civili americani nel bel mezzo di una pandemia respiratoria minaccia di peggiorare il coronavirus Covid-19.
Purvi Parikh, medico allergologo e immunologo della NYU Langone Health, ha detto:
«Abbiamo appena passato due mesi brutali, ho davvero timore che questo porterà una seconda ondata di coronavirus Covid-19».
Joseph Nwadiuko, internista e ricercatore della Scuola di Medicina Perelman dell’Università della Pennsylvania, ha detto:
«Le comunità nere si trovano in una situazione impossibile, 13 dei 15 pazienti affetti da coronavirus Covid-19 dell’unità di terapia intensiva dove lavoro sono neri. Temo che uno degli effetti complementari del razzismo strutturale sia la seconda ondata di pazienti neri, compresi quelli che stavano lì a manifestare per difendere la propria vita. Lo scorso martedì, una lettera aperta firmata da quasi 1.300 medici e professionisti della sanità pubblica ha esortato la polizia a smettere di usare “gas lacrimogeni, fumo o altre sostanze irritanti per le vie respiratorie, che potrebbero aumentare il rischio di coronavirus Covid-19 rendendo le vie respiratorie più suscettibili alle infezioni, aggravando l’infiammazione esistente e peggiorando le condizioni di vita».

I gas lacrimogeni possono causare danni a lungo termine rendendo le persone più suscettibili di contrarre l’influenza, la polmonite e altre malattie
Gas lacrimogeno è il termine generico per una classe di composti che provocano una sensazione di bruciore. La maggior parte delle forze dell’ordine negli Stati Uniti, incluso il Dipartimento di Polizia di Philadelphia, usa una sostanza chimica chiamata Gas CS, abbreviazione di 2-clorobenzalmalononitrile.
Sven-Eric Jordt, professore di anestesiologia al Duke University, ha detto:
«La CS attiva un recettore specifico del dolore, accade anche mangiando wasabi (dalla radice di questa pianta si ottiene una pasta verde dal gusto particolarmente piccante, ben nota a chi ha provato almeno una volta la cucina nipponica). La CS è molto più potente, fino a 100.000 volte più forte del wasabi. I gas lacrimogeni sono davvero gas nervini dolorosi, progettati per indurre dolore».
La CS è particolarmente dolorosa quando arriva sulla pelle o negli occhi (i medici consigliano ai manifestanti di non portare lenti a contatto), quando è inalato, il dolore provoca la tosse. Il composto degrada le mucose degli occhi, del naso, della bocca e dei polmoni, gli strati di cellule che aiutano a proteggere le persone da virus e batteri.
Gli scienziati in generale sanno poco di come la CS influisce sul pubblico. Gli studi più completi sono stati condotti dall’esercito americano su migliaia di reclute che sono state esposte ai gas lacrimogeni durante le esercitazioni. L’esposizione in seguito li ha lasciati a più alto rischio di contrarre influenza, polmonite, bronchite e altre malattie respiratorie.
I soldati erano generalmente più sani della persona media, con meno condizioni di fondo come l’asma o le malattie cardiache. Studi su civili in Turchia hanno scoperto come le persone che sono ripetutamente esposte ai gas lacrimogeni abbiano più probabilità di avere bronchite cronica, dolori al petto e tosse che possono durare settimane. Può anche essere collegato ad aborti spontanei.
Sven-Eric Jordt ha detto:
«Gli effetti peggiorano man mano che le persone sono ripetutamente esposte a dosi più elevate, è difficile misurare le concentrazioni di gas lacrimogeni durante le caotiche proteste, molti di coloro che ne sono colpiti saranno riluttanti o avranno paura di cercare aiuto medico».
Purvi Parikh è particolarmente preoccupato per i bambini durante le proteste, ha detto:
«I loro polmoni e il loro sistema immunitario sono ancora in via di sviluppo, i gas lacrimogeni se non vengono eliminati rapidamente potrebbero causare problemi neurologici o danni permanenti alla pelle o agli occhi».
I Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie (importante organismo di controllo sulla sanità pubblica degli Stati Uniti d’America) evidenzia che un grave avvelenamento da gas lacrimogeni, soprattutto se il gas è stato rilasciato in uno spazio chiuso, può accecare o uccidere le persone a causa di ustioni chimiche e insufficienza respiratoria.
I detenuti con problemi respiratori sono morti dopo aver inalato gas lacrimogeni in aree poco ventilate, lo scorso mercoledì un detenuto del Metropolitan Detention Center di Brooklyn è morto dopo che le guardie lo hanno spruzzato con lo spray al pepe, un altro tipo di gas lacrimogeno che provoca effetti sulla salute simili a quelli della CS.

Il gas lacrimogeno può aumentare la diffusione del coronavirus Covid-19, potrebbe rendere alcune persone più vulnerabili
È troppo presto per sapere esattamente in che modo i gas lacrimogeni colpiscono i pazienti affetti da coronavirus Covid-19. Purvi Parikh ha detto:
«Entrambi causano un’infiammazione polmonare. Tutto ciò che è irritante può causare la stessa risposta infiammatoria. I polmoni possono riempirsi di muco e può essere molto difficile respirare. I muscoli si restringono, è quasi come respirare con una cannuccia. Le persone con asma e altre malattie respiratorie hanno già un’infiammazione di base più alta che li rende più suscettibili di prendere infezioni come l’influenza o il comune raffreddore, quindi i gas lacrimogeni potrebbero scatenare un attacco d’asma o indebolire la capacità del corpo di evitare il coronavirus Covid-19. I polmoni se stanno già ansimando e tossendo, lavorando duramente per espellere questo gas lacrimogeno o questo irritante, non sono in grado di avere quella riserva per combattere qualsiasi infezione, sia virus sia batteri».
Talia Smith, laureata all’Università del Nebraska, ha detto:
«Lo scorso venerdì è bastato solo un soffio di gas lacrimogeni per farmi scatenare un attacco d’asma mentre stavo protestando a Omaha. Riuscivo a malapena ad avvertirlo nei miei occhi, ma la mia gola ha iniziato subito a chiudersi. Avevo portato l’inalatore, il medicinale al suo interno si stava esaurendo, in tutta la mia vita, questo è il secondo attacco d’asma. La sensazione di bruciore al petto è durata per diversi giorni, sono andata a fare il test per il coronavirus Covid-19, sono in attesa dei risultati. Avverto ancora gli effetti del gas, ho paura di prendere il coronavirus Covid-19 e combatterebbe la malattia mentre i miei polmoni non sono a pieno regime».
Purvi Parikh ha detto:
«In generale non ci sono abbastanza dati sull’asma e sul coronavirus Covid-19. Gli asmatici mentre sono a più alto rischio per tutte le infezioni respiratorie, non è tra le principali condizioni croniche per i pazienti con coronavirus più gravi. Stiamo ancora vedendo che molti asmatici lo prendono, quindi è troppo presto per dire che non c’è alcun rischio».
Abraar Karan, medico dell’Harvard Medical School che sta lavorando sulla risposta al coronavirus Covid-19, ha detto:
«Il gas lacrimogeno indebolisce le protezioni dei dimostranti contro il coronavirus Covid-19. Le infezioni aumentano quando le persone tossiscono o parlano a voce alta, e anche se qualcuno indossa una mascherina, quando è colpito dai gas lacrimogeni, si toglie la mascherina mentre tossisce; non solo si tossisce vigorosamente, ma si inspira profondamente per cercare di far entrare più aria. Ciò può causare un’ondata di panico, costringendo le persone a stare vicine mentre espellono grandi goccioline dalla bocca. È la descrizione perfetta della situazione che Amira Chowdhury ha vissuto lo scorso lunedì. Sono preoccupato che le proteste possano trasformarsi in eventi di super diffusione del coronavirus Covid-19, ma capisco anche perché la gente sente di dover essere lì. I miei pazienti sono stati distrutti dal razzismo sistematico, allo stesso tempo il razzismo sta uccidendo tanto quanto una pandemia».
Ci vorrà almeno un’altra settimana prima che i ricercatori possano studiare se le proteste hanno portato a delle epidemie, anche allora, sarà difficile dire se le infezioni sono state causate solo dai grandi raduni o se i gas lacrimogeni hanno contribuito al loro aumento.

I manifestanti non sono le uniche persone a rischio, i gas lacrimogeni entrano nelle case e nelle aziende
Sven-Eric Jordt in base a quanto ha visto nel video online e nei notiziari, si è detto sorpreso dalla quantità di gas lacrimogeni utilizzati dalla polizia negli ultimi giorni. Ha detto:
«Invece di riservarlo alle situazioni estreme, è più come fumigare e stanare la gente. Il gas lacrimogeno è diventato una risposta di prima linea, non l’ultima risorsa».
Purvi Parikh ha aggiunto:
«Poiché molte proteste si stanno verificando nei quartieri residenziali, i gas lacrimogeni si stanno diffondendo nelle case. L’ho paragonato al fumo passivo. È una situazione terribile, ad essere onesti non c’è molto che si possa fare».
Amira Chowdhury ha detto:
«A casa non sono riuscita a tenere fuori il fumo dei gas lacrimogeni, anche quando ho infilato magliette e asciugamani sotto le porte e le finestre. Ho continuato a sentirne l’odore la mattina dopo».
Sven-Eric Jordt ha aggiunto:
«La gente se il gas lacrimogeno entra in casa, dovrebbe pulire i piani di lavoro e le altre superfici con grandi quantità di acqua e sapone; qualsiasi cibo che non fosse in un contenitore chiuso potrebbe essere contaminato e dovrebbe essere buttato via. I residenti e gli imprenditori in casi estremi con grandi quantità di gas lacrimogeni, potrebbero aver bisogno di contattare i vigili del fuoco per avere raccomandazioni di servizi di pulizia professionali».
Aziende come Aftermath offrono servizi per il controllo dei rischi biologici e delle infezioni. La sezione del sito sulla “rimozione dei gas lacrimogeni” dice che il prodotto chimico “lascia residui che possono presentare gravi rischi per la salute se non vengono trattati correttamente”. I residui di gas lacrimogeni possono penetrare in materiali porosi come mobili, materassi, vestiti, moquette e persino pavimenti in legno duro, e continuano a irritare le mucose di chiunque risieda o visiti la proprietà molto tempo dopo l’incidente”.

Le tattiche e gli strumenti della polizia possono peggiorare la situazione
Anna Feigenbaum, professoressa associata di comunicazione e media digitali alla Bournemouth University in Inghilterra, autrice di un recente libro sulla storia dei gas lacrimogeni, ha detto:
«Ci sono differenti tipi di gas lacrimogeni e molti modi per usarli. La polizia può spruzzarlo con le bombolette, sparare bombolette o lanciare granate. I produttori vendono granate che producono luce e rumore mentre espellono gas lacrimogeni e anche bombolette “triple-chaser” che si rompono in più pezzi quando impattano sul terreno in modo che il gas possa coprire un’area più ampia. La situazione attuale è pericolosa perché le forze dell’ordine hanno usato gas lacrimogeni a distanza ravvicinata, in spazi chiusi, in grandi quantità, sparati direttamente contro le persone, usati in modo offensivo come arma e in combinazione con proiettili rivestiti di gomma come moltiplicatore di forza».
Lo scorso fine settimana, uno studente universitario dell’Indiana ha perso un occhio quando una bomboletta di gas lacrimogeni l’ha colpito in faccia. Il gas lacrimogeno è vietato nella guerra internazionale, ma è classificato come “agente antisommossa” che le forze dell’ordine possono usare per il controllo della folla. Sven-Eric Jordt ha detto:
«Eppure, invece di calmare la situazione, i gas lacrimogeni a volte possono causare una contro-aggressione, semplicemente non funziona bene, colpisce soprattutto le persone più deboli, causando in loro il maggior numero di complicazioni».
Lo scorso lunedì si è verificato uno degli eventi più controversi, quando le forze dell’ordine di Washington, DC, hanno usato i gas lacrimogeni sui manifestanti pacifici per sgombrare la strada in modo che il presidente Donald Trump per un servizio fotografico potesse raggiungere a piedi una chiesa vicina. La polizia dei parchi degli Stati Uniti ha detto di aver usato “palline di pepe” con una polvere irritante non specificata e “contenitori di fumo”. Il CDC usa il termine “gas lacrimogeno” per molti composti “antisommossa” con effetti simili.
Monica Sanders dell’Università del Delaware, professoressa di sociologia, studia i diritti legali e sociali delle popolazioni vulnerabili rispetto alle catastrofi e ai cambiamenti climatici, ha detto:
«Vivo dall’altra parte del fiume ad Alessandria, in Virginia, dalla mia casa potevo vedere il fumo come qualcosa di una “realtà distopica”. Avevo pensato di partecipare a quella protesta, ma ho rinunciato perché i miei polmoni erano ancora deboli a causa di una precedente infezione che avrebbe potuto essere il coronavirus Covid-19; anche se non ho mai fatto il test, a metà febbraio ho avuto una malattia respiratoria che mi ha quasi mandata al pronto soccorso. Io sono una triatleta senza precedenti di asma. Lo scorso ottobre ho nuotato in una gara di 5 km. Oggi non posso nuotare per 1,5 km. Ci sono altri modi durante la pandemia per controllare la folla che non implicano la creazione di disturbi respiratori, in una città che non ha abbastanza materiale medico».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →