Danièle Watts attrice di colore scambiata per prostituta, arrestata per aver baciato in pubblico un uomo bianco, il marito …

Danièle Watts attrice afro-americana (ha fatto il suo debutto cinematografico nell’acclamato film di Quentin Tarantino campione d’incassi Django Unchained, con il ruolo di “Coco” ha recitato a fianco di Christoph Waltz, Jamie Foxx e Leonardo DiCaprio), ha detto di essere stata ammanettata e tenuta nella parte posteriore di una macchina della polizia. Il suo crimine? Baciare in pubblico un uomo bianco, il marito Brian James Lucas.
L’attrice sulla sua pagina di Facebook (ha postato una foto mentre piange accanto a un agente di polizia), ha scritto:
«Oggi sono stata ammanettata … dopo aver rifiutato di accettare di aver fatto qualcosa di sbagliato nel mostrare affetto, completamente vestita, in un luogo pubblico.
Mentre stavo seduta ammanettata nella parte posteriore della macchina della polizia, mi sono ricordata le innumerevoli volte che mio padre senza aver fatto nulla di male tornava a casa frustrato e umiliato dal comportamento della polizia. Ho provato la sua vergogna, la sua rabbia.
Ho voluto essere onesta manifestando la mia rabbia, la frustrazione. Rabbia e le lacrime scorrevano dai miei occhi. Lacrime che piangono per un paese che si definisce “la terra dei liberi e la patria dei coraggiosi”, e ancora trattiene le persone per rivendicare quel diritto».
Il marito Brian James Lucas, sulla sua pagina Facebook ha scritto:
«Oggi, Danièle Watts ed io siamo stati avvicinati da agenti di polizia dopo aver mostrato il nostro affetto pubblicamente. Dalle domande che mi hanno rivolto, ho capito che a sollecitarli era stata una telefonata arrivata alla centrale di polizia, un uomo aveva chiesto il loro intervento per bloccare in strada un cliente bianco con una prostituta nera. E’ qualcosa che era già accaduta a mia moglie e suo padre quando lei aveva sedici anni.
Vista la mia passata esperienza con la legge, agli agenti ho consegnato il mio documento identificativo sapendo che non avevamo fatto nulla di male. Gli agenti quando hanno chiesto il documento a mia moglie hanno ricevuto un rifiuto perché lei non riteneva regolare la richiesta. E’ stata ammanettata (nella circostanza ha subìto un taglio al polso), e gettata nella parte posteriore della macchina della polizia fino a quando i due agenti non sono riusciti a capire chi fosse. Hanno dovuto lasciarla andare perché non eravamo una minaccia per nessuno».
Il Dipartimento di Polizia di Los Angeles non ha voluto commentare quanto accaduto, non è emersa nessuna traccia dell’incidente, Danièle Watts non è stata portata nella stazione di polizia per un interrogatorio.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento