Dose massiccia di vaccino contro il morbillo ha eliminato il cancro del sangue di una paziente (video)

I ricercatori della Mayo Clinic hanno annunciato uno studio fondamentale in cui una massiccia dose di vaccino contro il morbillo, abbastanza da inoculare dieci milioni di persone, ha spazzato via un incurabile cancro del sangue di una donna del Minnesota.
La Mayo Clinic ha condotto la sperimentazione clinica lo scorso anno utilizzando la viroterapia. Il metodo ha scoperto che il virus del morbillo può eliminare il mieloma multiplo. I ricercatori hanno costruito il virus del morbillo (MV-NIS) in una singola dose per via endovenosa, rendendolo selettivamente tossico per le cellule tumorali.
La signora Stacy Erholtz (vedi video), quarantanove anni, di Pequot Lakes, una di due pazienti nello studio che ha ricevuto la dose lo scorso anno, dopo 10 anni con mieloma multiplo, da oltre sei mesi non ha più segni della malattia. Ha detto:
«Non avevo altre opzioni disponibili, quindi perché non farlo? Dovevo aver fallito tutti i trattamenti convenzionali per fare quella prova. E’ stato il trattamento più semplice in assoluto, con pochissimi effetti collaterali. Spero che sia il futuro del trattamento del cancro per infusione».

Steven Russell, un ematologo della Mayo Clinic, ha guidato lo studio, ha detto:
«Il concetto è stato precedentemente testato nei topi, ma non nell’uomo. E’ una pietra miliare. Da qualche tempo sappiamo che i virus agiscono come un vaccino. Se s’inietta un virus in un tumore, è possibile provocare il sistema immunitario a distruggere quel cancro e altri tumori. Questo metodo è diverso, mette il virus in circolazione nel sangue, infetta e distrugge il cancro, il residuo è assorbito dal sistema immunitario.
I due pazienti con mieloma multiplo sono stati scelti perché sono immuno-compromessi, non possono combattere il morbillo prima che abbia il tempo di attaccare il cancro. Entrambi in precedenza avevano una limitata esposizione al morbillo, quindi un minor numero di anticorpi al virus, e sostanzialmente non avevano altre opzioni di trattamento. Dei due soggetti dello studio, la signora Stacy Erholtz è stata l’unica a raggiungere la remissione completa. L’altro paziente ha avuto una ricomparsa del tumore dopo nove mesi.
La nostra speranza è di trasformare questa ricerca in una cura. E’ come un invito all’azione. Non è solo buona per il nostro virus. E’ buona per ogni virus, ognuno lo sta sviluppando come terapia del cancro. Sappiamo che questo può accadere».
I ricercatori della Mayo Clinic stanno testando l’efficacia del virus del morbillo a combattere il cancro dell’ovaio, del cervello, del collo e il mesotelioma (è un tumore che nasce dalle cellule del mesotelio ed è associato soprattutto all’esposizione all’amianto). Si stanno inoltre sviluppando altri virus che sembrano avere il potenziale per uccidere le cellule tumorali.
La signora Stacy Erholtz ha aggiunto:
«Penso che sia semplicemente straordinario. Chi avrebbe mai pensato? In giugno tornerò in clinica per un check-up».
I ricercatori della Mayo Clinic si stanno organizzando per la fase due dello studio clinico su più pazienti con l’obiettivo di ricevere entro quattro anni l’approvazione della cura da parte della Food and Drug Administration (Agenzia per gli Alimenti e i Medicinali, abbreviato in FDA, è l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici).
I pazienti interessati alla imminente sperimentazione clinica che utilizzano vaccini contro il morbillo per trattare il cancro possono chiedere qui.

, , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento