Cos’è la sepsi? Conoscere i rischi. Individuare i segni. Agire velocemente

La sepsi è la risposta estrema del corpo a un’infezione. E’ un’emergenza medica perché è pericolosa per la vita. La sepsi avviene quando un’infezione che hai già – nella tua pelle, nei polmoni, nel tratto urinario o altrove – innesca una reazione a catena in tutto il corpo. La sepsi senza un trattamento tempestivo può portare rapidamente a danni ai tessuti, insufficienza d’organo e morte.

Che cosa causa la sepsi?
I germi quando entrano nel corpo di una persona, possono causare un’infezione, se non è interrotta, può causare sepsi.

Chi è a rischio?
Chiunque può avere un’infezione, qualsiasi infezione può portare alla sepsi. Alcune persone sono a più alto rischio:

– adulti di 65 anni o più;
– persone con condizioni mediche croniche, come diabete, malattie polmonari, cancro e malattie renali;
– persone con un sistema immunitario indebolito;
– i bambini di età inferiore a un anno.

Penso che potrei avere una sepsi. Che cosa dovrei fare?
Se ti senti peggio o non stai migliorando nei giorni successivi all’intervento, chiedi al tuo medico “Potrebbe essere una sepsi?”.
Allo stesso modo, se hai un’infezione che non sta migliorando o peggiora, chiedi al tuo medico, “Potrebbe questa infezione portare alla sepsi?”

Sepsi il subdolo killer, è al centro una nuova spinta per i trattamenti
La lotta contro la sepsi – la risposta immunitaria a livello corporeo a un’infezione che può portare ad amputazioni, perdita di organi o morte – continua a impegnare i ricercatori, stanno cercando di sviluppare un trattamento coerente ed efficace.
La sepsi ogni anno colpisce più di 30 milioni di persone in tutto il mondo, uccidendo circa 6 milioni di persone. E’ difficile da trattare, evolve rapidamente, lasciando i medici con poca scelta, come quella di inondare il corpo con molteplici antibiotici e altre terapie una volta che l’infezione del sangue si è sviluppata.
Runa Hatti Gokhale, esperta di sepsi presso i CDC (Centers for Disease Control and Prevention, abbreviati in CDC, è un importante organismo di controllo sulla sanità pubblica degli Stati Uniti d’America), ha detto:
«La sepsi è un’emergenza medica, incredibilmente complicata, qualsiasi tipo d’infezione può trasformarsi in sepsi, i germi più frequentemente identificati legati alla sepsi includono Staphylococcus aureus (staph), Escherichia coli (E. coli), e alcuni tipi di Streptococcus.
Ogni anno non meno di 1,7 milioni di americani sviluppa la sepsi, tra questi 270.000 muoiono, rendendola una delle principali cause di morte negli Stati Uniti.
CDC è focalizzata su una campagna sulla sfida di prevenire la sepsi e riconoscerla prima. Il protocollo di trattamento medico tende al più presto a iniziare con gli antibiotici, seguito da altre fasi».
In generale c’è una crescente preoccupazione per la pratica di curare i pazienti con antibiotici multipli entro le prime tre ore dal ricovero nel tentativo di combattere l’infezione, in gran parte a causa dell’aumento della resistenza agli antibiotici.
Gary Eldridge, presidente e CEO dell’azienda farmaceutica Sequoia Sciences, ha detto:
«La resistenza agli antibiotici e il problema della sepsi sono peggiori di quanto si pensi perché i dati sono pubblicati ogni 3-4 anni mentre la resistenza agli antibiotici continua a crescere.
Le infezioni del tratto urinario (UTI) sono uno dei quattro principali tipi d’infezioni legate alla sepsi, insieme alle infezioni polmonari, della pelle e dell’intestino.
Le UTI ricorrenti sono di particolare preoccupazione perché spesso un paziente riceve prescrizioni automatiche, non c’è nessun database per controllare quante ne ha ricevute. Stiamo lavorando su un vaccino, le infezioni UTI sono sempre più resistenti agli antibiotici».
Tara deBoer, ricercatrice presso UC-Berkeley, ha detto:
«Il nostro team è focalizzato sulle UTI perché se al paziente non è somministrato immediatamente l’antibiotico appropriato, l’infezione dalla vescica raggiunge i reni, con un grande rischio di spostarsi verso la circolazione sanguigna».
In conclusione da segnalare anche la ricerca per un trattamento migliore, nel Regno Unito un recente studio per determinare i trattamenti ottimali, ha dimostrato che uno strumento di apprendimento automatico potrebbe essere in grado di migliorare il trattamento della sepsi facendo un confronto tra le variabili dei pazienti con il suo database.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →