Calciopoli – Ripresa l'udienza pomeridiana per Fiorentina, Milan, De Santis e Lotito

Il processo d’appello, di secondo grado, davanti alla Corte Federale, si chiuderà domani pomeriggio. A dare l’annuncio è stato lo stesso presidente della Corte, Piero Sandulli, poco prima della ripresa dell’udienza.
Alle ore 15.00 è ripresa all’hotel Parco dei Principi l’udienza del maxiprocesso su Moggiopoli. In programma per il pomeriggio la Fiorentina, il Milan, la posizione di De Santis, Mazzei, Babini e Puglisi e Lotito.
Il primo intervento, quello del Presidente della Fiorentina Diego Della Valle che ha detto:
"La cosa che dico e che penso, assolutamente non in polemica con la Procura, è che c’è un filone d’indagine che viene da chi ha fatto le indagini, le ha mandate alla Procura e così via. C’è un teorema, lo chiamo così per comodità, dove si pensa: questi hanno dato fastidio, li hanno vessati, si sono organizzati e tutto è andato posto. Si pensa che noi eravamo sotto schiaffo e che poi, dopo le elezioni di Figc e Lega, abbiamo avuto la nostra contropartita. Noi però non abbiamo cambiato linea rispetto a quando eravamo scomodi: siamo andati all’Antitrust, non abbiamo accettato scambi di giocatori con la Juve di Moggi, anche perchè pensavamo di averli pagati già abbastanza, qualche mese fa siamo stati gli unici a non essere d’accordo su come andava la Lega. Quando ho visto le foto del mio incontro con Bergamo, erano state fatte in modo da farlo sembrare un incontro sull’Aspromonte, mentre era il più bell’albergo di Firenze, e c’era tantissima gente. Sono due o tre mesi che siamo in questo tunnel e non riusciamo a uscirne. Chiedo che, quando io o mio fratello siamo offesi, quando prevale questo atteggiamento un pò da mitomani che ci tira dentro a tutto – ha detto l’azionista di riferimento della Fiorentina al presidente della Corte federale, Piero Sandulli – lei intervenga".(da Gasport e Repubblica)

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento