Blitz dell'Esercito irlandese per liberare sei ministri del Parlamento, tenuti in ostaggio da un ascensore

Tutto bene, quello che finisce bene, mentre il mondo seguiva con apprensione la vicenda dei marinai inglesi tenuti in ostaggio in Iran, ipotizzando un possibile invio di Forze speciali inglesi per liberarli, l’Esercito irlandese è intervenuto in forze per liberare sei ministri, "catturati" da un ascensore difettoso.
Un commando dell’Esercito irlandese, con un  blitz spettacolare si è introdotto all’interno del palazzo parlamentare, ha localizzato l’ascensore incriminato, liberando velocemente i  sei ministri tenuti in ostaggio da 30 minuti.
Il ministro degli esteri Dermot Ahern, uno dei sei ministri presi in ostaggio dall’ascensore, intervistato dalla stazione radio Rte, ha detto:
"Non è stata una simpatica esperienza, dopo 20 minuti l’interno dell’ascensore era surriscaldato, mentre i miei colleghi ministri della Finanza, Salute, Istruzione, Agricoltura e Comunicazioni, si divertivano a fare ogni genere di scherzi".
Sarà per il clima goliardico all’interno dell’ascensore, fatto sta’ che Willie O’Dea, Ministro della Difesa, in allerta (di suo) per la vicenda dei soldati inglesi, ha immediatamente mandato l’Esercito a liberare i ministri intrappolati nell’ascensore, quando qualcuno di loro, l’ha chiamato al cellulare, chiedendo aiuto.
Liberamente tradotto da Wayodd

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

7 thoughts on “Blitz dell'Esercito irlandese per liberare sei ministri del Parlamento, tenuti in ostaggio da un ascensore

  1. ma non bastava un tecnico di ascensori????? Addirittura l’esercito hanno mandato…va bhe che erano ministri!!!

  2. … anche in Irlanda non sanno come spendere i soldi dei cittadini… ;)))

    salutoni e ;*

    AvvocangelPaola

  3. Con l’augurio che questa Santa Pasqua sia l’inizio di una stagione di gioa, salute, successo e gratificazioni per te…

Lascia un commento