Capodanno cinese: perché la Russia dovrebbe temere l’Anno del Serpente?

Russia, buon Capodanno cinese, se la storia insegna per te sarà un anno particolarmente interessato …

Molte persone sono felici per i fuochi d’artificio e le feste che arrivano con il Capodanno cinese. Non tutti sono entusiasta dell‘Anno del Serpente (dal 10 febbraio 2013 al 31 gennaio 2014).
Tradizionalmente l’Anno del Serpente dopo l’anno del Drago che lo precede, è considerato un ciclo meno fortunato nei 12 anni dello zodiaco cinese: gli attacchi terroristici dell’11 settembre, il massacro di piazza Tiananmen, e l’inizio della Grande Depressione, tutto si è svolto negli anni del “serpente“. L’Anno del Serpente del 2013, è anche l‘Anno del Serpente nero (evento raro, accade una volta ogni sessanta anni, l’ultimo è stato quello del 1953).
L’Anno del Serpente  è particolarmente temuto in Russia. E’ un paese che ha validi motivi di avere paura dei serpenti perché alcuni dei momenti tumultuosi nella sua storia sono sempre coincisi con gli Anni del Serpente.

I grandi cambiamenti storici della Russia nell’Anno del Serpente
Pavel Sviridov, futurologo e presidente del Fondo di ricerca temporale, in una recente intervista al sito Pravda, ha detto:
«L’Anno del Serpente per la Russia ha sempre segnato molti importanti cambiamenti radicali nella nostra vita sociale e politica. Sono passati dodici anni dall’ultimo Anno del Serpente, ora quello del 2013 segnerà l’inizio di grandi cambiamenti nel nostro paese».
In effetti, nel turbolento ventesimo secolo, un rapido sguardo su alcuni dei momenti più importanti della storia in Russia rivela una strana sincronicità con gli “Anni del serpente“:

Capodanno cinese, 2013 anno del serpente

1881, assassinio di Alessandro II (per le sue riforme sociali in Russia e il suo ruolo nella liberazione della Bulgaria, Alessandro II divenne noto in Bulgaria come lo Zar liberatore);
1905, inizia con la prima rivoluzione russa – massicci scioperi dei lavoratori, determina l’inizio della fine del regime zarista;
1917, è arrivata la rivoluzione bolscevica, ha inaugurato più di sette anni di regime comunista;
1929, il governo sovietico ha avviato l‘espropriazione forzata delle proprietà di terre e bestiame dei contadini. La politica di collettivizzazione porta a deportazioni di massa e carestie;
1941, durante la seconda guerra mondiale, Hitler inizia l’invasione dell’Unione Sovietica. La guerra tra i due belligeranti termina dopo quattro anni con molte vittime e la sconfitta della Germania;
1953, muore Stalin;
1989, è l’ultimo Anno del Serpente del ventesimo secolo. Ha segnato l’inizio del crollo sovietico con rivoluzioni in Europa orientale.

Anno del Serpente 2013 – Ideologicamente inerte
L’arrivo di un nuovo Anno del Serpente 2013 ha suscitato previsioni sui cambiamenti sostanziali che potrebbero avvenire quest’anno in Russia. Il sito astrologico Astroscope, ha escluso una nuova rivoluzione russa, ma ha suggerito che il 2013 potrebbe vedere un crash dei mercati finanziari come quello del 1929 del martedì nero negli Stati Uniti, che ha scatenato la grande depressione del paese.
Altri astrologi sono apparsi più ottimisti sulle possibilità della Russia. Mikhail Chistyakov, sul suo sito web ha scritto:
«Naturalmente non vogliamo nessun male alla Russia, i cataclismi possono accadere non solo per noi ma anche per quelli dall’altra parte dell’Atlantico».
La Russia in un’altra predizione è vista come “bloccata” nel mezzo di una “lacuna” politica di cinquantadue anni. Se ideologicamente inerte lascerà il paese stabile fino al 2053. E’ questa la previsione dell’Anno del Serpente che la maggior parte dei politici russi può trovare gradita.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

1 thought on “Capodanno cinese: perché la Russia dovrebbe temere l’Anno del Serpente?

  1. Secondo l’oroscopo cinese, l’anno del serpente d’acqua nero comincia il 10 febbraio. L’astrologo ed esperto di feng shui Vladislav Obolonskij aiuta la «Voce della Russia» a capire chi sarà “baciato” da questo simbolo della saggezza cinese nel 2013.

Comments are closed.