Detesti il Natale? Non sai come sopravvivere alla festa? Ecco la guida di una psicologa che odia il Natale

Karen Rodham dell’Università di Staffordshire è Psicologo della Salute, Psicoterapeuta accreditato presso la Facoltà di Psicologia Britannica (FBPS), Membro della Divisione di Psicologia della Salute. Ha scritto questa guida per chi odia il Natale.
«Il primo dicembre del 2016 ho iniziato il mio nuovo lavoro, sulla mia scrivania ho trovato una borsa con la scritta “Karen’s Christmas Intervention” (Intervento natalizio di Karen). Conteneva molti regali e sfide a tema natalizio – come guardare un DVD di Natale e andare a un intrattenimento canoro. Erano stati progettati per aiutarmi a trovare qualcosa di piacevole per il Natale. Ho provato di tutto, in effetti, qualcuno aveva compiuto un grande sforzo organizzativo, ma anche se mi è piaciuto completare ogni sfida, non ha cambiato i miei valori. Rimango una “grinch” (il termine indica una persona di cattivo umore la cui mancanza di entusiasmo ha un effetto deprimente sugli altri).
In molte parti del mondo, ci si aspetta che amiamo il Natale e abbracciamo tutto ciò che lo riguarda. Chi non lo fa è rapidamente etichettato come grinch e consigliato di tenere il proprio punto di vista in modo da non rovinare un momento magico per gli altri. Ciò quanto è ragionevole?
E se sei un grinch, come puoi sopravvivere alla stagione del periodo natalizio? Molto semplicemente, un grinch è una persona cui non piace il Natale, alcune definizioni suggeriscono che i grinches cercano di rovinare il Natale per gli altri. Tuttavia, nella mia esperienza, non sono i grinches che fanno proselitismo, sono le persone che amano il Natale che lavorano sodo per cercare di cambiare il punto di vista del grinch.
Se state pensando di chiamare qualcuno un grinch, prima di tutto pensate bene a quanto lo conoscete. Se non siete sicuri del loro carattere allora fate attenzione, perché essere un “grinchista” non è contro la legge (grinch non è una caratteristica protetta), ma perché ci sono molte ragioni per cui una persona potrebbe non gradire il Natale: queste possono variare da opinioni politiche anticonsumiste, alla solitudine, preoccupazioni finanziarie, difficoltà familiari o traumatiche esperienze infantili.
Bene, se sei un collega grinch, ecco cinque suggerimenti, ispirati dalla scienza, possono aiutarti a navigare nel Natale. Ricordate che strategie diverse funzionano in contesti differenti e per individui diversi, quindi cercate di trovare una strategia che vi si addice.

1. Ottenere supporto
Innumerevoli studi dimostrano che le persone che vivono con malattie croniche, traggono grande beneficio dal trovare altre persone che capiscono quello che stanno vivendo. Chi vive con dolori persistenti può preoccuparsi di essere un peso per i propri cari, quindi è riluttante a dire come si sente veramente. Trovare altre persone che hanno esperienze simili, fornisce loro un riconoscimento immediato e un livello di comprensione. Possono dire quello che pensano veramente, essere chi sono veramente, senza paura di sconvolgere i loro familiari e amici più stretti. La soluzione quindi è quella di trovare altre persone grinchy tra i quali è possibile rimanere fedeli a se stessi, magari con l’aiuto del social media.

2. Sii strategico
Non riesco ad affrontare il pensiero della cena di Natale in un ristorante con i colleghi ma non voglio spiegare il motivo? Perché non evocare un altro impegno che significa che puoi venire solo ai drink prima di cena? Dopotutto, ci sono sempre molti inviti in questo periodo dell’anno, quindi nessuno sarà sospettoso. Ciò significa che sei disposto a partecipare ma puoi tornare a casa a un’ora ragionevole prima che la tua maschera di grinch scivoli via.

3. Fingi finché non ce la fai
Se vuoi nascondere completamente il tuo grinch interiore, potresti familiarizzare con un esperimento del 1979 della psicologa Ellen Langer della Harvard University. Ha invitato un gruppo di uomini di 70 anni per partecipare a una settimana di reminiscenza in un edificio fuori Boston. Furono istruiti a comportarsi come se avessero 20 anni di meno e di non parlare di tutto ciò che era successo dopo il 1959 (la riunione per dare un contesto era in stile con l’utilizzo di oggetti degli anni ’50).
I partecipanti alla fine della settimana, hanno dimostrato notevoli miglioramenti in destrezza, mobilità, memoria, pressione sanguigna, vista e udito. Agire come se fossero più giovani, li aveva ringiovaniti.
Insomma, se sei un grinch che vuole nascondere il suo stato d’animo o anche solo vedere se puoi imparare ad apprezzare il Natale, pensa a come si comporta un amante del Natale e mettilo in pratica: anche se non sei in grado di convincerti, è probabile che tu sia in grado di ingannare gli altri, nascondere il tuo sentimento e quindi tenere a bada le infinite domande sul perché non ti piace il Natale.

4. Alzati per te stesso
Alcune persone sono orgogliose di essere grinches e vogliono essere aperte al riguardo. Se è così, incoraggiare gli altri a rispettare il tuo punto di vista ti richiederà di assicurarti che le tue capacità di comunicazione siano in ottime condizioni: risolute ma non aggressive, pacate, aperte ma non giudicanti.
Inoltre, ricorda che il rispetto va in entrambe le direzioni, proprio come desideri che le tue opinioni siano rispettate, anche le scelte di chi ama il Natale meritano rispetto. Praticare una comunicazione calma e assertiva con un’apertura al compromesso è più probabile che porti al miglior risultato. Non c’è niente di sbagliato nel gradire o odiare il Natale, non c’è bisogno di rovinarlo per quelli che prendono la posizione opposta.

5. Siate gentili con voi stessi
Il Natale qualunque sia la strategia adottata, può essere un periodo particolarmente snervante. E’ quindi molto importante essere gentili con se stessi. Assicuratevi di pianificare le attività che sono significative e ristoratrici per voi. Ricordate che il periodo natalizio, come tutto, passerà. Se riesci nel tuo programma a costruire in tempo attività e comportamenti che riducono lo stress e ti aiutano a ricongiungerti con ciò che è importante per te, scoprirai di essere in grado di affrontare meglio le esigenze natalizie.
E, se tutto il resto fallisce, fate quello che ho fatto io: ho prenotato un periodo di ferie la settimana prima di Natale. Ho avvisato la gente che sarei andata via e che, di conseguenza, non sarei stata in grado di partecipare a nessuna delle imminenti attività natalizie. In realtà, mi trovavo a casa indisturbata, beata, allegra, un piacevole soggiorno».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →