Confermato dalla ricerca, la meditazione costruisce le cellule del cervello, aumenta la materia grigia

La ricerca ha ora dimostrato che la meditazione costruisce le cellule del cervello e aumenta materia grigia nel cervello. I ricercatori di Harvard utilizzando risonanza magnetica (MRI), hanno scoperto che la meditazione produce cambiamenti fisiologici nella materia grigia del cervello. E’ emerso che alcune aree nel cervello dei partecipanti allo studio si sono ispessite dopo solo otto settimane di pratica della meditazione consapevole. La ricerca è stata pubblicata nel 2011, ha rappresentato e documentato per la prima volta che la meditazione può causare cambiamenti fisici al cervello. La ricerca è stata condotta presso il Massachusetts General Hospital da ricercatori della Harvard University. La ricerca è stata finanziata dal Centro Nazionale per la medicina complementare e alternativa del NIH.
I temi di ricerca di un programma di meditazione consapevole sono stati condotti per otto settimane, i partecipanti allo studio mediamente per 27 minuti il giorno ha ascoltato le registrazioni audio di meditazione guidata. Il gruppo di partecipanti alla ricerca due settimane prima dello studio sono stati sottoposti a scansioni di risonanza magnetica (MRI), mentre un gruppo di controllo ha avuto anche una risonanza magnetica per immagini (MRI), ma non ha ascoltato le guide di meditazione audio-registrato.

I risultati della ricerca
I partecipanti allo studio hanno riferito di sentirsi meno stressati dopo il periodo di otto settimane. La risonanza magnetica ha rivelato la diminuzione della materia grigia nell’amigdala e l’aumento della materia grigia nell’ippocampo. L’amigdala è la parte del cervello che aiuta il corpo ad affrontare l’ansia e lo stress e controlla il meccanismo di “lotta o fuga”. L’ippocampo, che ha mostrato un aumento della densità della sostanza grigia, è l’area del cervello che controlla la memoria, l’apprendimento, la consapevolezza di sé, l’introspezione e la compassione.

Conclusioni e implicazioni
Il restringimento dell’amigdala indica una riduzione della risposta allo stress del corpo, è stato espresso come i sentimenti di riduzione del relax e dello stress segnalati dai partecipanti allo studio.
Lo studio ha concluso che la meditazione costruisce le cellule del cervello, aumenta la materia grigia e permette al cervello di rallentare le risposte allo stress, fornendo una migliore concentrazione, l’apprendimento e la memoria.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento