Donare le scarpe ai bambini poveri dell'Africa

Un  allenatore di basket aderisce all’iniziativa, si mette scalzo durante le partite per sensibilizzare i tifosi: raccolte, in brevissimo tempo, 100.000 paia di scarpe

bambino africano senza scarpe
   Clicca per ingrandire

Ron Hunter, allenatore di basket dell’Indiana University-Purdue di Indianapolis (IUPUI), durante una partita, ha guidato la sua squadra a piedi scalzi (v. foto], per promuovere una campagna per la donazione di scarpe ai bambini poveri dell’Africa.
"Ho aderito a quest’iniziativa, perché non posso immaginare l’intera esistenza in vita di un bambino o di una persona senza scarpe" – spiega Ron Hunter -, "pensavo che raggiungere la cifra di 40.000 scarpe non era cosa facile. Oggi, prima della partita, quando mi hanno annunciato che in appena un mese di promozione, erano già state raccolte 100.000 paia di scarpe, onestamente mi è scesa qualche lacrima di commozione".
Alcuni studenti presenti alla partita, hanno subito aderito all’iniziativa, mettendosi scalzi per tutto l’incontro.
Hunter, "il samaritano", per conto della Samaritan’s Feet, organizzazione umani-taria no-profit (nata per donare le scarpe ai bambini poveri), quest’estate, in Camerum, distribuirà personalmente le scarpe ai bambini poveri.
Liberamente tradotto da Allheadlinenews

, , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

2 thoughts on “Donare le scarpe ai bambini poveri dell'Africa

Lascia un commento