Come sarà il clima sull'Italia e nel mondo tra cinquantanni? Guarda con Climate Wizard, potente strumento interattivo

Climate Change Wizard Analysis Tool – If you are interested in understanding climate change, looks at how temperature and precipitation may change by month, season, or year – over the next 100 years

Climate Change Wizard was designed for use by a wide range of users. Since the large climate datasets are stored and analyzed remotely on powerful computers, users of the tool do not need to have fast computers or expensive software, but simply need access to the internet.
Users can either select the area of interest to analyze from a set of provided base data layers (administrative and biological), they can upload an ESRI Shapefile, or can draw directly on the Google Maps® interface. The analysis results and products are then available for downloading or for viewing using a map-based website.
Easy-to-Use Web Mapping Interface. Climate Change Wizard is here 
(Full text)

________________
Italian version
Come sarà il clima sull’Italia e nel mondo tra cinquantanni? Guarda
con Climate Wizard, potente strumento interattivo per analizzare il
passato, presente e futuro del cambiamento climatico

ClimateWizard è un facile strumento base da usare online per l’analisi e la mappatura dei cambiamenti climatici in aree specifiche d’interesse a livello globale, regionale e locale.
Lo strumento – sviluppato da Evan Givetz (Università di Washington), Chris Zganjar (The Natura Consevancy) e George Raber (University of Southern Mississippi) – utilizza i metodi di programmazione computerizzata per sistemi d’informazione geografica (GIS) e delle tecnologie internet per analizzare grandi database di modelli climatici, memorizzati su server remoto.
Climate Wizard fornisce l’accesso ad una vasta gamma di dati climatici su modelli precedenti e futuri, esegue potenti analisi su rilevanti questioni ecologiche all’interno di specifiche aree geografiche.
I risultati delle analisi prodotte da questo strumento (mappe, grafici, tabelle, informazioni geografiche GIS), possono essere utilizzati per la ricerca ambientale ed ecologica, la gestione, la pianificazione, la politica, e gruppi di pressione per sollecitare una politica ecologica.
Climate Wizard, strumento d’analisi per tutti
ClimateWizard è stato progettato per essere utilizzato da una vasta gamma d’utenti. Poiché il set di dati di grandi dimensioni del clima è memorizzato ed analizzato su potenti computer in remoto, gli utenti che utilizzano lo strumento non hanno bisogno di avere  computer veloci o software costosi, ma semplicemente un accesso ad internet.
Gli utenti possono selezionare l’area geografica d’interesse per  immettere i dati che possono essere visualizzati sull’interfaccia di Google Maps. I risultati delle analisi sono quindi disponibili per il download o per la visualizzazione utilizzando una mappa basata sul sito.
In alternativa, gli utenti possono selezionare le aree da un elenco di aree geografiche prestabilite. Dopo aver inserito l’area d’interesse, gli utenti possono immettere le informazioni per l’analisi:
(1) specificando un periodo di tempo tra il 1901 e il 2099;
(2) specificando una risoluzione temporale (annuale, stagionale o mensile);
(3) specificando un insieme di variabili del clima che l’utente è interessato ad analizzare (precipitazioni, la temperatura minima, temperatura massima, temperatura media).

Risultati interattivi Web Page Climate Wizard
Una volta che l’analisi è in esecuzione, una pagina dei risultati Web è visualizzata in modo dinamico  con i risultati su misura per l’analisi specifica scelta. Se si analizzano più aree, ciascuna può essere visualizzata nella pagina dei risultati web, selezionando l’area da un menù a discesa.

Prodotti utili possono essere scaricati
Le mappe possono essere scaricate come file grafici da utilizzare in presentazioni, relazioni e pubblicazioni, così come le tabelle che riassumono il clima.
, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →