Drone per la riforestazione, pianta 100.000 alberi il giorno (Video)

La matematica è semplice, gli esseri umani stanno abbattendo 15 miliardi di alberi l’anno, ripiantandone solo 9 miliardi, equivale a una perdita netta annuale di 6 miliardi di alberi.
Piantare alberi manualmente richiede molto tempo e denaro, è difficile stare al passo con i trattori e bulldozer, ogni minuto deforestano vaste aree, grandi come 40 campi di calcio.
L’India eccezionalmente ha piantato 66 milioni di alberi in dodici ore, in un evento organizzato su larga scala, ha richiesto l’intervento di milioni di volontari. Sarebbe difficile ricreare regolarmente qualcosa del genere.
Fortunatamente, un ex ingegnere della NASA ha sviluppato droni, caricati con semi germinati, possono sparare baccelli nel terreno a una velocità di uno ogni secondo, circa 100.000 il giorno. Moltiplichiamo il numero per 165 droni, potremmo facilmente colmare il gap annuale di 6 miliardi di alberi.

I droni, progettati per la startup britannica BioCarbon Engineering, sono molto più efficienti degli umani nel piantare alberi per diversi motivi:

1. Sono più veloci. A circa un albero, il secondo, possono piantare alberi dieci volte più velocemente di quanto possa fare un umano.
2. Sono meno costosi. World Economic Forum riporta che il costo del lavoro dei droni è circa il 20% in meno del costo sostenuto con esseri umani.
3. Possono piantare, dove gli umani non possono. I droni poiché non sono coinvolti macchinari pesanti, possono piantare alberi in aree prive di strade, difficile da raggiungere.
4. Possono avere tassi di successo / sopravvivenza più alta. Gli esseri umani quando seminano, è difficile dire quanti ne germoglieranno e diventeranno alberi.

I droni per evitare di piantare i semi in luoghi dove sarebbero condannati fin dall’inizio, utilizzano la tecnologia per aumentare le probabilità: raccolgono e analizzano tutti i tipi d’informazioni, come la topologia e la composizione della superficie, il tipo di terreno e l’umidità nella zona.
La riforestazione con i droni è un processo che si svolge in due parti:
– innanzi tutto, un drone analizza il terreno e sviluppa una mappa 3-D dell’area. Il team di BioCarbon Engineering utilizza la mappa per organizzare un modello di semina personalizzato;
– in seguito un altro drone esegue il lavoro programmato, sparando gusci di semi germinati nei luoghi compatibili, alla velocità perfetta per penetrare il terreno.
I droni poiché la diversità è la chiave per una rigogliosa foresta, piantano una varietà di specie native dell’area.
Lauren Fletcher amministratore delegato di BioCarbon Engineering lo chiama “riforestazione su scala industriale”, rileva che potrebbe essere l’unica soluzione per combattere la deforestazione a livello globale.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →