E’ imminente una tempesta solare simile al catastrofico evento Carrington del 1859

Il 1° settembre 1859 alle ore 11:18 il trentatreenne Richard Carrington – ampiamente riconosciuto come uno dei più importanti astronomi solari dell’Inghilterra – era nel suo ben attrezzato osservatorio privato, come il solito, nelle belle giornate, il suo telescopio proiettava un’immagine di 28 centimetri del Sole su uno schermo, abilmente disegnava le macchie solari che vedeva.
Richard Carrington quella mattina stava osservando la somiglianza di un enorme gruppo di macchie solari, all’improvviso, davanti ai suoi occhi, due brillanti sferette di luce bianca accecante apparvero sopra le macchie solari, s’intensificarono rapidamente e diventarono a forma di rene.
Rendendosi conto che stava assistendo a un evento senza precedenti, turbato dalla sorpresa, di corsa andò a chiamare qualcuno per farlo assistere all’eccezionale fenomeno.
Ritornò dopo un minuto, era mortificato nel costatare che era già molto cambiato e indebolito: alle ore 11:23 dopo solo cinque minuti, insieme al testimone osservarono le macchie bianche contrarsi a semplici puntini e sparire.
I cieli su tutto il pianeta Terra poco prima dell’alba del giorno dopo eruttarono in aurore rosse, verdi e viola così brillanti che i giornali potevano essere letti facilmente come alla luce del giorno. In effetti, le meravigliose aurore pulsavano anche alle latitudini tropicali vicine a Cuba, Bahamas, Giamaica, El Salvador e Hawaii; ancora più sconcertante, i sistemi telegrafici in tutto il mondo non solo andarono in tilt, i telegrafisti anche quando scollegavano le batterie, le correnti elettriche indotte dall’aurora nei fili della linea consentivano la trasmissione dei messaggi.
David Hathaway del team di fisica solare al Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, in Alabama, ha detto:
«Richard Carrington in quel fatidico giorno vide un bagliore solare a luce bianca, un’espulsione di massa coronale (CME, acronimo dell’inglese coronal mass ejection) dalla corona solare verso la Terra, dopo aver interagito con il campo magnetico del pianeta, creò una bolla globale di magnetismo».

Evento Carrington
L’incidente è stato soprannominato “Evento Carrington”, secondo la NASA, è stata la più grande tempesta geomagnetica mai registrata in 160 anni. Gli scienziati hanno avvertito che una tempesta della stessa entità può accadere di nuovo, potrebbe causare ingenti  danni.

Trilioni di dollari di danni
Abraham Loeb, presidente del dipartimento di astronomia dell’Università di Harvard, ha dichiarato a Express UK che se l’evento Carrington accadesse oggi, costerebbe circa 3 trilioni di dollari a danni per infrastrutture.
Il professor Abraham Loeb è lo stesso scienziato che ha elaborato una teoria secondo cui il primo oggetto interstellare scoperto nel sistema solare, Oumuamua, sia una nave spaziale aliena.

Prossimo Evento Carrington
Abraham Loeb ha detto:
«Un altro evento simile a Carrington, che ha avuto luogo 150 anni fa, potrebbe essere all’orizzonte, sulla scala temporale di un secolo, avverrà sicuramente.
I governi devono prepararsi per la prossima tempesta solare, potrebbe influire la vita sulla Terra. La grande tempesta geomagnetica danneggerà i satelliti per le comunicazioni, le reti elettriche e così via, naturalmente con il passare del tempo, poiché ci affidiamo sempre più alla tecnologia, in futuro il danno economico sarebbe ancora maggiore.
Suggerisco un modo in grado di deviare l’energia lanciata dal Sole. La tecnologia, un deflettore magnetico, sarebbe molto costosa da sviluppare, tuttavia, credo che varrebbe la pena rispetto al costo dei danni procurati da un altro evento Carrington».
David Hathaway, in conclusione ha detto:
«Ora sappiamo che le eruzioni solari accadono spesso, specialmente durante il massimo delle macchie solari. La maggior parte tradisce la loro esistenza rilasciando i raggi X (registrati dai telescopi a raggi X nello Spazio) e il rumore radio (registrato dai radiotelescopi nello Spazio e sulla Terra). Tuttavia ai tempi di Richard Carrington non c’erano né satelliti a raggi X né radiotelescopi. Nessuno sapeva dell’esistenza dei bagliori fino a quella mattina di settembre, quando una superflazione produsse abbastanza luce da rivaleggiare con la luminosità dello stesso Sole».
La NASA ogni giorno monitora l’attività solare, comprese le macchie solari e le eruzioni solari.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →