Cucù di Berlusconi, più alticcio del solito, da dietro il lampione [vignetta]

Per l’anziano Silvio Berlusconi (particolarmente alticcio), un appuntamento istituzionale, come quello di Trieste, per il bilaterale fra Italia e Germania, è una ghiotta occasione per farci ridere dietro da tutto il mondo


Cucù di Berlusconi
Cucù di Berlusconi

L’ennesimo numero da circo, in barba al protocollo (l’ha preparato nei minimi dettagli con Emilio Fede e Bondi), è stato quello di nascondersi dietro un lampione, aspettare l’arrivo della cancelliere tedesca, Angela Merkel, per fare capolino e sorprenderla con un Cucù.
La Merkel, ha mantenuto il sangue freddo (il premier ha rischiato due sonori ceffoni), l’ha scrutato dal collo della bottiglia, fino al gomito alzato, poi, per non deludere l’anziano premier (si ostina a fare il comico, non ha capito che alle sue battute, non ridono più neanche quelli della Villa), l’ha applaudito, come si può applaudire un clown, al termine della sua carriera.

, , , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

50 thoughts on “Cucù di Berlusconi, più alticcio del solito, da dietro il lampione [vignetta]

  1. che male c’e’ se anche nelle riunioni formali si cerca di essere abbastanza frivoli per abbassare la tensione dell’ evento ?

  2. Non è vero!!!! (ero fra il pubblico, per caso).

    Per cominciare non era un lampione, ma uno dei due piloni porta bandiere, e poi la signora Merkel si è divertita.

  3. Un cretino! Senza alcun dubbio. Purtroppo è anche quello che oggi rappresenta l’Italia. Che vergogna!

  4. magellano83 è un impostore che sa fare bene il suo lavoro :-).
    #2 anonimo Evento? a Triste tira la bora. Se è teso, ritornasse sulle navi da crociera a fare l’animatore.
    #3 anonimo Io ero lì, ho tolto la bottigia di mano al vecchio Premier, confermo che era un lampione e che la Merker, si è divertata alle nostre spalle, grazie al tuo Presidente :-).

  5. una sola cosa……”facciamoci riconoscere dal popolo straniero ”

    che vergogna …..!!!!!!!!!

  6. NON si tratta di un lampione, ma di uno dei due pili delle bandiere di Piazza dell’Unita’ d’Italia !

    (i soliti comunisti ignoranti)

  7. sono triestino,ero presente ,poco lontano,non seguo la politica,solo curiosità,abito a cento metri tra l’altro dall’accaduto che si è svolto in tutt’altro modo.La Merkel era divertita e neppure imbarazzata,tutto quà.Molto tempo fa in Canada conoscevo un uomo cui la sifilide costringeva a interpretare la realtà in modo analogodistorto

  8. ho sempre pensato che questo fosse un paese pericoloso,anche un berlusconi non potrà mai sentirsi sicuro

  9. un carabiniere è morto a mostar un’altro è ferito,nessuno dà notizia,forse non è importante

  10. Rispondere a voi tutti non servirebbe a nulla, visto che all’opposizione non è rimasto che appellarsi allo spirito altrui.

  11. #11 anonimo, ah, scrivi che eri in ottimi rapporti, con l’uomo canadese con la sifilide, non ti ha denunciato per averlo infettato?

  12. questi comunisti, non sanno più come denigrare Berlusconi.

    Sarà tutta invidia?

    P.S. Ma non era Prodi cotechino che alzava il gomito?

  13. ogni volta dimostra che il suo senso dello stato è -273 ( zero assoluto) le “carinerie”, se vuole farle, le faccia come privato cittadino nel giardino di casa non come rappresentante del governo italiano

  14. queste pagliacciate servono solo per distogliere l’attenzione pubblica dai veri problemi del paese… e tutti noi ci caschiamo in pieno!!!

  15. #20 anonimo Prodi è quello della metafora dell’ubriaco (il tuo Presidente) e del lampione, te la ricordi?: «Il premier (l’anziano Berlusconi) si affida ai numeri (conti pubblici), come gli ubriachi si appoggiano ai lampioni».

  16. L’articolista appare ,con tutta evidenza,uno degli ammalati di OBAMITE,ma pure di berlusconite acuta!2 forme virali che danno rispettivamente esaltazione e psiconevrosi da impotenza!

  17. puo essere mai che voi comunisti vi crediate sempre migliori degli altri quando mangiavate i bambini fino a poco tempo fà.La gelosia corrode l animo umano e voi maledetti siete sciolti

  18. A CAPO DI UNA NAZIONE ABBIAMO MESSO UN PAGLIACCIO.UN “TOTO’

    CON TUTTO IL RISPETTO PER IL GRANDE TOTO’ ATTORE.

    NOI NON ABBIAMO BISOGNO DI PAGLIACCI MA DI GENTE SERIA CHE LA LAVORI PER IL BENE DELLA GENTE E NON SOLO PER IL BENE DEI PROPRI INTERESSI PERSONALI

  19. #25-26 anonimi che bello leggervi così frustrati, consapevoli che il vostro anziano capocomico è a fine carriera, non è più in grado di far ridere nessuno, non ridono più neanche quelli della Villa di Arcore.

    L’avete impippato troppo di Viagra (per ringiovanirlo?), ci vuole ben altro per uno della sua età, gli effetti deleteri del Viagra, sono visibili a tutti. Come l’avete ridotto, che tristezza.

  20. il “pagliaccio” è purtroppo la somma della maggioranza degli italiani che amano queste cose per non vedere e non pensare!

  21. Se Berlusconi si sente giovane

    lasiatelo divertire, ma guardatevi

    voi sbandati di mente, e di partiti,

    prendete di esempio datevi da fare,

    date al paese ITALIA ciò che avete

    miseramente distrutto in tanti anni.

    Fedele Italiano .

  22. SIAMO DAVVERO AL CAPOLINEA.

    TUTTO IL MONDO STA RIDENDO DI NOI ITALIANI CHE ABBIAMO AVUTO IL CORAGGIO DI ELEGGERE UN PAGLIACCIO DEL GENERE.

    QUESTO E’ UN VERo ” MALATO DI MENTE” ! C’E STATO UN ALTRO PAZZO ( HITLER ! ) … ED ABBIAMO VISTO COSA E’ SUCCESSO

  23. sicuramente abbiamo un premier capace di lavorare, seriamente e con risultati forti quando c’è da lavorare, e anche di sorridere: Beh, non é da tutti. L’Italia ce l’ha e non se ne deve affatto vergognare, anzi….io, italiano, invece,mi vergogno di avere concittadini, deputati e ex ministri della Repubblica che hanno definito l’Inno Nazionale ( ricordate lo disse proprio DALEMA) una “marcetta” e polemizzato più di una volta sul Tricolore? ( ricordate la loro battaglia sulla eliminazione della festa del Tricolore?).

  24. noi comuni mortali non capiamo questo suo modo di fare, è ferito nell’animo perchè non gli concedono uno spazio a zelig….

    p.s. NON SONO DI SINISTRA MA MI VERGOGNO DI ESSERE RAPPRESENTATO DA UNA MACCHIETTA COSI

  25. Se fino ad ora, con l’etichetta ed il cerimoniale dei nostri politici siamo finiti così in basso, proviamo a cambiare! Ben venga satira e giovialità: dario Fo Nobel insegna!

  26. ciao carissimo! È tanto che non mi faccio vedere da queste parti… più di un anno. Non so neanche se ti ricordi di me… prima il mio blog si chiamava Diario di una brasiliana!!!

    Sono passata a trovarti!

    ciao ciao abraccio forte

    🙂

  27. Questo Berluschifosoni riesce sempre a far parlar di se e credo che questo sia il suo scopo!!!!!!!!!!!

    Un affettuoso saluto!!!!!!!!

    SaccheggiatorCortese

  28. Io trovo che sia una vergogna… avere un Presidente del Cosiglio che gioca… alla sua età poi!

    Ma che immagine diamo di noi italiani???

  29. a me quello che sconcerta di più è che il signore in questione è sempre convinto di essere ad un party in casa sua… e, da padrone di casa, (non badiamo se l’Italia dovrebbe essere degli italiani e non di UNO SOLO!!!…) si comporta: che siano le regole del gioco, che siano le luci e le ombre (fari accesi sulla sicurezza-terrore… fari spenti sulla scuola—per es.), che siano le pagliacciate (compresa l'”abbronzatura” di Obama, per es.), che siano le spese (in fondo i soldi sono ‘suoi’ e non dei contribuenti!).

    NO… io non me ne vergogno… sarebbe troppo poco!

    Io lo guardo muoversi e lo giudico… e spero che altri aprano gli occhi, osservino e lo giudichino.

    AI POSTERI L’ARDUA SENTENZA!!!

    lucilla (a me non piace l’anonimato!)

  30. ho catturato il prossimo ordine del giorno del G8

    campana

    chiapparella

    tana liberi tutti

    un due tre stella

  31. mi sono, purtroppo, sfuggite le spiegazioni intelligenti di Bocchino, Lupi, Giovanardi ecc. sull’operato del presidente (con la p minuscola)

  32. Questo signore è riuscito a fare bene due cose: la prima a spaccare l’italia in due e la seconda a non finire in galera! In stati appena un po’ più evoluti del nostro non occuperebbe quella carica e soprattutto non avrebbe un codazzo di ammiratori così poco critici.

Lascia un commento