Caso di polimelia – Tutto pronto per operare la bambina nata con un terzo braccio al centro della schiena

La bambina per essere sottoposta a intervento chirurgico è stata trasferita al Nishter Hospital di Multan. Il terzo braccio sporge dal centro della schiena, vicino al suo midollo spinale.
Il dottor Ghulam Shabbir del Nishtar Hospital di Multan, ha detto che la bambina è affetta da un raro disordine genetico chiamato polimelia [nel linguaggio medico, malformazione congenita consistente nella presenza di arti in soprannumero, in genere rudimentali, che possono essere impiantati sul tronco in prossimità degli arti normali, o su questi stessi (arti bifidi)].
Il dott. Shabbir, intervistato dal The Tribune Express, ha detto:
“E’ il primo intervento di questo tipo effettuato nel nostro ospedale, abbiamo consultato gli esperti per determinare la procedura chirurgica ottimale per rimuovere il terzo braccio“.
Il padre della bambina ha detto che la figlia da qualche giorno è stata trasferita in ospedale per un trattamento preventivo prima dell’intervento.
In Pakistan, all’inizio di questo mese,  sempre per un problema di polimelia, è nato un bambino con sei gambe. Recentemente i medici hanno rimosso con successo i quattro arti in sovrannumero.
Jamal Raza, direttore del National Institute of Child Health, ha detto che la polimelia colpisce un bambino su un milione. Tra i casi più recenti:
– nel 2005, a Detroit, una bambina di nome Destiny è nata con una gamba in più completamente formata;
– nel marzo 2006, un bambino identificato solo come Jie-jie è nato a Shanghai con un terzo braccio completamente formato. E’ un esempio di un elemento supplementare in un asse normale del corpo;
– nel luglio 2007, nell’ospedale di Lebowakgomo in Sud Africa, è nato un bambino con quattro gambe;
– il 6 novembre 2007, Lakshmi Tatma, nata con 4 braccia e 4 gambe,  è stato operata con successo in India.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento