Digital Rights Foundation protegge le donne dalle molestie informatiche

La Digital Rights Foundation (DRF) con sede in Pakistan è stata inserita nell’Index Awards 2018, categoria “Attivismo Digitale” per il suo lavoro di assistenza per le molestie informatiche, nel suo primo anno di attività ha supportato oltre un migliaio di donne. E’ il primo servizio di questo tipo in Pakistan, aiuta le donne a denunciare le molestie informatiche indipendentemente da dove vivono nel paese.
La linea di assistenza è importante perché rappresenta un modo innovativo e pratico per mettere in discussione l’esclusione delle donne dallo spazio online e rafforzare i diritti delle donne alla libertà di espressione.
DRF è stata fondata dall’attivista per i diritti digitali Nighat Dad. Oltre alla linea di assistenza, l’organizzazione per le donne offre corsi di formazione nella molestia online, svolge attività di supporto per la sicurezza di Internet, sensibilizza sulla sicurezza digitale e sulle questioni di censura:
«La Digital Rights Foundation prevede un luogo in cui tutte le persone, e in particolare le donne, sono in grado di esercitare il loro diritto di espressione senza essere minacciate. Riteniamo che la connessione Internet gratuita con accesso alle informazioni e politiche sulla privacy possa incoraggiare un ambiente sano e produttivo, aiuterebbe non solo le donne, ma il mondo in generale».
L’impulso a creare la linea di assistenza è stato l’omicidio di Qandeel Baloch, modella pakistana, attrice e celebrità dei social media pakistani (aveva un milione di seguaci), viveva in una piccola città di provincia nel Punjab. E’ stata uccisa da suo fratello, ha confessato di averla drogata e poi strangolata «per motivi d’onore». A spingerlo al delitto sarebbero stati i video sexy della sorella pubblicati sul web e le immagini hot presenti sull’account Facebook, considerati normali nei paesi occidentali, hanno causato indignazione nella società conservatrice pakistana della piccola città, dominata dai leader religiosi.
Le donne pakistane online costituiscono solo il 20-25% della popolazione, abitualmente subiscono il bullismo, vendette porno, ricatti, uso non consensuale delle informazioni personali, violazioni della privacy e altri tipi di molestie. Hanno paura di reagire e denunciare i maltrattamenti, preferisce ritirarsi dagli spazi online.
Mettere a tacere le voci femminili, escluderle dai social media e da altri siti, in Pakistan rispecchia l’esclusione delle donne dagli spazi pubblici e dalla vita pubblica, rappresenta una significativa minaccia alla libertà di espressione.
Il team di supporto della Digital Rights Foundation comprende uno psicologo qualificato, un esperto di sicurezza digitale e un avvocato specializzato, forniscono assistenza specializzata, aiutano donne, bambini, difensori dei diritti umani, comunità di minoranza e chiunque possa sentirsi insicuro negli spazi digitali. Riceve circa 80 chiamate il mese, il 60% delle richieste di aiuto proviene da donne. Alcuni sono anche uomini che cercano consigli a favore delle donne.
Lo staff garantisce che le vittime possano denunciare le molestie alle autorità. Poiché gli uffici preposti all’applicazione della legge in cui le vittime possono sporgere denuncia si trovano solo nei capoluoghi di provincia, può essere molto difficile per le vittime far avviare un’indagine nelle zone più remote del paese. La linea di assistenza per affrontare questo problema ha un proprio funzionario legale, può occuparsi dei casi per conto delle vittime.
Il team di assistenza telefonica per garantire che la voce delle donne sia ascoltata redige ogni sei mesi dei rapporti, includono un’analisi del tipo di problemi denunciati e le sollecitazioni per l’intervento delle istituzioni pakistane responsabili della sicurezza online.
Digital Rights Foundation ha detto:
«Siamo onorati di essere stati nominati per l’Index on Censorship Freedom of Expression Awards. Il riconoscimento significa molto per noi, soprattutto per gli spazi sempre più ristretti per gli attivisti sia online sia offline.
Il premio contribuirà notevolmente a dare legittimità al nostro lavoro, amplificheremo il nostro dissenso in favore di una connessione internet gratuita e sicura».

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento