BotSpot in pochi secondi in modo dettagliato può creare una copia 3D di una persona (video)

BotSpot, una società con sede a Berlino, ha sviluppato uno dei più grandi scanner 3D, afferma che può prendere una scansione completa 3D di tutto il corpo in soli 0,01 secondi. A quella velocità, in un batter d’occhi, 70 fotocamere reflex digitali DLSR ad alta risoluzione di BotSpot hanno scansionato il corpo più di 30 volte con 16,7 milioni di colori possibili, rilevando ogni visibile ruga, fossetta e lentiggine.
Botspot per convertire la scansione dei dati, utilizza un processo chiamato fotogrammetria, senza l’utilizzo di laser con un computer e il software è in grado di trasformare ogni cosa, persona, animale, oggetti, in una copia digitale 3D con la semplice pressione di un pulsante, nel tempo record di 1/100° di secondo. BotSpot essenzialmente collega e “cuce insieme” le immagini prese da varie angolazioni per creare un modello tridimensionale proporzionale e molto dettagliato.
Lo scanner è normalmente alto 2,25 metri, ha un diametro di 2,80 a un’altezza di scansione di 1.90 metri. E’ costruito in moduli, può essere esteso e ampliato, quindi non ci sarebbe nessun problema per estendere il diametro a 10 metri con l’aggiunta di fotocamere per la scansione di un yacht a motore, un furgoncino o l’elefante.

Botspot negli ultimi tre anni, ha stabilito partnership con aziende mediche e industrie automobilistiche: aiuta i medici di Otto Bock Science Center di Berlino, a prendere le misure precise di persone amputate per fabbricare protesi; con la casa automobilistica tedesca, sta sviluppando un sistema scanner drive-through per ispezionare il carico di tir e altri veicoli.
La fascia di prezzo del Botspot  varia da 90.000 a 145.000 euro; il costo di una copia 3D di 15 cm di altezza è di 210 euro, quella di 35 cm costa 780 euro. La figura a grandezza naturale costa 15.000 euro.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento