E' morta Anita Page, diva americana del cinema muto, aveva 98 anni, tra i suoi fans, Benito Mussolini

Anita Page, bella bionda, attrice di punta della Metro Goldwyn Mayer, come riferisce il suo amico di sempre Randal Malone, per cause naturali, è morta nel sonno nella sua casa di Los Angeles

Anita PageE’ stata la più affascinante attrice del cinema hollywoodiano. Con la sua bellezza al contempo tenera e provocante, il suo corpo sinuoso e giunonico, il suo sguardo incantatore, la sua vivacità e la sua eleganza innata, ha fatto innamorare di sé le platee cinematografiche del mondo intero. Fu John Robert Powers a scoprirla poco più che quindicenne, e a farla posare per un servizio fotografico che le spalancò le porte del cinema.
[ …] Graziosissima interprete di pellicole come The Flying Fleet (La flotta volante, 1928) con Ramon Novarro, e Navy Blues (Cuor di marinaio, 1929), film questi che la consacrarono a "regina" dei film sentimentali. La sua popolarità crebbe in maniera spropositata, tanto da ricevere fino a 10.000 lettere a settimana dai suoi ammiratori: seconda dopo Greta Garbo. Il sonoro non influì minimamente sulla sua carriera, anzi, la sua voce delicata e accattivante le permise di accrescere il suo fascino sullo schermo. Continua a leggere

Anita Page, corteggiata da Mussolini –  Intervista rilasciata da Anita Page a Austin Mutti-Mewse (autore con il gemello Howard di un film-documentario sulle leggende di Hollywood).
 
«Ho ricevuto da Mussolini le lettere più dolci, veramente carine. Erano zuccherose e commoventi. Ovviamente, amava di me quello che aveva visto al cinema. Avevo una bella chioma, folta e disordinata; e una volta mi chiese di mandargli una ciocca». Nel 1929 Anita Page trionfò sullo schermo nella Canzone di Broadway, primo musical parzialmente a colori: fu allora che Mussolini le scrisse: «Fui così eccitata aprendo quella lettera adorante», racconta la Page. Nel giro di una settimana ricevette ben otto buste dal duce, che gli mandava anche le proprie foto chiedendo in cambio quelle di lei autografate: e la mamma della diva, che curava la posta con i fan, gliene spedì una in tenuta da tennis. «Credo che Mussolini pensasse che si fosse aperta una porta nei miei sentimenti. Scriveva delle mie mani e delle mie splendide labbra. In un’ occasione fece anche un riferimento al mio seno». Il duce intestava le buste «To Anita Page MGM, Hollywodd». Alla Metro Goldwin Mayer cominciarono ad aprirle, suscitando le ire del vicepresidente Irving Thalberg, innamorato della Page, e poi dello stesso boss, Louis B. Mayer, che le ordinò di non rispondere: quando arrivò il ringraziamento del duce per una foto inviatagli dalla madre-segretaria, la licenziarono. Ora Anita confessa: «Non dico che l’ avrei sposato, ma ero molto lusingata, anche se pensavo che fosse un po’ porco. Dopotutto, aveva privato il suo popolo della libertà»
 [Fonte, Archivio Storico, Corriere della Sera]

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

2 thoughts on “E' morta Anita Page, diva americana del cinema muto, aveva 98 anni, tra i suoi fans, Benito Mussolini

  1. capuncione peccato l’amicizia con Benito, per fortuna si è rifatta la l’ultima frase della sua intervista …. :-), ciao*

Lascia un commento