Blood Works (Lavori di sangue) – Ritratti d'Amore e di sconfitte nell'epoca dell'Aids

Robert Sherer, l’artista più censurato d’America, mette in mostra i suoi quadri disegnati con sangue sano ed infetto, per denunciare il mondo progressivamente indifferente ad un’epidemia che resta in mezzo a noi

Robert Shere, autore di "Blood Works" spiega:
"I disegni realizzati, sono il frutto della mia rabbia e frustrazione per l’epidemia di Aids. L’oggetto della serie, riguarda la complessità della vita romantica e l’attrazione sessuale nell’epoca dell’Hiv" clicca (qui) e (qui) per vedere i quadri .
In aggiunta alla loro bellezza estetica e maestria tecnica, i disegni di Robert Shere (qui il suo sito), racchiudono una serie d’implicazioni contenute in un trascendente metaforico, come

quello di erigere una singola rosa rossa racchiusa in un preservativo traslucido, con le proprie spine pungenti che ondeggiano lungo la sua superficie in lattice.
Lungi dall’essere "sensazionale", "trasgres-sivo" o "irascibile", "Blood Works", contiene espressive allusioni in una forma tradizionalmente classica. Robert Shere, utilizzando un mezzo non convenzionale (il proprio sangue e quello donato dai suoi amici, uomini e donne HIV-positivi e HIV-negativi), si lega profondamente al suo lavoro, mettendo una parte di se stesso nella sua arte, rendendo tutti i suoi disegni più personali, politici, appassionati.
"Blood Works" esce dagli schemi del concetto "accademico", una dirompente intenzione di mostrare un mondo reale, dove i conti si fanno con gli aumenti di tassi d’infezione da Hiv, i super virus ed una popolazione progressivamente indifferente ad un’epidemia che resta in mezzo a noi.
Liberamente tradotto da
Little Gorgeous Things

, , , , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

5 thoughts on “Blood Works (Lavori di sangue) – Ritratti d'Amore e di sconfitte nell'epoca dell'Aids

  1. Sono rimasta affascinata. Dall’idea, dalla forma, dall’attualità del messaggio, che viene collettivamente rimosso.

    Ti ringrazio per averlo postato,ho trovato anche i quadri singolarmente espressivi.

    “Ritratti d’Amore e di sconfitte nell’epoca dell’Aids”. Bello.

    ciao

    cris

  2. è l’arte contemporanea, baby!

    all’università ne ho studiate di cose incredibili e quella dell’uso del proprio corpo e delle sue parti è piuttosto in voga… in questo caso però lo trovo molto più commovente perchè la “materia prima” contiene in se la morte… bla bla bla… potrei farci una disquisizione…

  3. hneeta Grazie per il commento.
    kennesaw.edu/arts/bloodworks, dove, in Italia? grazie.
    Rea Robert Shere, ha pensato di protestare con questa forma d’arte contro tutte le indifferenze e apatie nel mondo di chi resta indifferente alla violenza, la guerra, il razzismo, l’aids.

  4. ciao, volevo portarti a conoscenza di questa petizione contro la mafia per chiedere il risarcimento danni a cosa nostra molti blog e siti hanno gia aderito firmando e inserendo uno di questi banner Speriamo voglia partecipare anche tu

Lascia un commento