Conclave – Cinquanta curiosità sulla Cappella Sistina

  1. La Cappella Sistina prende il nome da Papa Sisto IV, colui che l’ha commissionata.
  2. La Cappella Sistina è visitata da 25.000 persone il giorno (cinque milioni di persone l’anno).
  3. L’ingresso ai Musei Vaticani e alla Cappella Sistina costa 16 euro, un fatturato annuo per il Vaticano di circa 80 milioni di euro.
  4. La Cappella Sistina come descritto nel Vecchio Testamento ha le stesse dimensioni del Tempio di Salomone a Gerusalemme.
  5. Papa Sisto IV, ha celebrato la prima Messa nella cappella il 15 agosto 1483.
  6. L’importante edificio della Cappella Sistina, ha una struttura molto semplice con un alto blocco di mattoni rettangolari senza ornamento. Non ha una grande facciata e nessuna porta d’ingresso processionale: tutti i punti d’ingresso sono interni, collegati ad altre parti del Palazzo Papale.
  7. La Cappella Sistina oggi come allora è utilizzata anche come cappella privata del Papa.
  8. La Cappella Sistina è divisa in due parti da una transenna marmorea per separare il Papa con il clero dai pellegrini.
  9. La Cappella Sistina è più famosa per gli affreschi di Michelangelo, ma molto prima di Michelangelo, Papa Sisto ha incaricato Botticelli per affrescare le due pareti lunghe della Cappella: da un lato è raccontata la storia di Mosè, l’altro lato, la storia di Cristo. I due dipinti anche senza l’opera di Michelangelo rappresentano ancora uno dei cicli di affreschi più grandi d’Europa.
  10. Il Papa che in un tipico esempio di nepotismo commissionò gli affreschi di Michelangelo nel 1508 fu Giulio II, nipote di Sisto IV (i pontefici romani, in alcuni periodi della storia della Chiesa, indipendentemente dai meriti favorivano i propri familiari, specialmente i nipoti. Spesso i “nipoti” dei Papi erano in realtà i loro figli).
  11. Giulio II aveva i suoi piani di affreschi della Cappella Sistina – le immagini dei dodici Apostoli. Michelangelo ha respinto l’idea come una “cosa cattiva”.
  12. Piero Matteo d’Amelia, pittore umbro, prima di Michelangelo iniziò a lavorare il soffitto della cappella con una rappresentazione del cielo notturno caratterizzato da una semplice volta di colore blu con un paio di stelle d’oro.
  13. Michelangelo iniziò a lavorare sul soffitto nel mese di luglio del 1508. Gli affreschi realizzati sono stati presentati nel mese di ottobre 1512.
  14. I dipinti della Cappella coprono 1.110 mq, circa un sesto delle dimensioni di un campo da calcio.
  15. Michelangelo, contrariamente al mito, non ha dipinto sulla schiena, ma su una piattaforma di sua invenzione che si estendeva oltre la metà dell’area della cappella e gli ha permesso di stare in piedi. La piattaforma è stata spostata a metà del progetto. Michelangelo in nessun momento poteva guardare il lavoro in corso dal basso, ha dipinto le immagini su vasta scala da una distanza di pochi centimetri.
  16. La maggior parte dei nudi maschili decorativi sul soffitto di Michelangelo, sono presenti con le ghiande, un motivo ricorrente tra gli affreschi dell’artista come omaggio al nome della Rovere (Quercia), della famiglia di Giulio II.
  17. I principali nove pannelli al centro del soffitto di Michelangelo raffigura storie del Libro della Genesi, dalla Creazione alla storia di Noè. Michelangelo, tuttavia, dipinse i pannelli in ordine cronologico inverso, per finire con le scene che mostrano come Dio ha creato il sole, la luna, la Terra, l’oscurità e la luce. Michelangelo affermò di aver deliberatamente lasciato le immagini di Dio fino all’ultimo, quando la sua tecnica dell’affresco sarebbe stata migliore nel momento più impegnativo del suo lavoro, quello di eccellere nella rappresentanza del divino.
  18. Il ritratto di Michelangelo di Dio come una figura muscolosa con lunghi capelli bianchi e grande barba bianca è quello che molti di noi immaginano, ma questa era la prima volta che Dio era stato dipinto in questo modo dinamico. Nella maggior parte dei primi dipinti di Dio è stato descritto semplicemente come una mano tesa verso il basso attraverso le nuvole.
  19. Dio è raffigurato sei volte negli affreschi del soffitto. Cristo non figura come un adulto (il Bambino Gesù appare tra le figure sotto il mantello di Dio nella famosa immagine di Dio che crea Adamo), perché, a parte le immagini delle sibille, il soffitto è interessato solo all’Antico Testamento. La parete a destra dell’altare contiene scene della vita di Cristo.
  20. La Bibbia suggerisce che il frutto proibito di Eva è una mela. L’albero di Michelangelo nel pannello del soffitto raffigurante la Tentazione, è un fico. Satana, il serpente in questa scena è raffigurato non come una figura maschile, ma con la testa di una donna.
  21. Michelangelo ha dipinto il vasto affresco del Giudizio sulla parete di fondo dell’altare della Cappella Sistina molto tempo dopo gli affreschi del soffitto, tra il 1536 al 1541.
  22. Il Concilio di Trento nel 1564 ha chiesto di rendere più decenti i nudi più importanti del Giudizio Universale. L’artista Daniele da Volterra fu incaricato di dipingere biancheria intima, o braghe (tendaggi) sui nudi offensivi, proprio per questo si guadagnò il soprannome di Braghettone.
  23. Il conclave del 1492 fu il primo a tenersi nella Cappella Sistina del Palazzo Apostolico. E’ sede di tutti i conclavi dal 1870.
  24. I dispositivi elettronici sono vietati all’interno della Cappella durante le elezioni, tutti i 115 cardinali che partecipano alle elezioni sono controllati prima di entrare.
  25. I cardinali prestano un giuramento di segretezza con la promessa di non rivelare il loro voto pena il fuoco dell’inferno e la dannazione.
  26.  Una volta che i cardinali sono entrati, le porte della Cappella sono chiuse con le parole “Extra omnes” – “tutti fuori”, pronunciate dal Maestro delle Cerimonie Pontificie.
  27. Le porte della Cappella Sistina sono bloccate. La parola conclave (riunione del Collegio dei Cardinali per un’elezione del Papa) deriva dal latino cum clave, cioè (chiuso) con la chiave.
  28. Nel corso del conclave due Guardie Svizzere Pontificie protegge le porte della Cappella Sistina. Fanno parte di una forza di 110 elementi reclutati in Svizzera per proteggere il Papa.
  29. Il Conclave nel Medioevo era composto di soli dodici cardinali, nel 16 ° secolo il numero era salito a 70, nel 1958 era 120.
  30. Dal 12° secolo i Papi sono stati scelti dai cardinali in 95 elezioni.
  31. I Cardinali in teoria fino al 1996 poteva scegliere il nuovo Papa per acclamazione.
  32. Fino al 1970 non c’era alcun limite di età per votare, ora i cardinali per essere ammessi al voto non possono superare gli ottanta anni. I cardinali anziani sono autorizzati a svolgere un ruolo di ‘spirituale’ nella prima fase delle elezioni.
  33. All’inizio della riunione nel 2005, a discrezione di Papa Benedetto XVI, padre Raniero Cantalamessa, predicatore della Casa Pontificia ha proposto una meditazione per i cardinali.
  34. Cibo e bevande ai conclavi, sono serviti nella Sala Borgia vicino alla Cappella Sistina: le suore cuoche sono tra i pochi non cardinali autorizzati a partecipare. Gli altri sono solo due sacrestani e due maestri di cerimonie.
  35. In passato, i cardinali sostavano con notevole disagio in stanze ad angoli vicino alla Cappella Sistina e le altre zone attigue al Palazzo del Papa. Ora per volontà di Papa Giovanni Paolo II, alloggiano presso la Domus Sanctae Marthae, nota anche come Casa Santa Marta, è un edificio situato all’interno della Città del Vaticano, presso la Basilica di San Pietro.
