Costipazione e tossicità

La continua stitichezza può portare ad alcune gravi malattie. La materia fecale dovrebbe muoversi attraverso il colon in modo semplice e in un dato tempo, quando rimane nel colon per diversi giorni, il colon s’intossica e questa tossicità si diffonde in ogni parte del corpo. Lo sforzo per movimentare l’intestino stitico, può danneggiare i tessuti nella parte inferiore del colon e i vasi sanguigni delle gambe.

In passato
Oltre novanta anni fa, i medici conoscevano l’importanza di un colon pulito. Eli Metchnifoff, direttore dell’Istituto Pasteur, nel 1908 è stato insignito del Premio Nobel per la Medicina. La sua ricerca ha dimostrato che i batteri patogeni del colon, producono secrezioni tossiche che lentamente avvelenano tutto il corpo.
Metchnifoff, ha sempre sostenuto che le sostanze tossiche provenienti dal colon sono responsabili per ogni malattia degenerante. La sua convinzione era così forte che ha suggerito che la vita dell’uomo si dimezza quando il suo colon è trascurato e permette un’eccessiva produzione di batteri tossici.
Il Dott. Joseph H. Greer, nel 1931 diceva ai suoi pazienti cosa fare per porre fine alla costipazione e come prevenirla. Oggi, nutrizionisti e operatori sanitari  dicono la stessa cosa.
Il Dott. Joseph H. Greer, nelle pagine del suo libro The Drugless Road to Perfect Health (La strada priva di farmaci per una salute perfetta), ricorda ai pazienti:
“Dovete consumare più fibre per movimentare l’intestino. Il cibo prodotto con alimenti trasformati vanno di pari passo con la stitichezza, con la conseguenza di dover far ricorso ai lassativi. Più è marcata la stipsi e più aumenta il consumo di pillole, un circolo vizioso con cattivi risultati. Non abbiate paura a consumare grano saraceno, farina di mais, avena, cavolo crudo, cipolle e sedano. Sono migliori delle farine raffinate e alimenti confezionati che inondano il mercato, questi, possono far risparmiare un po’ di lavoro in cucina, ma producono costipazione“.
Oggi, è ben chiaro ai medici nutrizionisti, naturopati e altri operatori della medicina alternativa, che la stitichezza è un segnale che non può essere ignorato, il colon deve essere mantenuto efficiente e ben funzionante. E’ importante sapere che ignorare la stitichezza per lunghi periodi di tempo può portare a gravi malattie, disabilità con la probabilità di non poter vivere fino alla tarda età.

Il video alcuni suggerimenti per combattere la stitichezza, dal movimento delle mani all’incrocio delle braccia (aiuta a indurre un movimento delle viscere), alla posizione yoga(muove lo stomaco e l’intestino), al consumo di rabarbaro (contiene l‘antrachinone, un composto che ha un effetto lassativo).
Tra i suggerimenti, gli alimenti da evitare perché possono ulteriormente costipare come lo zucchero e dolci, pane bianco, riso bianco, formaggio e uova sode e quelli che aiutano  come i semi di lino (un cucchiaio di semi di lino, due o tre volte il giorno con almeno un quarto di acqua).
Il video suggerisce anche di alzare le ginocchia quando seduti sul water, contribuisce a movimentare l’intestino: sollevare le gambe dal pavimento (meglio poggiare i piedi su uno sgabello), in modo da portare le ginocchia  superiori all’altezza sedere. E’ la posizione ideale per muovere le viscere.
Bere più acqua, mangiare più cibi ricchi di fibre, fare attività fisica. Tutto ciò aiuta a combattere la stitichezza.
In chiusura il suggerimento del famoso medico greco Ippocrate: mangiare aglio ogni giorno è un ottimo rimedio per prevenire la stitichezza.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento