È emerso un coronavirus mutante, ancora più contagioso dell’originale

Il nuovo studio condotto da scienziati presso il laboratorio nazionale Los Alamos riporta che hanno identificato un nuovo ceppo del coronavirus, è diventato dominante in tutto il mondo e sembra essere più contagioso rispetto alle versioni che si sono diffuse nei primi giorni della pandemia di coronavirus Covid-19.
Gli scienziati hanno scritto che il nuovo ceppo è apparso a febbraio in Europa, è emigrato rapidamente verso la costa orientale degli Stati Uniti ed è stato il ceppo dominante in tutto il mondo da metà marzo. Oltre a diffondersi più velocemente, può rendere le persone vulnerabili a una seconda infezione dopo un primo incontro con la malattia.
Il rapporto di 33 pagine è stato pubblicato su BioRxiv (un sito che i ricercatori utilizzano per condividere il proprio lavoro non ancora sottoposto a revisione paritaria, precede la pubblicazione su una rivista scientifica) per accelerare le collaborazioni con scienziati che lavorano su vaccini o trattamenti coronavirus Covid-19.
La mutazione identificata nel nuovo rapporto colpisce i picchi ormai famigerati all’esterno del coronavirus Covid-19, che gli consentono di entrare nelle cellule respiratorie umane. Gli autori del rapporto hanno affermato di aver sentito un “urgente bisogno di un allarme tempestivo” in modo che i vaccini e i farmaci in via di sviluppo in tutto il mondo siano efficaci contro il ceppo mutato.
Il rapporto ha evidenziato che il nuovo ceppo infetta rapidamente molte più persone rispetto ai ceppi precedenti che venivano da Wuhan, in Cina, in poche settimane era l’unico ceppo che era prevalente in alcune nazioni. Il dominio del nuovo ceppo sui suoi predecessori dimostra che è più contagioso, anche se esattamente non è ancora noto il motivo. Il coronavirus Covid-19 dalla sua scoperta alla fine dello scorso anno ha infettato oltre 3,7 milioni di persone in tutto il mondo e causato oltre 258.000 morti.
Lo studio degli scienziati si è basato su un’analisi computazionale di oltre 6.000 sequenze di coronavirus da tutto il mondo, raccolte dalla Global Initiative for Sharing All Influenza Data, un’organizzazione pubblico-privata in Germania. L’analisi di volta in volta, ha scoperto che la nuova versione del coronavirus Covid-19 stava passando a diventare dominante.
Il team di scienziati di Los Alamos, assistito da scienziati del Duke University e dell’Università di Sheffield in Inghilterra, ha identificato 14 mutazioni, si sono verificate tra le quasi 30.000 coppie di basi di RNA che, secondo altri scienziati, costituiscono il genoma del coronavirus Covid-19. Gli autori dello studio si sono concentrati su una mutazione chiamata D614G, responsabile del cambiamento dei picchi del virus.
Bette Korber, biologa computazionale di Los Alamos, responsabile dello studio, sulla sua pagina Facebook ha scritto:
«La storia è preoccupante, visto che una forma mutata del virus sta emergendo molto rapidamente e dal mese di marzo sta diventando la forma di pandemia dominante. I virus con questa mutazione quando entrano in una popolazione, iniziano rapidamente a prendere il controllo dell’epidemia locale, quindi sono più trasmissibili. Il nostro team è stato in grado di documentare questa mutazione e il suo impatto sulla trasmissione grazie a un enorme sforzo globale di studiosi e gruppi sperimentali, che rendono disponibili le nuove sequenze del coronavirus Covid-19».
Bette Korber, laureata a Cal State Long Beach, ha conseguito un dottorato in chimica presso la Caltech, è entrata in laboratorio nel 1990 e ha concentrato gran parte del suo lavoro su un vaccino contro l’HIV. Ha vinto nel 2004 il premio Ernest Orlando Lawrence, il più alto riconoscimento del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti per i risultati scientifici. Ha contribuito con una parte del premio finanziario per aiutare a stabilire un orfanotrofio per le giovani vittime dell’AIDS in Sudafrica.
Lo studio contiene analisi regionali di quando il nuovo ceppo virale è emerso per la prima volta e in quanto tempo è diventato dominante. L’Italia è stata uno dei primi paesi a vedere il nuovo virus nell’ultima settimana di febbraio, quasi nello stesso momento in cui è apparso il ceppo originale. Washington è stato tra i primi a essere colpito dalla varietà originale alla fine di febbraio, ma entro il 15 marzo la varietà mutata ha dominato. New York fu colpita dal virus originale intorno al 15 marzo, ma in pochi giorni il ceppo mutante prese il sopravvento. Il team non ha riportato risultati per la California.
Gli scienziati delle principali organizzazioni che lavorano su un vaccino o sui farmaci hanno detto al Times che stanno riponendo le loro speranze sulle prove iniziali che il coronavirus Covid-19 è stabile e non è probabile che muti come il virus dell’influenza che richiede un nuovo vaccino ogni anno. Il rapporto degli scienziati di Los Alamos potrebbe ribaltare tale ipotesi.
Gli autori dello studio hanno avvertito che se la pandemia non si attenua stagionalmente mentre il clima si riscalda, il coronavirus Covid-19 potrebbe subire ulteriori mutazioni mentre le organizzazioni di ricerca stanno preparando i primi trattamenti medici e vaccini. Ora senza andare oltre il rischio l’efficacia dei vaccini potrebbe essere limitata, alcuni dei composti in fase di sviluppo dovrebbero agganciarsi al picco o interromperne l’azione: progettati sulla base della versione originale del picco, potrebbero non essere efficaci contro il nuovo ceppo di coronavirus Covid-19.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →