Chi sarà leader nell’intelligenza artificiale nel 2030 governerà il mondo fino al 2100

Vladimir Putin un paio d’anni fa aveva avvertito i russi che la nazione che sarebbe diventata leader delle tecnologie che usano l’intelligenza artificiale avrebbe dominato il mondo. Aveva ragione ad essere preoccupato, la Russia ora è un protagonista minore, la corsa sembra essere ristretta principalmente tra Stati Uniti e Cina, mentre l’Unione europea (rappresenta ancora un quinto dell’economia mondiale), ha sottovalutato i punti di forza.
La leadership tecnologica richiederà grandi investimenti digitali, una rapida innovazione dei processi aziendali e sistemi fiscali e di trasferimento efficienti: la Cina sembra avere il vantaggio nel primo, gli Stati Uniti nel secondo e l’Europa occidentale nel terzo. Avere un vantaggio su tre non andrà bene, e anche due su tre non basterà. Chi farà meglio tutti e tre i punti dominerà il resto.
Erik Brynjolfsson, direttore del MIT Initiative on the Digital Economy, studioso degli effetti delle tecnologie digitali, ha detto:
«Siamo sull’orlo di cambiamenti colossali, ma non dovete credere alla parola del signor Putin, né alla mia. È un momento di scelta e d’opportunità. Potrebbero essere i 10 anni migliori che abbiamo mai avuto nella storia dell’umanità o uno dei peggiori, perché ora abbiamo più possibilità di quanto ne abbiamo mai avuto prima. Per capire perché questo è un momento speciale, dobbiamo sapere come quest’ondata di tecnologie sia diversa da quelle precedenti e come sia identica. Dobbiamo sapere cosa significano queste tecnologie per le persone e le imprese. E dobbiamo sapere cosa possono fare i governi e cosa hanno fatto. Insieme ai miei colleghi Wolfgang Fengler, Kenan Karakülah e Ravtosh Bal, ho cercato di rendere semplice la ricerca di studiosi come David Autor, Erik Brynjolfsson e Diego Comin».

Quattro ondate, tre fatti
È utile pensare che dal 1800 il cambiamento tecnico sia avvenuto in quattro ondate, causato da una sequenza di “tecnologie per scopi generali” (GPT). Gli economisti descrivono meglio i GPT come “cambiamenti che trasformano sia la vita familiare, sia il modo in cui le aziende conducono gli affari”. I quattro GPT più importanti degli ultimi due secoli sono stati il motore a vapore, l’energia elettrica, l’informatica e l’intelligenza artificiale (AI).
Tutti questi GPT hanno ispirato innovazioni complementari e cambiamenti nei processi aziendali. I fatti solidi e più importanti sul progresso tecnologico hanno a che fare con il suo ritmo, i suoi prerequisiti e i suoi problemi:
– i cambiamenti tecnologici stanno diventando sempre più rapidi. Il ritmo delle invenzioni se da un lato può non essere accelerato, dall’altro il tempo tra invenzione e attuazione si è ridotto. I ritardi medi d’attuazione se da un lato sono difficili da misurare con precisione, dall’altro non sarebbe una semplificazione eccessiva che sono stati dimezzati con ogni ondata di GPT. Il tempo tra invenzione e uso diffuso sulla base delle prove disponibili è stato ridotto da circa 80 anni per il motore a vapore, a 40 anni per l’elettricità, e poi a circa 20 anni per la tecnologia dell’informazione (Figura 1). Vi sono motivi per ritenere che il ritardo d’attuazione per le tecnologie correlate all’influenza aviaria sarà di circa 10 anni: come sempre, con l’accelerazione del cambiamento tecnologico e i vantaggi della prima mossa, sta crescendo la necessità d’investimenti grandi e coordinati;
– lasciar perdere è praticamente impossibile, se da un lato una tecnologia a scopo speciale come la telefonia fissa può essere saltata a favore di una nuova tecnologia che fa la stessa cosa, ad esempio, quella del cellulare, è difficile per i paesi superare le tecnologie d’uso generale. In pratica perché un paese ne superi un altro, deve prima recuperare il ritardo. Il progresso tecnologico è un processo cumulativo. Le innovazioni dei processi aziendali necessarie per l’utilizzo del motore a vapore erano imprescindibili per consentire alle imprese di sfruttare l’energia elettrica. Ovviamente, più elettricità è una condizione preliminare per la tecnologia dell’informazione. Regolamenti che facilitano o impediscono il progresso tecnico, l’istruzione e le infrastrutture, e gli atteggiamenti nei confronti del cambiamento sociale che accompagna le nuove tecnologie contano tanto quanto le tecnologie, evidenziando la necessità di politiche complementari che influenzano l’economia e la società;
– l’automazione è una riduzione della manodopera, non uno spostamento di manodopera. Oggi mentre la preoccupazione più comunemente espressa è che la diffusione dell’intelligenza artificiale sostituirà i lavoratori con macchine intelligenti, gli effetti delle precedenti GPT sono sintetizzati meglio come una riduzione della quota di guadagno in termini di valore aggiunto. L’evidenza suggerisce anche che, a partire dagli anni ’70, l’automazione nelle economie relativamente avanzate ha messo sotto pressione i guadagni della manodopera. La preoccupazione, in altre parole, non dovrebbe essere la disoccupazione diffusa, ma il fatto che i redditi stanno diventando sempre più distorti a favore del capitale rispetto al lavoro. Ciò significa che i paesi che hanno accordi efficienti per affrontare i problemi distributivi hanno un vantaggio rispetto a quelli che non lo hanno.

Molti soldi: vantaggio della Cina
Putin non è il primo leader russo a capire l’importanza delle tecnologie innovative per scopi generali. Cento anni fa, il partito comunista di Vladimir Lenin inventò il piano quinquennale per sfruttare il potere elettrico. In effetti, non sarebbe esagerato affermare che le moderne pratiche di pianificazione hanno avuto origine dal piano di Lenin per l’elettrificazione dell’Unione Sovietica. Vale la pena leggere un passaggio del rapporto di Lenin intitolato “Tempestoso e prolungato applauso” pronunciato nel 1920 nella riunione del Consiglio dei Commissari del Popolo, per apprezzare l’importanza dell’elettrificazione:
«Relazione della Commissione per l’Elettrificazione dello Stato, istituita dal Comitato Esecutivo Centrale di tutta la Russia il 7 febbraio 1920. Il comunismo è il potere sovietico più l’elettrificazione di tutto il paese. Siamo più deboli del capitalismo, non solo su scala mondiale, ma anche all’interno del paese. Solo quando il paese sarà stato elettrificato, e l’industria, l’agricoltura e i trasporti saranno stati posti sulla base tecnica della moderna grande industria, solo allora saremo pienamente vittoriosi. Abbiamo un piano che ci fornisce stime dei materiali e delle finanze per un lungo periodo, non inferiore ad un decennio. Dobbiamo compiere questo piano a tutti i costi, il periodo del suo compimento deve essere ridotto».
La Cina rispetto agli Stati Uniti potrebbe già spendere di più in Ricerca e Sviluppo (Figura 2). Oggi, il più serio fautore della pianificazione in stile sovietico è il Partito Comunista Cinese, nel 2015, a proposito dell’intelligenza artificiale, ha annunciato il piano Made in China 2025 da 1,68 trilioni di dollari. Il piano è trasformare l’economia cinese e dominare l’industria manifatturiera globale entro il 2030. La Cina non ha né l’agilità imprenditoriale dell’America né i sistemi di finanza pubblica capaci dell’Europa occidentale, ma sta investendo molto denaro nel dominio digitale. La questione è se questo sarà sufficiente.
La Cina negli ultimi due decenni è diventata una potenza economica; i prossimi 10 anni decideranno se diventerà una superpotenza. L’orientamento del Presidente Xi potrebbe essere riassunto come la strategia di Lenin era nel 1920: il capitalismo di Stato è il Partito popolare più l’intelligenza artificiale.

Pratiche commerciali: vantaggio dell’America
La storia è che nel 2018, il presidente Donald Trump si è lamentato con il presidente Xi Jinping che Made in China 2025 era offensivo nei confronti degli Stati Uniti perché intendeva fare della Cina il leader globale nella tecnologia. Da allora non vi sono riferimenti ufficiali. Il governo cinese ritiene che non abbia senso schernire il leader mondiale della tecnologia a fare di più.
Il vero vantaggio degli Stati Uniti è che il governo esercita un impatto più leggero rispetto alla Cina o all’Europa, riducendo i ritardi dall’invenzione al mercato e accelerando l’adattamento delle imprese, in modo che i guadagni di produttività siano realizzati più rapidamente che nei paesi concorrenti.
La diffusione relativamente rapida dei computer, disponibili per l’uso simultaneo in tutte le economie ricche, è più rapida negli Stati Uniti, rispetto a Canada, Giappone, Germania e Francia (Figura 3).
Le condizioni normative, infrastrutturali e culturali che portano ad una più rapida innovazione dei processi aziendali, richiede stretti legami tra industria e università, un ambiente accogliente per immigrati molto qualificati, norme sane sul mercato dei prodotti e regole ragionevoli d’assunzione e licenziamento, condizioni che non saranno facili da istituire in Cina e in Europa, per questo gli Stati Uniti per un po’ avranno il vantaggio.

