Citta’ del Vaticano, messaggio pasquale [vignetta]

Credo che abbia dovuto imparare a dire “mi dispiace„ in 63 lingue

Messaggio pasquale
Timesonline Vignetta di Morten Morland

 Cartoon: The Pope’s Easter Message
This cartoon by Morten Morland from The Times relates to the child sex abuse scandal currently casting a shadow over the Catholic Church. We see the Pope delivering his traditional Easter message to the faithful in St Peter’s Square, Rome.
In Ireland anger bubbled over at Easter Mass in Dublin’s cathedral as protesters placed children’s shoes on the altar to represent the victims of clerical sex abuse. About five people walked to the steps of the altar, where one man shouted “shame” at Archbishop Martin.
___________
No alla visita del Papa a Londra 13mila firme a Downing Street

Per capire l’aria che tira, il Times rispolvera, come fosse un vecchio album di famiglia, le immagini impresse nella memoria dell’ultima visita in Inghilterra di Giovanni Paolo II. Profumo di incenso, gioia ecumenica, il Papa e l’arcivescovo di Canterbury fianco a fianco in un tripudio di folla e rispetto reciproco. Non bisogna essere degli indovini per capire che non sarà così questa volta, quando il prossimo settembre Benedetto XVI sbarcherà a Londra. Sul sito di Downing Street fioriscono petizioni per protestare contro la visita di Ratzinger e i nomi in calce continuano ad aumentare. Ieri l’elenco dei «Protest the pope» people era arrivato a 13.424 firme, tutti cittadini britannici come richiesto espressamente dal sito.
In Irlanda nella Cattedrale di Dublino, durante la Messa di Pasqua, è traboccata l’ira.
I manifestanti per rappresentare le vittime di abusi sessuali, hanno poggiato le scarpette dei bambini sull’altare. Cinque persone hanno raggiunto i gradini dell’altare, un uomo ha gridato “vergogna” a Mons. Martin.

, , , , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

20 thoughts on “Citta’ del Vaticano, messaggio pasquale [vignetta]

  1. complimenti ai moderatori, un messaggio più stupido di quello non lo si poteva propio far passare. Beceri intolleranti anticattolici.

  2. E' il minimo e non ci vuole molto a capire che chiedere scusa sarebbe un grande gesto di umilta'.Ma in Vaticano e' tornata potente la Curia ed il Papa,questo Papa, sembra un "asino in mezzo ai suoni".x

  3. il problema che tutti siamo contro il papa,mentre le altri religiono sono sempre uniti per i loro ideali io invece sono sempre dalla parte del papa e del vaticato imparate a nn essere ipocriti

  4. linodigianni – Perché vuoi mandare in Germania il vignettista? Un commentatore anonimo, non condivide. Buona Pasqua :-).

  5. Io non tollero le istituzioni fondate sulla religione, qualsiasi religione, poichè le suddette istituzioni hanno solo scopo personale, sviano completamente dal significato spirituale, manipolano i fedeli a proprio comodo e rasentano l'eresia contro cui esse stesse si fanno combattenti.
    Qualunque cosa i sostenitori delle istituzioni ecclesiastiche dicano in favore di esse, io sono contraria e li reputo terribilmente ipocriti.

  6. E parlano proprio gli inglesi, rappresentanti di un popolo dove un maschio su tre è gay !
    A proposito di "senti chi parla": ricordate quando, pochi anni fa, la tenace opposizione di lega  e forza italia ha impedito che al parlamento europeo i rappresentanti di vari stati del nord Europa ottenessero l'approvazione di una legge che omologava la "modica dose" di pedofilia ?

  7. che illumini voi, che preferite il silenzio su chi violenta i bambini piuttosto che alzare il velo su una schifezza che dura ormai da troppo tempo nella chiesa, la quale si permette di giudicare tutto e tutti e spesso senza alcun riferimento alla Parola ma nessuno può giudicare lei.

  8. Papa: ''I sacerdoti siano angeli, messaggeri di Gesù Cristo e della sua vittoria sul male''.

    Non sapevo che gli angeli fossero dotati di organi genitali maschili.
    Non sapevo che i bambini fossero il male da combattere.
    Quante cose non sapevo!
    Come sono ignorante!
    Antonio.

  9. Cari Amici, a me sembra che ci sia molta ipocrisia ed alcuni elementi non riescono a convincermi:
    – non credo sia possibile accettare critiche di carattere etico da chi sopporta da 7  anni l' esistenza della prigione di Guantanamo,
    – nemmeno da parte di chi appoggia ciecamente una "pulizia etnica" in una Città Santa a tre Religioni  come Gerusalemme o in una terra dove una popolazione non ha alcun diritto se non quello di crepare,
    – Vorrei, infine, che venisse rispettata la decisione dell'ONU del 1949 che dichiarava l'internazionalizzazione di Gerusalemme sotto il controllo dell'ONU,
    – tutte le denunce ( doverose) si riferiscono a casi vecchi da 10 a 20 anni fa. Occorre senz'altro che gli scandali vengano alla luce, però consideriamo anche che forse, se si tratta di cose  gravissime ma antiche, qualcosa per la prevenzione è stata fatta,
    – se la critica è per partito preso ( perchè si è anticlericali, massoni, atei, di altra religione etc.) credo che l'obiettivo sia sbagliato: se ci pensate bene gli ultimi 2  Papi sono gli unici che ancora  hanno parlato di libertà, uguaglianza e fratellanza; gli altri ti raccontano di mercato, di opportunità da cogliere, di privatizzazioni ( a partire dagli ineffabili della sinistra PD). Per ironia della Storia  quei Papi sono gli ultimi Giacobini.

    Io,almeno la vedo così.
    Ciao a tutti
    Prudentissimo

  10. A seguito di un dibattito Universitario simile nel 68 un grande servo di Dio rispose a me personalmente "per quanti errori possa commettere la Chiesa essendo rappresentata da uomini ,resterà sempre un grande deterrente  in tempi bui"(Padre Mariano) Grazie  del post
    Beatrice

  11. molto interessante questo post. il tema è dramamtico, e la chiesa glissa e ammette solo se con le spalle al muro. che tristezza.

  12. , sta fregando la piazza a berlusconi , per quanto riguarda la stima che hanno all'estero di noi,
    tutto sommato abbiamo ciò che meritiamo.

Lascia un commento