Droni, nulla potrà fermali, spieranno anche attraverso i muri delle case (video)

I droni al 100% avranno la capacità di vedere attraverso muri e soffitti degli edifici e molto altro ancora. Ogni giorno all’interno delle nostre case potranno guardare la nostra vita intima, i nostri figli dormire e fare il bagno, i nostri pasti in famiglia mentre noi siamo completamente all’oscuro.

Ecco alcuni passi di un recente articolo di Thompson intitolato “Droni: 13 cose che dovete sapere dal nuovo rapporto del Congresso”
Grazie alla tecnologia come Xaver 800 (l’unico a fornire, per la prima volta, vere immagini 3D di oggetti dietro le mura, consente la rapida localizzazione di persone nascoste da muri e barriere. Utilizza un radar elettromagnetico per costruire immagini 3D di oggetti nascosti), le forze dell’ordine e militari possono ora “vedere” attraverso i muri. Combinate questo dispositivo con il radar laser e tecniche d’imaging termico, le nostre case in pratica avranno pareti di vetro per le forze di polizia interessate.

Thompson ritiene che i droni alla fine saranno dotati con una tecnologia simile, permettendo loro di vedere attraverso soffitti e pareti degli edifici.
La matrice Argus è composta di più telecamere e altri tipi di sistemi d’imaging. L’uscita del sistema d’imaging è utilizzata per creare grandi immagini 1.8 gigapixel alta risoluzione e video mosaico.
L’esercito degli Stati Uniti, insieme a Boeing, ha sviluppato un nuovo aereo senza pilota chiamato “Hummingbird.” E’ un VTOL-UAS (a decollo verticale e atterraggio senza pilota). Tre di loro sono stati impiegati per un intero anno d’indagine e spiare l’Afghanistan da un’altitudine di oltre seimila metri, con la possibilità di eseguire la scansione di 65 kmq di superficie del terreno.
L’invasione della privacy prende ancora di più. Oltre a vedere attraverso le nostre mura, le organizzazioni incaricate dell’applicazione della legge “potrebbe cercare di allestire droni con il riconoscimento facciale o morbido riconoscimento biometrico, in grado di riconoscere e tenere traccia d’individui in base ad attributi quali altezza, età, sesso e colore della pelle.” Considerando che l’FBI ha investito un miliardo di dollari nel progetto per costruire le sue capacità di riconoscimento del viso, questa sembra quasi inevitabile. Tuttavia la natura sofisticata di tale dispositivo può determinare se l’uso della tecnologia di riconoscimento facciale su droni è legittimo sotto il Quarto Emendamento.
Il Quarto emendamento della Costituzione degli Stati Uniti stabilisce che “il diritto di ognuno alla sicurezza della propria persona, della proprietà, della stampa, e dei procedimenti, contro atti e intromissioni irragionevoli, non può essere violato, e non può essere stabilita nessuna disposizione contraria dall’autorità, se non in base ad una ragionevole motivazione.…”.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento