Deportivo La Coruna annulla l’acquisto del calciatore dopo aver scoperto un suo vecchio tweet offensivo

Avete mai preso in giro sul social media un potenziale futuro datore di lavoro? Bene, ora potrebbe essere il momento di cercare e eliminare quanto avete scritto.
E’ costato caro un peccato di gioventù del calciatore ventenne Julio Rey, si è visto rescindere il contratto appena firmato per il suo trasferimento da sogno al Deportivo La Coruna dopo la scoperta da parte del club spagnolo di un suo vecchio tweet postato nel 2012.
Il Deportivo recentemente dopo aver annunciato la firma di Julio Rey giocatore in forza alla squadra Arosa SC (partecipa alla Tercera División del campionato spagnolo), ha rilasciato una dichiarazione dicendo di aver annullato il trasferimento all’ultimo minuto dopo aver scoperto il tweet.
E’ emerso che il calciatore Julio Rey apparentemente dopo una partita nel 2012 (aveva diciassette anni) ha postato su Twitter la frase Puta Depor, Puta Riazor tradotto comeF ** k Depor” (Riazor è lo stadio del Deportivo). Il tweet è stato scoperto dal personale del Deportivo incaricato di controllare online quanto scritto dai futuri acquisti del club.
Deportivo La Coruna in un comunicato sul loro sito web ha scritto:
«Deportivo, questa settimana aveva annunciato la firma di Julio Rey ha deciso di non portare a termine l’operazione dopo aver trovato commenti infelici fatti dal giocatore su un profilo personale online.
Deportivo ritiene che un giocatore meriti di indossare la maglia azzurra e bianca se è un esempio di sportività, ha rispetto per gli avversari, l’impegno e il sentimento positivo verso il club, i suoi colori, il suo stemma e i valori che la società rappresenta».
Julio Rey deve ancora dare la sua versione dei fatti, ha eliminato il suo account Twitter, senza dubbio ora si sentirà abbastanza stupido per le sue buffonate sul social media.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento