Calciopoli – Ripreso il processo, il Milan picchia duro

Le intercettazioni telefoniche a carico di Leonardo Meani, «non possono essere utilizzate» e «sono destinate al macero» sulla base dell’articolo 271 del Codice di Procedura Penale. L’addetto agli arbitri del Milan, inoltre, ha «intrattenuto dei rapporti con una serie di persone conosciute da vent’anni», rapporti che appartengono «alla sfera delle sue amicizie». È la tesi difensiva esposta da Edda Gandossi, legale di Meani.
Secondo l’avvocato l’addetto agli arbitri del Milan, condannato in primo grado dalla Caf ad un’inibizione di 3 anni e 6 mesi, «ha intrattenuto rapporti con una serie di persone conosciute da vent’anni»: «Dai 3 mesi di intercettazioni telefoniche sull’utenza telefonica di Leonardo Meani il "reticolo di rapporti" che emerge appartiene alla sfera delle sue amicizie», ha detto la Gandossi, che ha citato tra i conoscenti di vecchia data del suo assistito i guardalinee «Babini e Puglisi» e l’ex arbitro «Collina».
L’avvocato della società rossonera Leandro Cantamessa parla della marginalità del ruolo di Meani: "La natura delle sue innocenti iniziative è determinata da un lato dai suoi rapporti personali e dall’altro sono autodeterminate, sono esclusivamente roba sua. Sono iniziative autonome e personali e lui è incontrollabile, perchè sono incontrollabili le cose che fa, visto che è inesistente da parte della società la possibilità di organizzare una vigilanza. La posizione funzionale di Meani è zero".
Adriano Galliani "non ha mai approvato la condotta di Leonardo Meani", lo ha detto l’avvocato Marco De Luca, legale dell’amministratore delegato del Milan, nel corso della sua arringa di fronte alla Corte Federale. "In un minuto e 40 secondi di conversazione – ha detto – non c’è il minimo segno di assenso, Galliani non dice nulla". Secondo l’avvocato "la Caf ha fatto un primo passo verso il proscioglimento, riconoscendo che da parte di Galliani non c’è stata alcuna condotta attiva. Di fronte a questa presa d’atto che avrebbe dovuto condurre ad un pieno proscioglimento la Commissione invece cambia strada. Si è passati da una condotta attiva, l’assenso, ad una condotta omissiva, il non aver mosso obiezioni. Si tratta di una mutazione che non so se sia giuridicamente proponibile".
"La richiesta della procura di aggravare la sanzione al Milan così da escluderlo totalmente dalle coppe è illegittima, così come la sentenza della Caf. Non si può – spiega De Luca – motivare una sanzione su quell’obiettivo, non si poteva e non si può perchè quella sanzione è prevista dalla lettera l. L’esclusione dalle competizioni
Fonte: Agenzie dalla Rete, La Stampa e altri.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

7 thoughts on “Calciopoli – Ripreso il processo, il Milan picchia duro

  1. Questo processo, se mi è consentito, è tutta una grandissima montatura. Una copertura per un regolamento di conti all’interno del mondo del calcio. Purtroppo ci siamo finiti dentro anche noi viola. Ciao

  2. Figurati se Galliani non scaricava la responsabilità … che gente … ancora hanno il coraggio di difendersi!! Un saluto, Lorenzo

  3. Galliani è un mito e nn si tocca,il Milan x una telefona di un minuto rischia la champion.

    l’unica partita su cui si discute è MILAN-CHIEVO,dove ci hanno annullato un gol valido,ma secondo voi il milan x battere il Chievo ha bisogno degli assistenti di linea…………..buffonata.

  4. Non ne posso più di calcio, di interessi milionari, di gente strapagata per far poco nulla…. Ohi ohi Patt, per me lo SPORT è un’altra cosa. Un bacione. ^__^

  5. Sono un ex-milanista, avvilito e molto deluso. Sarebbe meglio che il calcio gestito da 4 squadre non venga più fatto. Beati gli altri sport. Hockey, Basket, golf, e rugby. Questi sono veri sport, no quelle delle femminuccie del calcio, che per una pedata ad un pallone prendono quanto prendo io in tre mesi di stipendio. VERGOGNA. Stipendio da operaio e padalare….

  6. In Milan chievo si annulla n goal al chievo ….

    Nella telefonata e’ + che chiaro che Galliani ( abituato a scaricare gli altri e a non dire la verita’ , del resto ha avuto un buon maestro

Lascia un commento