  36. Il Cardinale Decano che presiede il Collegio dei Cardinali, prima della votazione estrae a sorte i nomi dei nove cardinali ammissibili presenti: tre svolgeranno il ruolo di scrutatori (separati dagli altri cardinali, siederanno sotto il Giudizio Universale di Michelangelo); tre raccoglieranno i voti dei cardinali rimasti seduti, e tre fungeranno da Revisori.
  37. Il Papa Gregorio XV ha introdotto la votazione a scrutinio segreto nel 1621.
  38. Il Conclave prevede quattro scrutini il giorno, due la mattina e due la sera, fino a quando un candidato riceve la maggioranza dei due terzi più uno dei voti.
  39. I cardinali possono indicare un solo nome sulla loro scheda elettorale sotto la scritta “eligo in Summum Ponteficem”.
  40. L’elezione di Papa Benedetto XVI nel 2005, ha richiesto solo due giorni e quattro scrutini.
  41. Dopo il trentaquattresimo scrutinio, i cardinali possono votare solo i due cardinali che hanno ricevuto il maggior numero di voti nella votazione precedente.
  42. Un nuovo Papa per essere eletto non ha bisogno di essere un cardinale: in teoria ogni cattolico, battezzato, maschio, celibe se eletto, è immediatamente fatto vescovo. L’ultimo non cardinale a essere eletto Papa fu l’arcivescovo di Bari, Bartolomeo Prignano, salì al trono papale nel 1378 con il nome di Papa Urbano VI.
  43. L’elezione o la non elezione del Papa, sarà segnalata rispettivamente dalla fumata bianca o nera che uscirà dal comignolo collocato per l’occasione sulla Cappella Sistina. La fumata bianca sarà accompagnata dal suono delle campane.
  44. Il Cardinale Decano, una volta che un cardinale ha raggiunto la maggioranza necessaria per essere eletto, gli si avvicina e gli chiede se è disposto ad accettare il ruolo di Papa e, se lo è, di dichiarare la scelta del suo nome papale. Nel caso improbabile che non sia vescovo, il Cardinale Decano ha il potere di ordinarlo vescovo.
  45. Karol Wojtyla (Giovanni Paolo II) nel 1978, dopo 455 anni è stato il primo Papa non italiano a essere eletto da un conclave.
  46. Il nuovo Pontefice è condotto presso la Sala delle Lacrime nella Cappella Sistina (è il soprannome assegnato alla sacrestia della Cappella Sistina, dove al termine del conclave, il papa neoeletto si ritira e, nell’indossare per la prima volta, i paramenti papali con i quali si presenterà in pubblico dalla Loggia delle benedizioni, si presume scoppi a piangere per la commozione per il ruolo che è chiamato a svolgere – Fonte: wikipedia). La stanza, con un piccolo divano rosso, è fuori dalla Cappella a sinistra dell’altare e sotto il Giudizio Universale.
  47. Nella Sala delle Lacrime il nuovo Papa indosserà i paramenti papali che i sarti hanno preparato in tre misure differenti per ogni eventualità.
  48. Il Cardinale Protodiacono – il più anziano dell’ordine dei diaconi – va poi al famoso balcone principale di San Pietro e dice alla folla sottostante: “Annuntio vobis gaudium magnum. Habemus Papam “(vi annuncio una grande gioia. Abbiamo il Papa).
  49. Il nuovo Papa appare quindi al balcone stesso, fa un breve discorso e dà la sua prima benedizione, Urbi et Orbi alla città di Roma e al mondo.
  50. Un fregio nella chiesa di San Paolo fuori le Mura a Roma, costruito sul posto dove è stato sepolto San Paolo dopo la sua esecuzione nel 67 dC, contiene le immagini di tutti i papi. Il mondo, secondo la tradizione romana, finirà quando non ci sarà spazio per un altro ritratto. Al momento, ci sono solo sette spazi lasciati dopo Papa Benedetto XVI
,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

1 thought on “Conclave – Cinquanta curiosità sulla Cappella Sistina

  1. Hi there i am kavin, its my first occasion to commenting anywhere, when
    i read this paragraph i thought i could also create comment due to this sensible paragraph.

Lascia un commento