Soluzioni migliorative: vantaggio dell’Europa
Gli Stati Uniti mentre sono pronti ad innovare, l’Europa occidentale è essenzialmente più ugualitaria. Si osservi (Figura 4) sia la diffusione, sia la penetrazione dell’uso di Internet. L’Europa ha recuperato terreno tra il 1990 e il 2010, da allora l’uso di internet è stato più diffuso in tutti i paesi europei. La maggiore disuguaglianza di reddito negli Stati Uniti ha sicuramente qualcosa a che fare con questo, ma sarebbe ancora più preoccupante se fosse dovuta anche ad una maggiore disuguaglianza di opportunità. Vi sono sempre più prove che questo è il caso, e crescenti timori che questi divari si allarghino rapidamente man mano che le tecnologie basate sull’Intelligenza Artificiale si diffondono in tutta l’economia.
Visto che il cambiamento tecnologico aggraverà la disuguaglianza sia d’opportunità, sia di risultati, nel prossimo decennio una redistribuzione efficace diventerà più necessaria di quanto non sia stato in passato. L’Europa avrebbe così un gran vantaggio: la disuguaglianza dei redditi di mercato in tutti i paesi europei tranne cinque è inferiore a quella degli Stati Uniti.

Il coefficiente di Gini
Il coefficiente di Gini, introdotto dallo statistico italiano Corrado Gini, è una misura della diseguaglianza di una distribuzione. È spesso usato come indice di concentrazione per misurare la diseguaglianza nella distribuzione del reddito o anche della ricchezza. È un numero compreso tra 0 ed 1. Valori bassi del coefficiente indicano una distribuzione abbastanza omogenea, con il valore 0 che corrisponde alla pura equidistribuzione, ad esempio la situazione in cui tutti percepiscono esattamente lo stesso reddito; valori alti del coefficiente indicano una distribuzione più diseguale, con il valore 1 che corrisponde alla massima concentrazione, in altre parole la situazione dove una persona percepisca tutto il reddito del paese, mentre tutti gli altri hanno un reddito nullo.
Ogni economia europea dopo la tassa di trasferimento ha un coefficiente di Gini inferiore a quello americano. I paesi europei dispongono dei sistemi più redistributivi delle imposte e dei trasferimenti (Figura 5).

Che cosa tenere d’occhio
Le persone che fanno previsioni economiche a lungo termine, tendono a concentrarsi sui punti di forza: la Cina può investire molti soldi per diventare una superpotenza, gli Stati Uniti hanno un buon clima per gli affari, quindi continueranno a dominare l’economia mondiale, e l’Europa più egualitaria, avrà più peso per il dollaro.
Forse dovremmo piuttosto considerare la volontà delle economie di porre rimedio alle loro mancanze. La Cina deve trovare il modo di incoraggiare l’imprenditorialità e affrontare le enormi disparità in materia d’istruzione e ricchezza. L’Europa deve mobilitare ingenti somme di denaro e rendere più facile per gli investitori, ovunque si trovino, portare le invenzioni nel mercato unico. Gli Stati Uniti devono solo trovare rapidamente il modo di ripristinare la concorrenza nei settori della tecnologia, della finanza, della sanità e dell’istruzione pubblica, in modo che i loro sistemi di ridistribuzione non siano messi a dura prova.
Erik Brynjolfsson in conclusione ha detto:
«Io scommetto sugli Stati Uniti. La crescita della produttività riprenderà a progredire man mano che le aziende si avvantaggeranno delle nuove tecnologie, i consumatori si porteranno a casa grandi guadagni in termini di prezzo e qualità, e i responsabili politici smetteranno di preoccuparsi per i timori di una stagnazione secolare. La pressione fiscale se è spostata in misura sufficiente dal lavoro al capitale, i redditi delle famiglie a medio reddito terranno il passo. Aspettatevi che siano gli Stati Uniti a prendere l’iniziativa per il resto del secolo».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →